Skip to navigation – Site map

HomeIssues190 (LXIV | I)Rassegna BibliograficaOttocento a) dal 1800 al 1850Peter Brooks, Balzac: l’invenzion...

Rassegna Bibliografica
Ottocento a) dal 1800 al 1850

Peter Brooks, Balzac: l’invenzione dell’Ottocento, in Lo sguardo realista

Marco Stupazzoni
p. 195
Bibliographical reference

Peter Brooks, Balzac: l’invenzione dell’Ottocento, in Lo sguardo realista, traduzione di F. Casari, Roma, Carocci editore, 2017, «Frecce», pp. 31-51.

Full text

1Comprendere le strutture profonde e le contraddizioni della società del proprio tempo significa penetrare nei suoi labirinti, andare oltre le apparenze, leggere e decifrare i segni, anche più minuscoli, della sua presunta interezza organica dietro cui, come il retroscena di un palcoscenico, si nasconde una disorganizzazione semiotica fluida ed instabile a livello politico, sociale, economico, spirituale e morale. Da questo punto di vista, Balzac, scrive P. Brooks in questo illuminante studio, focalizzato quasi interamente sull’analisi di Illusions perdues (a cui segue, alle pp. 147-166, un altro saggio dedicato alla rappresentazione di Parigi nella Comédie humaine: Città irreale: Parigi e Londra in Balzac, Zola e Gissing), ha inventato il xix secolo «dando forma ai suoi agglomerati urbani, alle sue nascenti dinamiche capitalistiche, al culto sfrenato per la personalità individuale» (p. 32).

2Al suo arrivo a Parigi, Lucien de Rubempré scopre in maniera traumatica il mondo delle necessità superflue e come il valore delle cose e delle persone sia strettamente legato alla pregnanza rappresentativa dei loro segni esteriori e alle leggi del mercato. Tutto è bifronte nel campo del pensiero (e non solo): tutto è inserito all’interno di un sistema di circolazione «dominato dal cash nexus» (p. 37), nel quale anche la rappresentazione stessa del pensiero (dalla letteratura al giornalismo) è mercificata e messa in vendita al miglior offerente. In Illusions perdues, il segno giornalistico, come quello del denaro, non detiene una relazione stabile con il proprio referente: «il giornalista deve intendere i segni linguistici dei quali si serve dal punto di vista del lettore: solo questo conta» (p. 44). Balzac ritrae una realtà il cui «progetto centrale è l’autorappresentazione» (ibid.) e in cui l’indefinito sistema di circolazione dei segni sembra determinarne progressivamente il collasso. Balzac è pienamente consapevole di essere, lui stesso, vittima di questa «catastrofe semiotica»: infatti, egli sa, forse più di ogni altro, che lo scrittore non può e non potrà mai «sfuggire alla storia materiale del proprio tempo» (p. 50).

Top of page

References

Bibliographical reference

Marco Stupazzoni, « Peter Brooks, Balzac: l’invenzione dell’Ottocento, in Lo sguardo realista »Studi Francesi, 190 (LXIV | I) | 2020, 195.

Electronic reference

Marco Stupazzoni, « Peter Brooks, Balzac: l’invenzione dell’Ottocento, in Lo sguardo realista »Studi Francesi [Online], 190 (LXIV | I) | 2020, Online since 01 May 2020, connection on 19 September 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/22891

Top of page
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals
Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search