Navigazione – Mappa del sito
Rassegna Bibliografica
Novecento e XXI secolo

Adrien Bouhours, Jean Cocteau apôtre de la modernité. Une exploration des sources de la difficulté d’être

Paola Codazzi
p. 212
Notizia bibliografica:

Adrien Bouhours, Jean Cocteau apôtre de la modernité. Une exploration des sources de la difficulté d’être, Paris, Eurédit, 2018, 342 pp.

Testo integrale

1Il volume di Adrien Bouhours si presenta come una rielaborazione della sua tesi di laurea, discussa a conclusione di un percorso di tre anni condotto all’Università di Bordeaux. La sua formazione pluridisciplinare si riflette nella scelta di un argomento che, a partire dal titolo, si situa all’intersezione tra letteratura e storia delle religioni.

2È attorno al significato del termine “apostolo” che si articola la prima parte del saggio (pp. 21-79). In poche pagine, l’A. ripercorre le tappe fondamentali della ricerca espressiva di Cocteau, allo scopo di mostrarne la profonda unità, fondata sull’intreccio sottile di arte e vita. La seconda nutre la prima, al punto che l’opera può essere considerata, nel suo insieme, come un lungo diario intimo affidato al lettore (pp. 29-45). E alla prima è dedicata la seconda, come l’A. sottolinea a più riprese, insistendo sul valore, potremmo dire spirituale, che Cocteau attribuisce alla propria attività creatrice (pp. 47-79). Questi considera la letteratura come una missione, di cui la parola – e in particolare la parola poetica – è lo strumento. Ma di quale religione, di quali idee, si è fatto portavoce?

3Per rispondere a questa domanda, la seconda parte del volume indaga le origini storiche e letterarie, ma soprattutto religiose e filosofiche, del pensiero di Cocteau (pp. 81-179). L’A. dedica un intero capitolo a Nietzsche, la cui influenza appare determinante (pp. 91-123). Ma molti altri elementi contribuiscono a forgiare l’opera, nella forma come nei contenuti. È sufficiente considerare i titoli di alcune poesie – «La Crucifixion», «L’Annonciation»… – per capire quanto la Bibbia rappresenti un orizzonte di riferimento constante (pp. 125-131). Meno noto, e in questo l’A. afferma l’originalità del proprio approccio, è l’interesse manifestato da Cocteau per l’occultismo e lo spiritismo, da cui trae spunto per la creazione dei suoi personaggi, descritti come dei «fantômes» da François Mauriac (p. 133).

4Questo sistema complesso di riferimenti, rielaborati in maniera originale, è ciò che costituisce, secondo l’A., la modernité di Cocteau. La terza parte del saggio sviluppa tale intuizione: dopo una breve sintesi storica, che mira a fornire alcuni elementi di contestualizzazione (pp. 183-192), viene investigato il rapporto dello scrittore con la fede e la religione, con l’obiettivo di mostrarne gli aspetti più problematici e per questo meno studiati. L’A. ritorna su un evento di grande importanza: non la conversione dello scrittore al cattolicesimo, bensì, con un termine più appropriato, il suo ritorno al cattolicesimo (pp. 193-214). Ritorno che è immediatamente seguito da una presa di distanza, che coincide con la pubblicazione del Livre blanc, qui analizzato in parallelo con À rebours di Huysmans (pp. 215-220). Il libro, pubblicato nel 1928 da Maurice Sachs, è più volte evocato anche nelle pagine che seguono, poiché esso si trova all’origine della rottura di Cocteau con Jacques Maritain e determina, sebbene in maniera indiretta, il suo allontanamento da Mauriac (pp. 221-236). Seguendo da vicino l’A., capitolo dopo capitolo, è possibile tracciare i contorni di una religione personale, individuale e individualista, che recupera elementi del passato trasfigurandoli (pp. 237-278).

5La lucidità di cui fa prova Cocteau nell’osservare il suo stesso pensiero e la consapevolezza con la quale decide di aderirvi, pur conoscendo i sacrifici che questa scelta comporta, sono all’origine di quella difficulté d’être che rappresenta l’ultima tappa del presente saggio (pp. 279-289). Ultima tappa anche nell’itinerario dello scrittore, che verso la fine della propria vita sperimenta «une mort avant l’arrivée de la mort» che lo conduce a rileggere, in chiave strettamente personale, il pensiero di Pascal (pp. 291-310). Più di molti suoi contemporanei, Cocteau ha saputo provare (e descrivere) il senso del tragico, anticipando in ambito religioso tendenze contemporanee, alle quali l’A. fa allusione nella conclusione (pp. 311-319). Un Cocteau moderno, come dimostrato in queste pagine, verrebbe quasi da dire attuale.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Paola Codazzi, « Adrien Bouhours, Jean Cocteau apôtre de la modernité. Une exploration des sources de la difficulté d’être »Studi Francesi, 190 (LXIV | I) | 2020, 212.

Notizia bibliografica digitale

Paola Codazzi, « Adrien Bouhours, Jean Cocteau apôtre de la modernité. Une exploration des sources de la difficulté d’être »Studi Francesi [Online], 190 (LXIV | I) | 2020, online dal 01 mai 2020, consultato il 05 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/23047

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals