Navigazione – Mappa del sito
Rassegna Bibliografica
Novecento e XXI secolo

Jean-Louis Garitte, Brassens. Mais où sont les mots d’antan?

Fabio Scotto
p. 214
Notizia bibliografica:

Jean-Louis Garitte, Brassens. Mais où sont les mots d’antan?, Neuilly, Atlande, 2017, «Dictionnaire», 759 pp.

Testo integrale

1Si deve al belga Jean-Louis Garitte un ricco e accurato dizionario dedicato all’opera del grande cantautore francese Georges Brassens (1921-1981), che rappresenta con Jacques Brel e Léo Ferré, pur nelle ben note rispettive differenze stilistiche reciproche, uno dei maestri della stagione più fulgida della canzone d’autore d’espressione francese novecentesca.

2Concepito come analisi di un vasto corpus di oltre duecento canzoni, comprese alcune inedite, il dizionario, spiega il Curatore nella sua premessa «Brassens dans le texte» (pp. 13-19), che rammenta le origini e la formazione della vocazione di «un auteur qui est devenu un serviteur de la langue française», articola i vari lemmi attraverso un rimando alla canzone che li contiene richiamandone i versi specifici, dando conto dei riferimenti e delle allusioni letterarie (per un autodidatta formatosi su Villon, La Fontaine, Lamartine, Hugo, Rimbaud, Fort, Jammes, de Banville assai importanti…), degli argotismi, dei nomi propri e della fraseologia specifica, oltre che della definizione corrente dei termini rubricati, così da meglio coglierne lo scarto poetico nelle canzoni.

3Attraverso queste pagine è possibile rendersi conto dell’ampiezza e della varietà dell’ispirazione del grande artista, che spazia su un’ampia gamma di registri linguistici, fondendo il linguaggio popolare con il linguaggio culto, se nel suo lavoro il testo è principe: «Je décalque la musique sur le texte, je suis le rythme du vers» (p. 14).

4Conclude l’opera, certo strumento prezioso per tutti gli studiosi e gli appassionati di Brassens, una sezione «Outils», che comprende le rubriche «Allusions et similitudes», che consente di risalire ai rimandi letterari presenti nei testi, «Les noms propres» e «Index des chansons».

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Fabio Scotto, « Jean-Louis Garitte, Brassens. Mais où sont les mots d’antan? »Studi Francesi, 190 (LXIV | I) | 2020, 214.

Notizia bibliografica digitale

Fabio Scotto, « Jean-Louis Garitte, Brassens. Mais où sont les mots d’antan? »Studi Francesi [Online], 190 (LXIV | I) | 2020, online dal 01 mai 2020, consultato il 13 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/23092

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals