Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri190 (LXIV | I)Rassegna BibliograficaOttocento b) dal 1850 al 1900Stefano Agosti, Tre lezioni a Ca’...

Rassegna Bibliografica
Ottocento b) dal 1850 al 1900

Stefano Agosti, Tre lezioni a Ca’ Foscari

Mario Richter
p. 205-206
Notizia bibliografica:

Stefano Agosti, Tre lezioni a Ca’ Foscari, a cura di A. Costantini, Venezia, Cafoscarina, 2018, 72 pp.

Testo integrale

1In questo agile e istruttivo libretto Alessandro Costantini ha riunito in ordine cronologico tre lezioni e un breve discorso che il compianto Stefano Agosti ha pronunciato a Ca’ Foscari rispettivamente il 28 aprile, il 27 ottobre 2015, il 3 ottobre 2017 e il 7 novembre 2018.

2La prima lezione (pp. 11-28), dedicata alla “Poetica di Mallarmé”, fa vedere attraverso quali strategie il poeta «giunge, se non alla lingua pentecostale, per lo meno a una iperlingua», ossia una lingua che possa andare al di fuori degli schemi canonici della tradizione grammaticale e sintattica francese. Questa poetica è via via illustrata da pertinenti esempi tratti da Les Noces d’Hérodiade, dal Coup de dés, dalla Prose pour des Esseintes, da L’Après-midi d’un faune (a cui Agosti dedicò un noto libro pubblicato da Feltrinelli nel 1991), dal Toast funèbre e dalla Crise des vers. Vi si dimostra brillantemente il valore dell’opera mallarmeana «nel suo stato di purezza, nel suo punto massimo di rapporto con l’espressività del soggetto e con l’assolutezza della lingua».

3La seconda lezione («Statuti della poesia: Contini, Jakobson, Lacan», pp. 29-49) è un’interessante “autobiografia letteraria”. Agosti vi ripercorre il suo personale itinerario filologico a cominciare dalle giovanili suggestioni metrico-linguistiche provenienti soprattutto da Carducci e dall’apprezzatissimo Pascoli. Ben presto queste trovano una solida sistemazione scientifica nella filologia di Gianfranco Contini, in particolare nel suo «esercizio di lettura» («prima dell’interpretazione bisogna vedere quello che dice davvero il testo») esemplarmente rappresentato dal saggio Preliminari sulla lingua del Petrarca (1951) e subito diventato per Agosti guida fondamentale per i suoi studi su Mallarmé intesi ad «auscultare il testo nelle vibrazioni profonde della lettera». Le allitterazioni, illustrate da persuasivi esempi, assumono un valore centrale in questa ricerca. Sull’insegnamento di Contini si inserisce successivamente la lezione di Jakobson, fondata sulla biunivocità del segno, significante-significato (nello sfondo si erge pur sempre il capostipite Saussure). Infine Lacan diventa particolarmente istruttivo per il suo apporto di impegno psicoanalitico riguardante la metafora e la metonimia e in particolare l’arbitrarietà del segno, che genera nel soggetto un manque o una divisione dovuta al fatto che «il sistema della lingua è autonomo rispetto alla rappresentazione del mondo» .

4La terza e ultima lezione è dedicata a un tema che ha occupato in prevalenza e con particolare intensità gli studi della maturità di Agosti («Poesia e psicanalisi»). La riflessione riguarda il discorso normativo come affermazione dell’Altro «che è quello del linguaggio in cui il soggetto è incapsulato come in una gabbia» e un secondo tipo di discorso «in cui Lacan individua la parola come parola dell’Altro dell’Altro, cioè un’esteriorità rispetto al primo Altro, discorso rappresentato dal secondo Altro» (ibid.), che poi è «quel tipo di parola che fonda e che costituisce il linguaggio poetico», una parola che, dice Lacan, «se dessine comme telle», ossia «prende figura». Strumento essenziale del discorso poetico dell’Altro dell’Altro è l’allitterazione, che «tende a produrre autonomamente un oggetto di senso che sta fuori dalle circoscrizioni concettuali» fino anche a mettersi in opposizione al linguaggio normale. La Jeune Parque di Valéry e una sua poesia dell’epoca che la precede, “Les Pas”, servono ad Agosti per mostrare in quale modo «una forza primordiale è insita nelle parole che vengono allineate, performate dall’enunciato allitterativo che dovrebbe rappresentare la realtà dell’inconscio» . In questi testi appare illustrata con singolare chiarezza l’esistenza di «un soggetto logico, cartesiano», ossia l’Altro, e un secondo soggetto, che è l’Altro dell’Altro. La lezione si conclude suggestivamente con la citazione di una poesia di Vittorio Sereni (Non sa più nulla, è alto sulle ali) tratta dal Diario d’Algeria, nella quale si dà «l’affermazione di un autore che dice cose che la poesia non dice, perché la poesia ne dice altre», potendosi dunque concludere che «il testo ne sa più dell’autore» .

5Il libro si conclude con un toccante discorso pronunciato da Agosti il 7 novembre 2018 in occasione della ricorrenza dei 150 anni della fondazione di Ca’ Foscari, dove lo studioso ha insegnato dal 1970 riconoscendo di dovere all’istituzione veneziana “una gratitudine infinita”.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Mario Richter, « Stefano Agosti, Tre lezioni a Ca’ Foscari »Studi Francesi, 190 (LXIV | I) | 2020, 205-206.

Notizia bibliografica digitale

Mario Richter, « Stefano Agosti, Tre lezioni a Ca’ Foscari »Studi Francesi [Online], 190 (LXIV | I) | 2020, online dal 01 mai 2020, consultato il 25 septembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/23189; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.23189

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search