Navigazione – Mappa del sito
Rassegna Bibliografica
Ottocento b) dal 1850 al 1900

Guy de Maupassant, Œuvres Complètes

Maria Emanuela Raffi
p. 206
Notizia bibliografica:

Guy de Maupassant, Œuvres Complètes, dir. d’A. Fonyi, Chroniques, I (1876 - mars 1882), édition de M.-F. Melmoux-Montaubin et A. Geisler-Szmulewicz, Paris, Classiques-Garnier, 2019, 1105 pp.

Testo integrale

1Come precisa con chiarezza Antonia Fonyi nei Principes de cette édition e come mostrano dettagliatamente nella lunga Introduction (pp. 13-85) le due curatrici, la nuova edizione delle Œuvres Complètes di Maupassant, che questo volume inaugura, vuole dare più spazio non solo alla più ampia documentazione consentita dagli strumenti tecnologici, ma anche al ruolo profondo della realtà contemporanea nell’opera intera dello scrittore: «nous espérons aussi donner à lire, à travers l’appareil critique tout un chapitre d’histoire de civilisation». Il senso di aprire con il primo volume delle Chroniques quello che sarà un insieme di «six volumes de romans, six volumes de nouvelles, trois volumes de chroniques, un volume de récits de voyage, un volume de poésies, un volume de théâtre» appare quindi subito evidente. L’altro motivo di questa “apertura” è il fatto che, benché spesso antologizzate, le cronache non sono apparse frequentemente nelle edizioni critiche e quasi mai in modo completo.

2Dopo l’indicazione e la breve presentazione delle varie riviste in cui esse sono state pubblicate, la questione degli pseudonimi adottati (Maufrigneuse, Guy de Valmont e altri), l’approfondimento dell’influenza fondamentale di Flaubert e di quella, meno determinante ma significativa, di altri letterati e filosofi, si impone necessariamente una riflessione sul genere, sia a livello teorico che per la definizione del corpus. «Le genre hésite entre deux pôles, historique et fictionnel» affermano le curatrici, indicando poi diverse forme di oscillazione nelle Chroniques di Maupassant, ma trovandone anche gli elementi comuni e caratterizzanti: «dimension discoursive», «légèreté», «vivacité». Nel tentativo di organizzare la varietà dei soggetti, Melmoux-Montaubin e Geisler-Szmulewicz definiscono alcune categorie fondamentali di cronache: quelle relative ad «art et littérature», le «questions de société» e soprattutto i récits de voyage, che in questo primo volume sono estremamente numerosi, soprattutto se vi si includono quelli definiti dalle curatrici “chroniques-reportages” dall’Algeria del 1881, in cui Maupassant manifesta una notevole indipendenza di giudizio. Sposando di volta in volta punti di vista diversi, e firmando gli articoli con diversi nomi, lo scrittore si propone di tracciare «la situation exacte où se trouvent le colon et l’indigène», salvaguardando sempre l’idea di una differenza radicale di esistenza, che gli Europei cercano forzatamente di annullare.

3Il modesto successo delle Chroniques presso i contemporanei, soprattutto scrittori, vede due importanti eccezioni, Paul Bourget e Stéphane Mallarmé, che sostengono «l’art de la chronique» propria di Maupassant.

4Precisi Repères chronologiques, un denso apparato di note, una vasta bibiografia e un indice dei nomi completano l’edizione, ma soprattutto la ricchezza e la precisione delle Notices premesse dalle curatrici ad ogni singola cronaca.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Maria Emanuela Raffi, « Guy de Maupassant, Œuvres Complètes »Studi Francesi, 190 (LXIV | I) | 2020, 206.

Notizia bibliografica digitale

Maria Emanuela Raffi, « Guy de Maupassant, Œuvres Complètes »Studi Francesi [Online], 190 (LXIV | I) | 2020, online dal 01 mai 2020, consultato il 13 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/23194

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals