Navigazione – Mappa del sito
Rassegna Bibliografica
Opere generali e comparatistica

Faire Littérature. Usages et pratiques du littéraire (xixe-xxie siècles), dir. D. Abrecht, R. Bionda

Luana Doni
p. 233-234
Notizia bibliografica:

Faire Littérature. Usages et pratiques du littéraire (xixxixe-xxixxie siècles), dir. D. Abrecht, R. Bionda et al., Archipel Essais, Université de Lausanne, 2019, 153 pp.

Testo integrale

1Il presente volume si profila come l’analisi di nove casi di studio volti ad esaminare i rapporti che intercorrono tra la letteratura e tutte quelle discipline che all’apparenza risultano senza connessioni con l’ambito del letterario, come il diritto, la storia, l’innovazione scientifica, il marketing, la medicina, la politica, il rap, la sociologia e il teatro.

2Nell’articolo di Jacob Lachat (Le creuset de l’histoire: la référence littéraire dans les récits de vocation d’Historiens, pp. 19-31) in apertura del volume, viene riportata l’indagine intorno alla propensione da parte degli storici per il racconto di stampo autobiografico. L’A. si interroga dunque sul ruolo giocato dalla letteratura nella costruzione dell’ethos professionale dello storico, a partire dall’esperienza di Auguste Thierry, celebre storico del xix secolo e fondatore della così detta “scienza-storica”. Auguste Thierry riporta nei suoi scritti la lettura entusiasta dei Martyrs di Chateaubriand, avvenimento decisivo che sta alla base della sua vocazione per lo studio della storia.

3Il testo risulta interessante non soltanto per i numerosi racconti che intrecciano letteratura e storia presenti al suo interno, ma anche per la scelta, operata da Thierry, di servirsi di uno stile che attinge alla tradizione estetica letteraria.

4Il volume prosegue con il contributo di Émilien Sermier (Le rap, aux noms des poètes. De MC Solaar à Vîrus, pp. 33-46) che introduce un altro caso incentrato sul mondo del rap francese. Tale tipologia di composizione musicale non ha mai fatto mistero del suo profondo legame con la letteratura, e in particolare con la poesia. Il cantante Mc Solaar è considerato a questo proposito il poeta rapper per eccellenza; la sua raccolta intitolata Géopoétique è intrisa di riferimenti poetici che vanno da Péguy a Duras, passando per Neruda. Ma Mc Solaar non è l’unico caso: Lucio Bukowski e Vîrus sono altri due autori citati, il cui scopo è quello di promuovere una coesione transnazionale attraverso la condivisione letteraria e musicale.

5Anche la politica risulta intrattenere legami con la letteratura. La riflessione di François Demont (Ces politiques qui écrivent. Modalités politiques et littéraires dans l’œuvre d’Édouard Philippe, pp. 47-61) verte sugli esempi di uomini politici fra i quali Édouard Philippe, primo ministro francese e co-autore di due romanzi polizieschi, che hanno saputo utilizzare il mezzo letterario nella costruzione di un’immagine politica.

6L’etichetta di romanzo è stata attribuita in tempi recenti anche a tutte quelle pubblicazioni che passano sotto il nome di “racconto d’inchiesta” o “romanzo vero”, nei quali trovano margine d’ingresso tutte quelle discipline che fanno parte della sfera delle scienze umane e sociali (Mathilde Zbaeren, Raconter ou relater la catastrophe? Usage du faux témoignage en sciences sociales à partir de La Supplication: Tchernobyl, chroniques d’après l’apocalypsede Svetlana Aleksievic (Lattès, 1998 [1997], pp. 63-76). È il caso, questo, della giornalista bielorussa Svetlana Aleksievič, autrice di numerosi racconti di testimonianza sulla storia dell’Unione Sovietica. Lo scopo della ricerca non è quello di verificare la veridicità di quanto riportato da Svetlana Aleksievič, bensì quello di capire in che modo l’uso della narrazione letteraria possa giovare alla ricerca in campo sociologico.

7La stessa problematica viene affrontata in campo medico da Sophie-Valentine Barloz (Intégration du littéraire au sein du discours mèdical: “La dissection du livre de M.A. Belot”, pp. 77-90) in merito al caso di Adolphe Belot. Autore di due grandi successi della letteratura ottocentesca, Mademoiselle Giraud, ma femme e La Bouche de Madame X***, che trattano rispettivamente dell’omosessualità femminile e del feticismo amoroso, Belot si esprime in quanto perfetto conoscitore della fisiologia umana. Tema centrale dell’analisi proposta da Sophie-Valentine Barloz è la convocazione in ambito medico dei romanzi di Belot come casi di studio forniti agli apprendenti e riguardanti patologie a livello sessuale o igienico.

8Seguendo rigorosamente tre tappe – dire, leggere e scrivere – Charlotte Dufour (Les voi(x)es du droit. Dire, lire, écrire, pp. 91-103) si interroga sulla funzione della letteratura in ambito legislativo. In che modo il testo letterario viene convocato in ambito giuridico? E come viene modificato a seconda delle specifiche esigenze? Charlotte Dufour mette in campo l’uso di racconti, tra i quali Davanti alla legge di Kafka.

9Anche in ambito strettamente commerciale la letteratura sembra fornire un valido percorso di formazione aziendale. L’articolo di Samuel Estier (Les livres favoris des PDG, pp. 105-118) fa luce sulle innovazioni apportate dal sistema educativo francese in ambito commerciale. Gli esempi abbondano: dalla creazione nel 2016 di un “Circolo Letterario” alla HEC Senior, all’apertura di atelier di scrittura all’interno di aziende come Renault, Randstad e Crédit Agricole e ancora alla pubblicazione del volume La Malle a seguito del salotto di scrittura inaugurato da Louis Vuitton, la letteratura sembra fornire uno strumento più che valido alla formazione manageriale e alla riuscita economico-sociale di un’azienda.

10Allegoria dell’evoluzione dell’intelligenza umana e capolavoro della science-fiction, 2001 Odissea nello spazio di Stanley Kubrick mette in gioco un sapere letterario in quanto arte della finzione alle prese con la costruzione di mondi possibili. L’intento di Colin Pahlisch (Lire les promesses scientifiques. Pour une épistémologie coopérative entre science et fiction, pp. 119-134) è quello di dimostrare che la letteratura, al pari dell’evoluzione tecnologica, è un campo di ricerca in perpetuo mutamento, che non cesserà di estendersi verso nuovi orizzonti espressivi in continua tensione rispetto a ciò che ancora rimane da scoprire.

11In chiusura del volume, il contributo di Delphine Abrecht e Romain Bionda (L’écriture de plateau fait-elle littérature? Réflexions à partir de “C’est une affaire entre le ciel et moi”, mise en scène de Christian Geffroy Schlittler, pp. 135-150) vuole indagare in quale misura uno spettacolo possa fare allo stesso tempo teatro e letteratura. Punto di partenza dell’indagine è la produzione teatrale contemporanea, e in particolar modo C’est une affaire entre le ciel et moi, opera basata sul Don Giovanni di Molière e messa in scena da Christian Geffroy Schlittler. Tale spunto fornisce i mezzi per suddividere l’analisi secondo tre modalità di fare letteratura in teatro: una rappresentazione può “fare letteratura” facendo “opera”, ossia partendo da un soggetto esistente; facendo “testo”, ossia attivando nell’audience la modalità propria alla lettura; e, in ultimo, può “fare letteratura” facendosi letteratura a sua volta, poiché i modi di creazione e di diffusione del teatro e della letteratura convergono nella maggior parte dei casi.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Luana Doni, « Faire Littérature. Usages et pratiques du littéraire (xixe-xxie siècles), dir. D. Abrecht, R. Bionda »Studi Francesi, 190 (LXIV | I) | 2020, 233-234.

Notizia bibliografica digitale

Luana Doni, « Faire Littérature. Usages et pratiques du littéraire (xixe-xxie siècles), dir. D. Abrecht, R. Bionda »Studi Francesi [Online], 190 (LXIV | I) | 2020, online dal 01 mai 2020, consultato il 12 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/23362

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals