Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Cinquecento

Rosanna Gorris Camos, «Le ali del pensiero»: échos, résonances et intertextes pétrarquistes dans “L’Olive” de Du Bellay

Filippo Fassina
p. 592
Notizia bibliografica:

Rosanna Gorris Camos, «Le ali del pensiero»: échos, résonances et intertextes pétrarquistes dans “L’Olive” de Du Bellay, «Italique», XV (2012), pp. 73-136.

Testo integrale

1Il presente lavoro si inserisce nell’importante filière di studi sui rapporti di imitazione e di intertestualità fra le opere dei neopetrarchisti italiani e francesi. In particolare, partendo dall’Olive di Du Bellay, l’A. fornisce un quadro estremamente ampio e articolato non solo dei rapporti diretti fra gli autori che riprendono immagini e stilemi di Petrarca, ma anche dell’evoluzione che questa imitatio subisce nel tempo. Viene, infatti, preso in esame il passaggio da un petrarchismo esclusivamente amoroso a una poetica di carattere più religioso, che vede nelle Rime spirituali di Vittoria Colonna la sua massima espressione. Attraverso un’accurata analisi intertestuale, l’A. dimostra che «le lexique néopétrarquiste et néoplatonicien de l’Olive peut acquérir une nouvelle dimension spirituelle, mais aussi poétique, si on le lit à la lumière des Rime spirituali et du renouvellement poétique qu’elles ont engendré» (p. 79). L’analisi presentata in questo lavoro, tuttavia, non si limita al solo rapporto fra Du Bellay e Vittoria Colonna, ma si estende a una rosa di relazioni più ampia tra Francia e Italia. Fra gli esempi riportati in questo studio, ricordiamo in primo luogo il consistente epistolario – peraltro, poco studiato – che contiene il carteggio di Vittoria Colonna con Marguerite de Navarre e con Michelangelo. L’approfondimento che viene qui offerto permette di ricostruire uno scambio di idee e una connivence spirituelle, che hanno influenzato profondamente la produzione letteraria e artistica del tempo. Inoltre, viene messo in atto un confronto puntuale tra l’opera di Vittoria Colonna e quelle di altri eruditi europei: in particolare, Bernardino Ochino (per le sue opere teologiche), Michel de l’Hospital, Marcantonio Flaminio (autore del Beneficio di Cristo), Nicolas Denisot (autore del Tombeau de Marguerite de Navarre) e Veronica Gambara. Il variegato e vivace contesto letterario e culturale descritto in questo studio si riflette, dunque, nell’opera di Du Bellay, che riesce a riassumere nella sua imitatio sia il petrarchismo tradizionale, sia le nuove tendenze spirituali, che rappresentano la vera e propria svolta poetica e teologica di Vittoria Colonna, e che diverranno un modello di riferimento per tutte le successive forme di neopetrarchismo.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Filippo Fassina, « Rosanna Gorris Camos, «Le ali del pensiero»: échos, résonances et intertextes pétrarquistes dans “L’Olive” de Du Bellay »Studi Francesi, 171 (LVII | III) | 2013, 592.

Notizia bibliografica digitale

Filippo Fassina, « Rosanna Gorris Camos, «Le ali del pensiero»: échos, résonances et intertextes pétrarquistes dans “L’Olive” de Du Bellay »Studi Francesi [Online], 171 (LVII | III) | 2013, online dal 30 novembre 2015, consultato il 05 juin 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/2727

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals