Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri171 (LVII | III)Rassegna bibliograficaCinquecentoFrançois Rouget, Ronsard et le li...

Rassegna bibliografica
Cinquecento

François Rouget, Ronsard et le livre. Étude de critique génétique et d’histoire littéraire. Seconde partie: Les livres imprimés

Dario Cecchetti
p. 592-593
Notizia bibliografica:

François Rouget, Ronsard et le livre. Étude de critique génétique et d’histoire littéraire. Seconde partie: Les livres imprimés, Genève, Droz 2012, («Cahiers d’Humanisme et Renaissance», vol. 109), pp. 742.

Testo integrale

1Esce ora la seconda parte del monumentale studio di critica genetica su Ronsard, di cui François Rouget ci aveva già offerto un primo volet concernente i testi manoscritti ronsardiani (Première partie: Lectures et textes manuscrits, Genève, Droz, 2010: cfr. questi «Studi», 163, 2011, p. 157). In questo volume, il discorso che l’A. aveva sviluppato allo scopo di mettere in evidenza i principi di redazione e di diffusione manoscritta che governano la poesia ronsardiana, viene esteso alla produzione e diffusione delle opere stampate. Se l’affermazione che l’enorme fortuna dell’opera di Ronsard è legata allo straordinario progresso dell’imprimerie francese del Cinquecento può sembrare banale, è tuttavia indubbio che Ronsard approfitta con piena consapevolezza del successo della stampa, non solo, ma lungo tutta la sua carriera segue da vicino e con estrema attenzione le vicende editoriali dei suoi testi. È la storia di queste vicende ad essere qui tracciata: l’A. «ha qui congiuntamente ricostituito la genesi dell’opera poetica (prospettiva letteraria) in relazione con la sua storia editoriale (impaginazione, fabbricazione, commercializzazione), e ha valutato il posto e il ruolo esercitato da Ronsard e dai suoi interlocutori dell’editoria (stampatori, correttori, librai, ecc.) nella produzione dei suoi libri e, di conseguenza, nella trasformazione del poeta in autore classico». Infatti, lo sviluppo e la diffusione della stampa non ha soltanto favorito la fortuna dell’opera degli autori, ma ne ha cambiato l’autocoscienza, spingendoli inoltre a costanti pratiche di autopromozione per agevolare la propria ascesa sociale. Come accade d’altronde con altri grandi autori del Cinquecento, da Erasmo a Calvino a uno dei predecessori amati da Ronsard, Marot, Ronsard dimostra un grande interesse per la stampa per l’attenzione che dimostra alle edizioni delle sue poesie. La precisione dimostrata nelle correzioni, la cura con cui segue la presentazione esteriore dei volumi, la meticolosità con cui riorganizza i testi delle raccolte da un’edizione all’altra, la pignoleria con cui sceglie i collaboratori (librai, colleghi incaricati di fare gli elogi – significativa è la lettura dei paratesti –, traduttori, esecutori testamentari, ecc.), tutto dimostra che Ronsard è un caso esemplare di editore della propria opera. In questo studio vengono analizzati i processi di mise en texte (la maniera in cui l’autore agisce sul suo testo per diffondere l’immagine di questo testo stesso e condizionarne la lettura), di mise en livre (le operazioni di presentazione del testo nel libro, la disposizione tipografica, il formato, ecc.), di mise en œuvre (l’economia dell’opera poetica: redazione originale, evoluzione delle composizioni all’interno della raccolta, smantellamento delle parti, delle raccolte separate e costituzione delle edizioni collettive).

2In un primo capitolo (L’entreprise éditoriale: Ronsard et ses ‘libraires’, pp. 21-84) vengono evidenziati i rapporti, di cui si è già detto, di Ronsard con i suoi interlocutori nell’editoria e gli interventi nelle politiche librarie. Nel secondo capitolo (Le livre au service du texte: le paratexte éditorial, pp. 85-251) – capitolo estremamente denso e originale – vengono considerati i paratesti delle varie edizioni ronsardiane come spazio privilegiato per comprendere le strategie di diffusione, le attese dell’autore, addirittura le strategie che mette in atto per difendere e diffondere la propria concezione poetica, facendo anche ricorso a colleghi. In particolare, in questo capitolo, sono importanti le pagine consacrate alle prefazioni e postfazioni. Nel terzo capitolo (Ronsard et le ‘métier d’écrivain’ à succès: nouveautés et rééditions, pp. 253-391) vengono analizzati i comportamenti e le mosse del poeta per ottenere successo: mettendosi al servizio di una classe e di un centro di potere (la monarchia dei Valois), di un paese (la Francia in via di espansione sul piano territoriale), e operando per la creazione del mito personale del grande poeta classico in lingua francese. Nel quarto capitolo (Le poète hors de soi: création et dissémination, pp. 393-475) viene studiata la strategia consistente non soltanto nello ristrutturare le proprie raccolte, ma anche nel ‘disseminare’ proprî in raccolte miscellanee con altri autori. Nel quinto capitolo (Ronsard au travail: le recueil et la poétique des «Œuvres», pp. 477-525) l’insieme dell’opera è considerata come ‘in cantiere’. Nel sesto capitolo (La vie du livre après la mort de l’auteur, pp. 527-571) vengono studiate le edizioni postume. Nel settimo capitolo (L’iconographie ronsardienne: identification et culte de la personnalité, pp. 573-621) si dimostra, anche attraverso un ricco materiale di riproduzioni, come Ronsard avesse modellato da un’edizione all’altra un’iconografia particolarmente significativa, in funzione dell’autocelebrazione come poeta classico e aulico per eccellenza. Un ultimo capitolo (Ronsard et son public: la réception de l’œuvre ronsardienne à l’aube du xxie siècle, pp. 623-665), di questo volume che sarà ormai strumento di lavoro indispensabile per i ronsardisti, studia in particolare l’atteggiamento del collezionismo e dei bibliofili nei confronti delle edizioni ronsardiane.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Dario Cecchetti, « François Rouget, Ronsard et le livre. Étude de critique génétique et d’histoire littéraire. Seconde partie: Les livres imprimés »Studi Francesi, 171 (LVII | III) | 2013, 592-593.

Notizia bibliografica digitale

Dario Cecchetti, « François Rouget, Ronsard et le livre. Étude de critique génétique et d’histoire littéraire. Seconde partie: Les livres imprimés »Studi Francesi [Online], 171 (LVII | III) | 2013, online dal 30 novembre 2015, consultato il 21 septembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/2730

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search