Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri171 (LVII | III)Rassegna bibliograficaSettecentoHenri-Joseph Dulaurens, Le Compèr...

Rassegna bibliografica
Settecento

Henri-Joseph Dulaurens, Le Compère Mathieu ou les Bigarrures de l’esprit humain

Marisa Ferrarini
p. 607-608
Notizia bibliografica:

Henri-Joseph Dulaurens, Le Compère Mathieu ou les Bigarrures de l’esprit humain, Édition critique établie par Didier Gambert, Paris, Honoré Champion, 2012, pp. 995.

Testo integrale

1Pubblicato probabilmente ad Amsterdam alla fine di dicembre 1765 (benché la prima edizione porti la data 1766), ovvero poco prima dell’arresto del suo autore, Le Compère Mathieu ou les Bigarrures de l’esprit humain è certamente l’opera più nota di Henri-Joseph Dulaurens. Ha conosciuto un enorme successo, soprattutto durante la Rivoluzione, e una settantina di edizioni fino al 1851, anno in cui il libro è stato condannato per immoralità e destinato ad un oblio durato fino al 1911, anno in cui ne venne stampata una versione espurgata che pure è servita a riportare l’interesse degli studiosi su un’opera ed uno scrittore su cui era caduto un silenzio quasi totale. Nel 2000, circa centocinquant’anni dopo la sua condanna, Didier Gambert ha pubblicato una prima versione dell’opera vicina a quella dell’originale. Avendo potuto finalmente accedere alla prima edizione del 1766, lo stesso Gambert ci offre oggi una preziosissima edizione critica, che rispetta la suddivisione in tre tomi disuguali con modernizzazione dell’ortografia e della punteggiatura, e presenta in appendice le note in greco e in ebraico. Il lavoro di collazione condotto dall’editore in vista di questa edizione critica è stato enorme: Gambert ha infatti confrontato l’edizione del 1766 con quelle del 1770, 1772, 1777, 1787, 1792, 1794, 1801, 1831, 1835, 1837, 1911. Nel 1772 sono intervenute le modifiche più importanti nel tentativo di attenuare le espressioni triviali o audaci, con soppressione del racconto dell’ebreo Abiud, del poema La Moïsade attribuito a Jean-Baptiste Rousseau, del discorso del «veillard français». Solo due edizioni, quella del 1770 e quella del 1777 si mostrano fedeli all’originale. L’edizione «André» del 1801 come le edizioni «Les marchands de nouveautés» (1831) e Guillaumin (1837) restano conformi all’originale, poiché le soppressioni riguardano solo l’«Avis de l’Éditeur», considerato apocrifo, e le citazioni in greco e in ebraico. L’edizione del 1772, visibilmente amputata, è servita da modello alle edizioni del 1787, 1792, 1794, 1835. L’edizione Bibliopolis del 1911 è stata privata di un’enorme quantità di note erudite ritenute inadatte ad un lettore del xx secolo. Proprio queste note erudite costituiscono, invece, ad avviso del moderni editore, una parte importante della strategia perseguita da Dulaurens nella concezione del suo romanzo.

2Il testo è preceduto da un’importante saggio di 188 pagine che guida alla lettura dell’opera. Le Compère Mathieu ou les Bigarrures de l’esprit humain appartiene alla tradizione picaresca e carnevalesca ed è, nello stesso tempo, un romanzo filosofico che mette in scena una piccola società di filosofi cinici, «sans feu, ni lieu, sans foi ni loi», dove il dialogo «s’allie au plurivocalisme pour signifier la vanité, ou la vacuité, de toute affirmation systématique, ou de l’esprit de système» (p. 185). È un’opera composita ed ambigua. Se pare considerare le «bigarrures de l’esprit humain» come tanti «égarements», essa afferma però come primordiale la libertà di pensiero cara a Anthony Collins, autore che Dulaurens apprezza particolarmente. L’intertestualità mostra che l’opera si pone sotto l’insegna di Voltaire. Strettissimi sono i rapporti con gli scritti del tempo: l’autore sposa le lotte dei philosophes, attaccando Fréron e Palissot, opponendo cartesiani e newtoniani, denunciando l’Infame attraverso le figure, detestabili, dei gesuiti e dei domenicani. Dulaurens ha redatto una rapsodia in cui si odono, mescolate, le voci di Voltaire, di Bayle, di Charles Bonnet, dell’Abbé Pluquet, di La Mettrie, di Diogene Laerzio, di Jean-Baptiste Rousseau, di Antoine-Yves Goguet, di Anthony Collins ecc. Le citazioni provengono da opere contemporanee, spesso clandestine, di area materialista, critica, deista o atea. Particolarmente importanti sono i riferimenti alle Nouvelles Libertés de penser, alle Réflexions sur l’argument de Monsieur Pascal, alle Réflexions sur l’existence de l’âme et sur l’existence de Dieu. Le Compère Mathieu invita a leggere nei suoi margini, stabilisce legami con altri testi di cui si vuole il prolungamento o il sostituto romanzesco. È, in sostanza, una summa della filosofia del xviii secolo: ecco perché dobbiamo ringraziare Didier Gambert di avercelo finalmente restituito nella sua integralità.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Marisa Ferrarini, « Henri-Joseph Dulaurens, Le Compère Mathieu ou les Bigarrures de l’esprit humain »Studi Francesi, 171 (LVII | III) | 2013, 607-608.

Notizia bibliografica digitale

Marisa Ferrarini, « Henri-Joseph Dulaurens, Le Compère Mathieu ou les Bigarrures de l’esprit humain »Studi Francesi [Online], 171 (LVII | III) | 2013, online dal 30 novembre 2015, consultato il 28 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/2774; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.2774

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search