Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri171 (LVII | III)Rassegna bibliograficaNovecento e XXI secoloRobert Pinget. Matériau, marges, ...

Rassegna bibliografica
Novecento e XXI secolo

Robert Pinget. Matériau, marges, écriture, textes réunis et présentés par Martin Mégevand et Nathalie Piégay-Gros

Stefano Genetti
p. 644-645
Notizia bibliografica:

Robert Pinget. Matériau, marges, écriture, textes réunis et présentés par Martin Mégevand et Nathalie Piégay-Gros, Saint-Denis, Presses Universitaires de Vincennes, 2011 («Manuscrits Modernes»), pp. 240.

Testo integrale

1Come mettono in rilievo i curatori nell’Avant-propos (pp. 7-11), gli atti del convegno Robert Pinget contemporain, tenutosi a Parigi nell’ottobre 2009 e qui pubblicati, mirano a rinnovare l’interesse per l’opera sfaccettata di Robert Pinget, tanto rappresentativa delle sperimentazioni letterarie che hanno contraddistinto il secondo Novecento quanto volutamente marginale, nonché spesso marginalizzata dalla critica. Tra i materiali archiviati nel 2002 presso la Bibliothèque littéraire Jacques Doucet e dei quali Clothilde Roullier fornisce una ricognizione sospesa tra biografia e opera, tra verità e finzione (Pinget traqué: trouvailles et bizarreries du repérage archivistique, pp. 69-77), ci si addentra nella prima sezione, intitolata «Textes retrouvés». Corredati di dossier genetico e di riproduzioni in fac-simile delle varie fasi redazionali dell’incipit, vengono presentati alcuni estratti da Psychophonie, ellittico e allucinato anti-(nouveau)roman inedito del 1969 (pp. 17-48). Nel commentare questo corposo dattiloscritto, Anne Herschberg Pierrot e Martin Mégevand ne sottolineano la funzione di derisoria autocontestazione e di transizione verso l’estetica frammentaria del carnet (Brûler n’est pas jeter. Sur “Psychophonie”, roman abandonné de Robert Pinget, pp. 49-67).

2Se ampi stralci di Psychophonie sono stati riciclati in Identité, la pièce che, nel ’71, segna il ritorno di Pinget al teatro, la questione della porosità dei confini tra generi letterari è indagata nella seconda parte del libro: «Exploitation et renouvellement des genres». Sulla fortuna limitata del teatro di Pinget si sofferma Éric Eigenmann (Pinget ou le matériau: pour une performance textuelle, pp. 81-94). L’A. sottolinea come la consistenza narrativa e la musicalità verbosa proprie di logodrammi incentrati sul «corps parlant» e su una «parole corpusculaire» (p. 87) sanciscano il primato non solo del verbale sull’azione ma anche del dire sul detto, facendo appello a una performance sostanzialmente vocale – a tratti disincarnata, come nel caso delle pièces radiofoniche –, una performance poco in sintonia con le pratiche drammaturgiche che hanno dominato la scena negli anni Sessanta e Settanta ma oggi tornata di attualità grazie a un’estetica sensibile all’inscrizione del testo nell’evento teatrale.

3In Une poésie en exil (pp. 95-112), Aline Marchand muove dai primi componimenti poetici verso la prosa anti-narrativa intesa al contempo come «mise à mort du roman traditionnel» e come «tombeau poétique» (p. 95), il nouveau roman essendo per Pinget lo spazio letterario in cui dispiegare una soggettività lirica esente da ogni autobiografismo e sottratta alle costrizioni del verso, così come alla logica narrativa: «La poïétique de Pinget est à cet égard singulière, tendue entre son métier de romancier et son éthos de poète, entre savoir-faire et vouloir-être, au croisement de l’artisanat romanesque et de l’art poétique» (pp. 95-96). Dal canto suo, Cécile Yapaudjian-Labat riflette sulla saggezza incerta, disincantata e inquieta, veicolata dal trattamento che Pinget aforista riserva alle forme ereditate dalla tradizione moralistica (Pour une éthique de la formule dans les carnets de Robert Pinget, pp. 113-126).

4All’onnipresente figura del domestico – figura del concreto, dell’intimo e del quotidiano che, all’intersezione di subordinazione e isolamento, è anche una controfigura dello scrittore – è dedicato l’intervento di Nathalie Piégay-Gros (Domesticité et subalternes, pp. 129-143) che apre la sezione «L’Écriture et les marges». Vi figurano altri due articoli: La Parole et l’humour comme conjuration de la mort chez Pinget (pp. 145-155) di Eugenia Leal, che analizza alcune strategie di compensazione del pessimismo nei romanzi Mahu ou le Matériau, Le Fiston e Quelqu’un, e L’Héritage en question ou l’impossible filiation (pp. 157-172) di Fabienne Caray, dove il tema della successione viene considerato in termini sia familiari e sociali che di genealogia letteraria: una visione della scrittura come trasmissione al contempo incessante e intransitiva concorre a destabilizzare lo statuto stesso dell’opera.

5La condivisa estetica del fallimento – «Certains créateurs ne progressent que par le sentiment de l’échec» (Taches d’encre, cit. a p. 163) – è solo uno degli elementi che giustificano il parallelo contrastivo tracciato da Sjef Houppermans in Pinget et Beckett ‘senestrorsum’ (pp. 189-198), un parallelo che si è letteralmente ‘tradotto’ in Tous ceux qui tombent, versione francese curata da Pinget del radiodramma All That Fall di Beckett, e, reciprocamente, nella versione inglese di La Manivelle di Pinget, la cui azione viene trasposta da Beckett a Dublino col titolo The Old Tune. A completare la quarta parte, «Robert Pinget en contexte», sono due saggi dalle notevoli valenze metacritiche. In Un autre Pinget? (pp. 175-187) Jean-Pierre Martin interroga gli echi antisemiti che risuonano nel romanzo Le Renard et la Boussole (1952, riedito nel 1971), interrogando allo stesso tempo il silenzio dei commentatori in merito a un testo tanto scomodo da essere per così dire rimosso. Ancora un altro Pinget è quello che emerge dal closet nella lettura di David Ruffel: un Pinget Queer (pp. 199-220). Motivata sul piano biografico e preannunciata in altri articoli qui raccolti dall’importanza delle relazioni tra zio e nipote, per esempio, oppure da una concezione del servizio reso al padrone come sublimazione rituale del desiderio, l’interpretazione proposta evidenzia un certo trasformismo camp che letteralmente traveste il nouveau roman. Dopo aver mostrato le implicazioni omoerotiche di vari testi, da Architruc a Fable, l’A. individua in L’Inquisitoire i riflessi della rivoluzione sessuale in atto negli anni Sessanta, illustrando come l’apporto dei gender studies consenta di illuminare aspetti a lungo oscurati – complice l’autore stesso – dell’opera.

6In chiusura, si trovano le trascrizioni delle tavole rotonde che hanno visto confrontarsi i letterati Christine Montalbetti, Emmanuel Moses e Dominique Noguez e l’artista Claude Rutault (pp. 221-232). Nelle loro testimonianze di lettori si moltiplicano le associazioni fra Pinget e altri autori. Da Bove a Perec, da Bataille a Burroughs e da Michaux a Novarina, queste associazioni costituiscono, unitamente all’insistita dimensione metaletteraria della scrittura di Pinget, un fil rouge che collega fra loro i contributi riuniti in un volume dove, oltre a mettere a disposizione testi inediti, si esplorano piste di ricerca atte a valorizzare, ma anche a problematizzare, un’opera da riscoprire.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Stefano Genetti, « Robert Pinget. Matériau, marges, écriture, textes réunis et présentés par Martin Mégevand et Nathalie Piégay-Gros »Studi Francesi, 171 (LVII | III) | 2013, 644-645.

Notizia bibliografica digitale

Stefano Genetti, « Robert Pinget. Matériau, marges, écriture, textes réunis et présentés par Martin Mégevand et Nathalie Piégay-Gros »Studi Francesi [Online], 171 (LVII | III) | 2013, online dal 30 novembre 2015, consultato il 26 septembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/2877; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.2877

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search