Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri191 (LXIV | II)Rassegna BibliograficaSeicentoBernard Allorent, La fortune de l...

Rassegna Bibliografica
Seicento

Bernard Allorent, La fortune de la Grande Mademoiselle. Anne Marie Louise d’Orléans, duchesse de Montpensier (1627-1693). Un enjeu politique au xviie siècle

Monica Pavesio
p. 402
Notizia bibliografica:

Bernard Allorent, La fortune de la Grande Mademoiselle. Anne Marie Louise d’Orléans, duchesse de Montpensier (1627-1693). Un enjeu politique au xviie siècle, Paris, Champion, 2019, «Histoire et archives», 414 pp.

Testo integrale

1Anne Marie d’Orléans, detta la Grande Mademoiselle, figlia di Gaston d’Orléans, fratello minore di Luigi XIII, e di Marie de Bourbon di Montpensier, fu una delle protagoniste della storia francese secentesca. La duchessa, chiamata dal re suo zio, petite-fille de France, fu molto conosciuta per la sua vita avventurosa, per il suo carattere fiero e risoluto, per i suoi Mémoires e, soprattutto, per la sua immensa fortuna. Morì nubile, dopo aver rifiutato numerose proposte matrimoniali, arrivatale dai principi di mezza Europa, e dopo aver cercato, di sposare un cortigiano, M. de Lauzun, di cui era innamorata.

2Per la prima volta, l’interesse nei confronti di questo singolare personaggio è rivolto non alla sua vita o alle sue opere, ma alla sua immensa fortuna, costituitasi in tre secoli e arrivatale dalla madre, ultima erede del ramo Bourbon-Montpensier. Un patrimonio ingente che mise la principessa, per tutta la sua vita, al centro di interessi politici ed economici. Giovane ereditiera sotto la tutela del padre, esiliata per aver partecipato attivamente alla Fronda dei principi, riammessa a corte solo nel 1657, depredata di gran parte della sua fortuna da amici e parenti, esiliata nuovamente, utilizzata come pedina da suo cugino Luigi XIV. Grazie a un grande lavoro d’archivio, Allorent ricostruisce le rendite dei numerosi possedimenti di Mademoiselle, le sue numerose donazioni, le perdite dovute alla sua infatuazione per M de Lauzun, la gestione della sua immensa fortuna. E soprattutto mette in luce che, a partire dal 1660, la regola che prevalse nella gestione del patrimonio di Mademoiselle fu quella di assecondare gli interessi del re di Francia, che la depredò legalmente di molti dei suoi averi.

3Il volume è corredato da un’appendice di più di cento pagine con i documenti originali sulle rendite dei possedimenti della duchessa, da un’ampia e precisa bibliografia, da un indice dei nomi.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Monica Pavesio, « Bernard Allorent, La fortune de la Grande Mademoiselle. Anne Marie Louise d’Orléans, duchesse de Montpensier (1627-1693). Un enjeu politique au xviie siècle »Studi Francesi, 191 (LXIV | II) | 2020, 402.

Notizia bibliografica digitale

Monica Pavesio, « Bernard Allorent, La fortune de la Grande Mademoiselle. Anne Marie Louise d’Orléans, duchesse de Montpensier (1627-1693). Un enjeu politique au xviie siècle »Studi Francesi [Online], 191 (LXIV | II) | 2020, online dal 01 septembre 2020, consultato il 27 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/31693; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.31693

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search