Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri191 (LXIV | II)Rassegna BibliograficaSettecentoÉlodie Ripoll, Penser la couleur ...

Rassegna Bibliografica
Settecento

Élodie Ripoll, Penser la couleur en littérature. Explorations romanesques des Lumières au réalisme

Vittorio Fortunati
p. 402-403
Notizia bibliografica:

Élodie Ripoll, Penser la couleur en littérature. Explorations romanesques des Lumières au réalisme, Paris, Classiques Garnier, 2018, 492 pp.

Testo integrale

1Nell’ambito delle arti decorative e applicate (abiti, accessori, mobili e soprammobili…), nel xviii secolo si assiste, se così si può dire, a un “trionfo dei colori”, soprattutto di quelli chiari. Sotto questo aspetto, il Settecento si distingue dai due secoli tra i quali esso si colloca, caratterizzati entrambi (in particolare l’Ottocento) dal gusto dominante per le tonalità scure, se non addirittura per il nero. Può quindi destare qualche stupore il fatto che nel secolo dei Lumi i colori siano menzionati piuttosto di rado nelle opere letterarie (sia narrative, sia poetiche), mentre a partire dal periodo romantico si constata una frequenza decisamente più alta. È certamente legittimo mettere il fenomeno in relazione con la presenza di numerose descrizioni nei romanzi (ma anche in molti testi poetici) del xix secolo. Sarebbe, tuttavia, riduttivo e semplicistico vedere la ragione principale della maggiore presenza dei colori in una mera questione di tecnica narrativa. In realtà, una certa sensibilità degli scrittori per gli aspetti cromatici si manifestò già durante la seconda metà del xviii secolo e si accentuò nella porzione finale di esso, in quel periodo che si definisce ormai correntemente tournant des Lumières. In una fase storica in cui la cultura umanistica e la scienza mantenevano ancora stretti legami, apparvero diversi saggi di ottica, nei quali lo studio dei colori aveva un ruolo importante e che non destarono interesse solo in ambito prettamente scientifico: tra gli autori più noti, infatti, va senz’altro citato un poeta come Johann Wolfgang Goethe. Parallelamente, si manifestò una nuova attenzione dei letterati verso la pittura, che si concretizzò nella nascita e nella diffusione della critica d’arte (pensiamo, naturalmente, ai Salons di Denis Diderot). Successivamente, il Romanticismo portò a un avvicinamento tra scrittori e artisti, due categorie che in precedenza non tendevano molto a mischiarsi.

2Le cause per le quali gli autori ottocenteschi menzionano spesso i colori, ora nelle descrizioni di persone, oggetti, ambienti, ora all’interno delle figure retoriche sono diverse, insomma, e di diversa portata. Di questa complessità rende conto molto bene il volume di É. Ripoll, il quale prende in esame un corpus di una cinquantina di romanzi in lingua francese, che vanno grosso modo dalla Manon Lescaut dell’abbé Prévost fino alla Chartreuse de Parme di Stendhal, a cui si aggiungono numerose opere letterarie e saggistiche dello stesso periodo, con il sostegno di una vasta bibliografia critica (pp. 454-476). Nella sua analisi l’autrice smonta diversi luoghi comuni e sottolinea, fra l’altro, due aspetti interessanti: da un lato, che le valenze simboliche dei colori non sono costanti, ma variano a seconda del tempo e del contesto; dall’altro, che la presenza (così come l’assenza) di riferimenti cromatici non è mai neutra, essendo sempre legata a un sistema di valori e ad una visione particolare della realtà. In sintesi, questo saggio ha il merito di affrontare una tematica ancora poco esplorata e di suggerire utili riflessioni di carattere più generale.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Vittorio Fortunati, « Élodie Ripoll, Penser la couleur en littérature. Explorations romanesques des Lumières au réalisme »Studi Francesi, 191 (LXIV | II) | 2020, 402-403.

Notizia bibliografica digitale

Vittorio Fortunati, « Élodie Ripoll, Penser la couleur en littérature. Explorations romanesques des Lumières au réalisme »Studi Francesi [Online], 191 (LXIV | II) | 2020, online dal 01 septembre 2020, consultato il 24 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/31733; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.31733

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search