Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri191 (LXIV | II)Rassegna BibliograficaOpere generali e comparatisticaVincent Gélinas-Lemaire, Le récit...

Rassegna Bibliografica
Opere generali e comparatistica

Vincent Gélinas-Lemaire, Le récit architecte. Cinq aspects de l’espace

Luana Doni
p. 461-462
Notizia bibliografica:

Vincent Gélinas-Lemaire, Le récit architecte. Cinq aspects de l’espace, Paris, Classiques Garnier, 2019, 243 pp.

Testo integrale

1Nel racconto, l’importanza dello spazio è fondamentale; esso non ne costituisce soltanto lo sfondo, ma anche la forma, la direzione e, talvolta, il senso stesso. Lo studio proposto da Vincent Gélinas-Lemaire consiste nell’identificare i meccanismi fondamentali nella rappresentazione dello spazio nella letteratura, seguendo le orme di quanto delineato da Gérard Genette nel suo Discours du récit.

2L’analisi viene suddivisa dall’autore in cinque capitoli riguardanti le varie prospettive adottate in materia di spazio e di racconto.

3L’aspetto geometrico dello spazio («Aspect géométrique de l’espace», pp. 17-47) costituisce il punto di partenza dell’indagine, poiché risulta particolarmente adatto a cogliere le varie tipologie spaziali e narrative. Il geometrico, come sostiene Merleau-Ponty, è uno dei modi possibili di apprendimento del mondo, uno strumento polivalente che si integra alla voce narrativa. L’aspetto geometrico è ciò che delimita lo spazio e che lo intreccia alla materialità fisica del personaggio. Il romanzo La Jalousie di Alain Robbe-Grillet viene utilizzato come esempio, in quanto tutti i dettagli riguardanti la vita sociale del protagonista sono racchiusi in un sistema cifrato di forme geometriche atto a dimostrare la prova oggettiva del tradimento della moglie.

4Quello che viene definito l’«Aspect localisé de l’espace» (pp. 49-90) coincide con la rintracciabilità del luogo data la sua appartenenza a un’area geografica limitata o alla presenza di caratteristiche specifiche. Lo studio della poetica narrativa permette di concepire il luogo come movimento, come trasformazione da uno spazio informe, a uno denso di significato e riconoscibile. Dalla Venezia di Thomas Mann alla Londra di Dickens, passando per la Verona di Shakespeare, si scopre che l’architettura determinante di alcuni luoghi simbolo è essenzialmente quella che riguarda la loro resa letteraria. Il potere evocativo di alcuni toponimi, come quelli sopracitati, restituisce allo spazio un contenuto aprioristico che ne trascende quello a posteriori.

5L’aspetto allegorico dello spazio («Aspect allégorique de l’espace», pp. 100-144), al quale è consacrato il terzo capitolo, è definibile attraverso il confronto parallelo con i personaggi del racconto, con una qualità morale, con un oggetto, astratto o tangibile che sia. L’allegoria è qui concepita come una relazione apparente tra due termini, relazione a volte ambigua, mobile e fuorviante. Entrando nello specifico del testo, l’autore propone tre esempi diversi, accomunati dalla presenza dello spazio come quadro di una relazione allegorica. Il primo esempio, quello definito di allegoria implicita, è rappresentato dal Roman de la Rose e dalle vicende del suo protagonista che, avvicinandosi alle mura che circondano un frutteto, ne scopre la lussuriosa natura popolata da nobili figure. Se i personaggi del poema sono inseriti in quanto simboli dell’amor cortese, il frutteto e le sue mura offrono un’interpretazione più ambigua: il muro è sì lo schermo sul quale si proiettano le allegorie rappresentanti qualità intangibili, ma esso è anche un perimetro geometrico, un ostacolo per lo sguardo e i movimenti del personaggio. Il secondo esempio, quello di allegoria esplicita, fa riferimento a Le Livre de la Cité des Dames di Christine de Pizan, nel quale la poetica spaziale è interamente votata alla contestazione di un argomento, quello che incoraggia gli uomini a essere oltraggiosi nei confronti delle donne. La città è dunque costruita sull’evocazione delle qualità femminili, e la stessa cosa accade alla presenza dei toponimi; la Cité, infatti, è situata nel regno di Féminie e sul Champ des Lettres. L’ultimo esempio, quello relativo allo spazio come soggetto allegorico, è tratto da Le Rivage des Syrtes di Julien Gracq, paradigma della gestione di un racconto da parte dei suoi spazi. Il protagonista, Aldo, è infatti schiavo di pulsioni geografiche che lo attirano e lo trascinano verso la catastrofe.

6Il capitolo riguardante l’aspetto dinamico dello spazio («Aspect dynamique de l’espace», pp. 145-185) fa riferimento a tutti quei casi in cui lo spazio entra in relazione diretta con il personaggio e al ruolo che quest’ultimo gioca nella rappresentazione dell’ambiente che lo circonda. Per il geografo Yi-Fu Tuan, il corpo è un oggetto fisico direttamente proporzionale al suo ambiente ed è strumento di conoscenza del mondo, nonché unica prospettiva sul mondo. Le interazioni tra soggetto e mondo, nella loro varietà e importanza, sono affrontate nel capitolo attraverso il dispositivo teatrale, in grado di fornire un aiuto alla descrizione delle strategie poetiche che costruiscono lo spazio attraverso la mediazione dell’individuo.

7L’ultima riflessione del volume è dedicata all’aspetto tecnico dello spazio («Aspect technique de l’espace», pp. 187-225), ossia la realtà sensibile dello spazio, la volontà di concepire l’arte e la scienza come intrinsecamente spaziali. Convocando a titolo di esempio due classici della letteratura come Bouvard et Pécuchet e Robinson Crusoe, l’autore solleva la questione del divario tra verosimiglianza e attendibilità scientifica.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Luana Doni, «Vincent Gélinas-Lemaire, Le récit architecte. Cinq aspects de l’espace»Studi Francesi, 191 (LXIV | II) | 2020, 461-462.

Notizia bibliografica digitale

Luana Doni, «Vincent Gélinas-Lemaire, Le récit architecte. Cinq aspects de l’espace»Studi Francesi [Online], 191 (LXIV | II) | 2020, online dal 01 septembre 2020, consultato il 23 avril 2021. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/32486; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.32486

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search