Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Ottocento a) dal 1800 al 1850

Honoré de Balzac, L’École des ménages

Marco Stupazzoni
p. 192
Notizia bibliografica:

Honoré de Balzac, L’École des ménages, a cura di Corrado Piana, traduzione di Maria Grazia Bianco, Cargeghe (SS), Editoriale Documenta, 2011, «Studii», 2, pp. 185.

Testo integrale

1Rifiutata dal Comitato del Théâtre de la Renaissance nel febbraio del 1839, L’École des ménages non sarà né rappresentata né pubblicata durante la pur breve vita di Balzac. Fu soprattutto grazie a Charles Spoelberch de Lovenjoul, autore di due importanti studî sulla commedia balzachiana nel 1895 e nel 1897, che acquistò il testo fino ad allora inedito di Balzac da Eugène Crépet, che l’opera fu pubblicata in prima edizione soltanto nel 1907 conquistando, tre anni più tardi, anche gli onori del palcoscenico grazie all’allestimento di André Antoine. Questa versione italiana de L’École des ménages, opera «nata postuma», come osserva Corrado Piana nella sua eccellente introduzione (Alla scuola delle famiglie tra aritmetica dei sentimenti e geometria delle passioni, pp. 7-47), si inserisce nel progetto, promosso dalla Biblioteca di Sardegna, di una ricerca finalizzata all’esame critico dei rapporti tra Balzac e la Sardegna. Fu proprio durante la sua fallimentare esperienza finanziaria in terra sarda nel 1838 che Balzac pare abbia maturato l’idea di questa commedia. Si tratta però, puntualizza Piana, di «un teorema che, per quanto plausibile e condivisibile, tuttavia si impernia […] non su evidenze oggettive ma su elementi di mera valenza indiziaria» (p. 12).

2Con L’école des ménages, Balzac trasferisce in iscena le leggi del romanzo «portando sotto i riflettori della vita (scenica) una metafora della vita (reale)» (p. 25): evocando tra le righe la storia di un adultero, quest’opera rappresenta la «testimonianza fenomenica di un conflitto sociale», di un incontro tra «soggettività a confronto, dove il genio balzachiano sconfessa la statistica tendenza all’obiettivismo naturalistico, così come la scientista propensione all’oggettivismo positivistico, per abbracciare e sposare un più realistico approccio antropologico alla descrizione delle plurali faune sociali e singolari soggettività personali» (p. 22) la cui veridicità li rende potentemente autentici e veri agli occhi del lettore e dello spettatore.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Marco Stupazzoni, « Honoré de Balzac, L’École des ménages », Studi Francesi, 169 (LVII | I) | 2013, 192.

Notizia bibliografica digitale

Marco Stupazzoni, « Honoré de Balzac, L’École des ménages », Studi Francesi [Online], 169 (LVII | I) | 2013, online dal 30 novembre 2015, consultato il 16 décembre 2018. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/3459

Torna su

Autore

Marco Stupazzoni

Articoli dello stesso autore

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals