Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Novecento e XXI secolo

Patrick Kéchichian, Paulhan et son contraire

Massimiliano Catoni
p. 207
Notizia bibliografica:

Patrick Kéchichian, Paulhan et son contraire, Paris, Gallimard, 2011 («L’un et l’autre»), pp. 291.

Testo integrale

1«Je ne suis ni le biographe ni le spécialiste de Jean Paulhan. En toute rigueur de terme, je ne domine pas mon sujet – et je m’en réjouis» (p. 13): è con questa paradossale – e per certi versi sottilmente provocatoria – ammissione che Patrick Kéchichian inaugura il suo studio su Jean Paulhan. Con esultante e spavaldo antiaccademismo, Kéchichian informa da subito il lettore circa la natura dilettantesca del suo approccio: «j’avancerai à mon rythme, par les chemins que je veux, en direction d’un visage et d’une présence» (pp. 13-14). Rispetto dunque al cammino indicato dalle biografie tradizionali, l’A. muove nella direzione contraria, evitando, anzitutto, di consegnarsi al vincolo della cronologia, e rinunciando preventivamente a qualsiasi ambizione di completezza. «Je me contenterai d’entrouvrir quelques portes, de détacher quelques fragments ou détails» (p. 161). Kéchichian, del resto, diffida di quelle biografie che, volendo a tutti i costi restituire l’autore nella sua interezza, finiscono spesso per volgere l’uomo in personaggio, smarrendosi in retoriche celebrazioni. «Je ne le fige pas dans une stature ou dans une posture» (p. 30), scrive parlando di Paulhan. Meglio abbandonarsi, dunque, alla libertà delle proprie intuizioni. Scegliere l’approssimazione come metodo di ricerca. Kéchichian, d’altra parte, non ha certezze da esibire. Al contrario, è sempre con spirito interrogativo che si pone dinanzi al suo oggetto di studio, spesso esponendo il discorso critico a una radicale messa in discussione: «ce qui était flou, trouble, devient plus avéré que les quelques certitudes dont, ingénument, je jouissais» (p. 175) scrive, ad esempio, a proposito di una delle opere più significative di Paulhan, Les Fleurs de Tarbes. Con tocco leggero e sfumato, Kéchichian abbozza come en passant scorci della vita di Paulhan (la sua educazione sentimentale, il viaggio in Madagascar, subito dopo il fallimento all’agrégation nel 1907, l’esperienza della guerra, il suo rapporto con il padre e naturalmente la straordinaria avventura come direttore della NRF), arrovellandosi intorno ai punti che gli appaiono più enigmatici, senza cercare mai, però, di ricondurli entro il quadro di una spiegazione unitaria. «J’éprouve la plus grande méfiance pour toutes les tentatives d’arrimage de son œuvre et de sa pensée» (p. 284), scrive proprio nelle ultime pagine del libro. Muovendo da questa premessa, a Kéchichian non rimane che puntare su una certa euforia dell’incompletezza.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Massimiliano Catoni, « Patrick Kéchichian, Paulhan et son contraire »Studi Francesi, 169 (LVII | I) | 2013, 207.

Notizia bibliografica digitale

Massimiliano Catoni, « Patrick Kéchichian, Paulhan et son contraire »Studi Francesi [Online], 169 (LVII | I) | 2013, online dal 30 novembre 2015, consultato il 08 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/3525

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals