Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Cinquecento

Marine Molins, Charles Fontaine traducteur. Le poète et ses mécènes à la Renaissance

Dario Cecchetti
p. 307
Notizia bibliografica:

Marine Molins, Charles Fontaine traducteur. Le poète et ses mécènes à la Renaissance, Genève, Droz, 2011 («Travaux d’Humanisme et Renaissance», CDXCI), pp. 367.

Testo integrale

1Dopo la monografia di R.L. Hawkins (1916) e dopo lo studio più recente, che accompagnava un’edizione di testi contenuti nel ms. Vat. Reg. lat. 1630, di R. Scalamandrè (Un poeta della Preriforma: Charles Fontaine, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 1970), il lavoro di Marine Molins è la prima ricerca d’insieme su Charles Fontaine (1514-1564/70) che, occupandosi anche di quei testi, a stampa o manoscritti, non ancora conosciuti da Hawkins, porta l’attenzione, in primo luogo, sull’attività meno esplorata di traduttore, di cui analizza la totalità dei testi, dalla versione di tre epistole di san Paolo fino a quella delle Heroides di Ovidio. Soprattutto, M. Molins ricostruisce la teoria della traduzione di Charles Fontaine, autore appartenente a quella generazione del Cinquecento convinta che la traduzione non debba limitarsi a trasferire un testo da una lingua all’altra, ma che debba essere anzitutto inventio. La preferenza stessa per la traduzione versificata va in questa direzione. Inoltre, viene affrontato il problema del mecenatismo con un’indagine attenta al ruolo della corte nell’impulso che viene dato, nella prima metà del secolo, alle imprese di traduzione. Come sottolinea l’A., «le opere tradotte da Fontaine sono legate a una precisa politica di Stato e rispondono a esigenze precise. La necessità di trovare protettori ha condotto il poeta a precorrere i desideri dei destinatari offrendo testi che li attiravano, di cui avevano bisogno o che erano nell’aria del tempo, e questo lavoro è stato sempre consigliato e indirizzato da una rete di amicizie che comprendeva membri della corte di Francesco I, valets de chambre o precettori reali». A chiarimento di questa problematica, vengono evocati e illustrati i personaggi, appartenenti al mondo della politica e della letteratura, che hanno stimolato Charles Fontaine a elaborare i propri principi di traduzione: Marot, con la sua influenza determinante, il contesto dell’Umanesimo parigino degli anni 1535-1545, la corte di Francesco I e in particolare lo stesso re, Marguerite de Navarre e Charles de Valois, dignitari della stessa corte quali Jean Brinon, Claude d’Annebault e la famiglia dei Genouillac-Crussol.

2Le traduzioni sono accuratamente repertoriate (anche quelle perdute) e studiate: le Epistres di san Paolo (in versi), la Predestination des sainctz di sant’Agostino (in prosa), la traduzione di frammenti delle Amours di Ovidio e Catullo (in versi), la traduzione dei Remèdes d’Amour ovidiani (in versi), del Translat de duel di Alciato (in prosa), il trattato Des songes di Artemidoro, Les Nouvelles et Antiques Merveilles (in prosa). Due densi capitoli sono dedicati alla traduzione, in versi, delle XXI Epitres d’Ovide (le Heroides) a cui Fontaine ha lavorato per un decennio, dal 1546 al 1556, preparando due successive edizioni a stampa. M. Molins ricostruisce la fortuna medievale e umanistica delle Heroides ovidiane, situando la versione di Fontaine in rapporto ai suoi immediati predecessori nell’interpretatio del testo di Ovidio, e soprattutto ripercorre le modalità di composizione di un’opera in cui il testo tradotto si accompagna ad annotazioni e commenti eruditi, per cui le XXI Epitres si presentano sia come un esercizio di poesia (nel solco della tradizione marotica) sia come un lavori umanistico di filologia ed erudizione. Infine, vengono considerate le traduzioni degli ultimi anni (Mimes, Sentences, Odes, Epigrammes, Enigmes) studiate, fra l’altro, nel quadro della tradizione erasmiana del genere gnomico.

3In appendice, infine, viene offerta una nutrita antologizzazione di testi. A parte le traduzioni in versi inedite delle tre Epistres di san Paolo, sono estremamente interessanti e utili i paratesti (epistole dedicatorie, premesse teoriche) di alcune delle traduzioni di Fontaine, in quanto viene messo a disposizione dello studioso del materiale concernente l’ideologia della traduzione rinascimentale. Concludono il lavoro un accurato indice dei dedicatari di Charles Fontaine e una ricca ed esauriente bibliografia.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Dario Cecchetti, « Marine Molins, Charles Fontaine traducteur. Le poète et ses mécènes à la Renaissance », Studi Francesi, 167 (LVI | II) | 2012, 307.

Notizia bibliografica digitale

Dario Cecchetti, « Marine Molins, Charles Fontaine traducteur. Le poète et ses mécènes à la Renaissance », Studi Francesi [Online], 167 (LVI | II) | 2012, online dal 30 novembre 2015, consultato il 28 janvier 2020. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/4016

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals