Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Cinquecento

Michele Mastroianni, Slittamenti semantici nelle traduzioni di tragedie classiche del Cinquecento francese: la cristianizzazione

Filippo Fassina
p. 308-309
Notizia bibliografica:

Michele Mastroianni, Slittamenti semantici nelle traduzioni di tragedie classiche del Cinquecento francese: la cristianizzazione, in Aa. Vv., Elaborazioni poetiche e percorsi di genere. Miti, personaggi e storie letterarie, cit., pp. 529-545.

Testo integrale

1L’A., che da tempo studia il problema della riscrittura cinque-secentesca dei testi drammaturgici classici (vedi, di M. Mastroianni, il recente Lungo i sentieri del tragico, Vercelli, Mercurio, 2009: cfr. questi «Studi», 161, 2010, pp. 353-354), offre qui un interessante saggio su un problema specifico di quella che può essere considerata l’attualizzazione del ‘classico’ nel moderno: nella fattispecie nella linea di quello che è stato un plurisecolare meccanismo di reductio delle arti antiche a una Weltanschauung cristiana. Infatti, a partire essenzialmente da considerazioni su riscritture rinascimentali dell’Antigone sofoclea (Calvy de La Fontaine, Jean-Antoine de Baïf, Robert Garnier), l’A. affronta il problema della cristianizzazione del testo greco e latino, in rielaborazioni che si presentano anche come interpretationes (= traduzioni) dell’originale. Anche «quando i modelli antichi sono ricalcati da presso, e proprio nel tentativo di ‘tradurre’ ritroviamo interventi fortissimi di cristianizzazione». Appare evidente come nella tecnica di interpretatio la cristianizzazione si misura anzitutto con le esigenze di ripresa filologica del testo antico. Si tratta, insomma, di un’operazione che avviene in primo luogo a livello lessicale con slittamenti semantici nel passaggio da una lingua all’altra, là dove ci troviamo in presenza di parole chiave (come charité, piété, péché, forfait, mondanité, abuz, vanité, biens eternelz, bien de basse terre, ecc.). Avviene anche a livello di immaginario, quando su un personaggio o su una situazione della mitologia classica si sovrappone il ricordo di un personaggio o di una situazione della Bibbia. Ma, sottolinea l’A., l’operazione di sovrapposizione e di slittamento di senso è, anzitutto,un fatto linguistico che investe la conoscenza della lingua greca e latina: lingua che viene spesso mediata attraverso la pratica del greco e latino patristico o del latino della Vulgata.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Filippo Fassina, « Michele Mastroianni, Slittamenti semantici nelle traduzioni di tragedie classiche del Cinquecento francese: la cristianizzazione »Studi Francesi, 167 (LVI | II) | 2012, 308-309.

Notizia bibliografica digitale

Filippo Fassina, « Michele Mastroianni, Slittamenti semantici nelle traduzioni di tragedie classiche del Cinquecento francese: la cristianizzazione »Studi Francesi [Online], 167 (LVI | II) | 2012, online dal 30 novembre 2015, consultato il 02 juin 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/4026

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals