Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Seicento

Marie-Claire Planche, De l’iconographie racinienne, dessiner et peindre les passions

Laura Rescia
p. 315
Notizia bibliografica:

Marie-Claire Planche, De l’iconographie racinienne, dessiner et peindre les passions, Turnhout, Brepols, 2010, pp. 327.

Testo integrale

1L’argomento di questa tesi in storia dell’arte, convertita in saggio e offerta oggi al lettore in un’edizione corredata da novantasette immagini in bianco e nero, era assai promettente, sia per la fertilità dell’attuale dibattito sui rapporti tra testo e immagine, sia per i recenti sviluppi della ricerca tra le diverse poetiche artistiche nel xvii secolo (i lavori di Emanuelle Hénin ne sono un valido esempio).

2Il titolo lasciava immaginare una mirata definizione dell’oggetto di una ricerca dichiaratamente interdisciplinare, come viene confermato nell’ introduzione, dove l’A. afferma di volersi interrogare sul legame tra la poetica raciniana, e in particolare la rappresentazione delle passioni, e un vasto corredo iconografico. In realtà, soltanto l’ultimo capitolo viene dedicato a questo problema: ne emerge una trattazione talvolta suggestiva, soprattutto laddove l’A. si concentra sul campo di cui è specialista, mentre il rapporto con il testo letterario rimane spesso impressionistico, e le deboli conclusioni testimoniano più un amore per il teatro raciniano che una solidità dell’impianto scientifico.

3Rimane di sicuro interesse la raccolta e la presentazione del corpus iconografico, che copre l’ arco cronologico tra il 1668 e il 1815, e comprende sia stampe e illustrazioni ai testi, sia dipinti e disegni relativi a soggetti trattati nella tragedia raciniana.

4La scelta di non studiare separatamente le immagini che hanno un rapporto diretto con il testo da quelle che ne sono distanziate viene rivendicata dall’A. con l’intento di meglio analizzare i rapporti iconografici tra pitture e incisioni: tuttavia questo aspetto è destinato a rimanere sottotraccia, e il discorso si indirizza su una serie di altre direttrici. Così, il primo capitolo è dedicato alla poetica dell’immagine in Racine, il secondo descrive il corpus iconografico, con ampî riferimenti alla storia dell’editoria, il terzo discute i criteri di scelta degli episodi illustrati, il quarto si concentra sui luoghi e le architetture, il quinto, infine, su expressions et attitudes: sono questi ultimi a contenere gli spunti più interessanti, che avrebbero certamente meritato maggior ampliamento.

5La bibliografia finale non contiene tutti i rinvii bibliografici delle note: anche questa è rivendicata come scelta, ma non se ne comprende il criterio selettivo.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Laura Rescia, « Marie-Claire Planche, De l’iconographie racinienne, dessiner et peindre les passions », Studi Francesi, 167 (LVI | II) | 2012, 315.

Notizia bibliografica digitale

Laura Rescia, « Marie-Claire Planche, De l’iconographie racinienne, dessiner et peindre les passions », Studi Francesi [Online], 167 (LVI | II) | 2012, online dal 30 novembre 2015, consultato il 18 décembre 2018. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/4046

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals