Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Settecento

Les scènes de l’enchantement. Arts du spectacle, théâtralité et conte merveilleux (xviie-xixe siècles), sous la direction de Martial Poirson et Jean-François Perrin

Paola Martinuzzi
p. 320-321
Notizia bibliografica:

Les scènes de l’enchantement. Arts du spectacle, théâtralité et conte merveilleux (xviie-xixe siècles), sous la direction de Martial Poirson et Jean-François Perrin, Paris, Éditions Desjonquères, 2011, pp. 406.

Testo integrale

1La drammaturgia delle opere teatrali fondate su elementi fantastici o soprannaturali, sull’illusione e sulla fascinazione dello spettatore, nonostante la vastità della produzione, è stata a lungo oscurata dalla drammaturgia classica: sia nelle scelte razionaliste operate dai teatri istituzionali che nell’impostazione dei testi teorici. Lo afferma Martial Poirson nella prefazione al volume, che presenta ventuno saggi, di cui due terzi riguardano il Settecento. Le ricerche raccolte nel libro si pongono tre obiettivi: cogliere la teatralità insita nella narrazione del conte merveilleux; proporre una possibile poetica del «merveilleux spectaculaire» attraverso l’osservazione delle sue varie declinazioni; prendere in esame delle significative interazioni fra la «dramaturgie de l’enchantement» e le specifiche condizioni di produzione e di ricezione degli spettacoli.

2Nella prospettiva interdisciplinare che caratterizza le più interessanti ricerche contemporanee sul teatro in musica, a partire dai seminari coordinati da Irène Mamczarz dagli anni ’80, vari fra i saggi raccolti nel volume curato da Poirson e Perrin mettono in relazione la dimensione letteraria e quella propriamente scenica. Benjamin Pintiaux (Le conte, un opéra imaginaire, pp. 71-89) rileva come l’opéra-ballet e la tragedia in musica, i maggiori fra i generi che mettono in scena personaggi magici, forze ed eventi soprannaturali, hanno in comune con la fiaba non solo i temi, ma le strutture e la capacità di mettere in contatto fra loro cultura erudita e popolare; parallelamente, l’universo scenico dell’età di Luigi XIV (caratterizzato da macchine, artificialità, iperbole) traspare, tra fine Seicento e inizio Settecento, nei contes di Madame d’Aulnoy, di Mailly (Aurélia Gaillard, Le conte et ses machines: pour une esthétique de l’effet merveilleux, pp. 90-102). Anche le immagini che illustrano i contes portano un riflesso dell’estetica teatrale del tempo, osserva Catherine Ramond (Les illustrations des “Contes” de Perrault de 1697 à 1785, pp. 103-117) e rivelano un sempre maggiore interesse per la tensione drammatica e il patetico.

3Nel Settecento permane il gusto per l’aspetto favoloso delle narrazioni teatrali che aveva nutrito tragédie lyrique, divertissement e balletto di corte nel secolo precedente, ma si instaura una relazione «ambivalente» nei confronti dell’artificio e una diversa sensibilità per l’immagine, come evidenziano in particolare i saggi di Angela Braito (Merveilleux scénique, enchantement et plaisir théâtral dans les pantomimes de “La Belle au bois dormant” de la seconde moitié du xviiie siècle, pp. 175-194) e di Isabelle Martin (Du conte de fées aux limites du merveilleux et de l’étrangeté sur la scène foraine, pp. 195-208). Anche vari testi di Voltaire si trovano coinvolti nel movimento di sempre maggiore spettacolarizzazione e illusione scenica; lo dimostrano la commedia La Fée Urgèle di Favart-Voisenon-Duni, che sviluppa teatralmente il conte voltairiano Ce qui plaît aux dames, derivato da Chaucer (Raymonde Robert, L’invasion de la scène par la féerie au xviiie siècle, pp. 59-70) e le realizzazioni sceniche della tragedia Sémiramis (Damien Chardonnet, “Sémiramis” ou le retour délicat du merveilleux spectaculaire sur la scène institutionnelle de la Comédie-Française en 1748, pp. 350-363).

4Uno dei meriti di questo libro è aver messo in rilievo l’aspetto innovatore del conte théâtral, forma che pur avendo nell’opéra una fonte importante, ne ha contraddetto la magnificenza, a favore di una dimensione talvolta «minimale». In un secolo come il Settecento, che opera la demistificazione delle credenze religiose, gli spettacoli in musica appaiono, fa notare Martial Poirson nella sua «Préface», «une sorte de transfert de la sacralité perdue avec l’affirmation de la pensée critique»; essi offrono una «esthétisation du religieux» (p. 14). La figura del mago, onnipresente nel teatro classico francese e scomparsa dopo Corneille, appare non solo nel teatro musicale dell’epoca dei Lumi, ma anche nei dibattiti della vita civile, rileva, a sua volta, Béatrice Didier (Rameau ou le rationalisme enchanté. Magie et Raison dans les opéras de Rameau, pp. 291-301); va infatti considerata la forte coesistenza dell’irrazionale e delle esigenze della ragione, nella cultura del secolo. L’attività critica nei confronti del sacro si rivela attraverso più canali; uno di essi è il trattamento tematico dei nuclei narrativi antichi; esempio ne sono i Contes mogols di Gueullette (Jean-François Perrin, Les machines de l’illusion au miroir du conte oriental chez Th.-S. Gueullette (“Les Sultanes de Guzarate”) et A. Galland (“Histoire du dormeur évéillé”), pp. 118-132).

5La diversa lettura della realtà nei contes del xviii secolo coinvolge l’intero piano morale, modificando le prospettive delle fiabe seicentesche. Per esempio, le versioni teatrali del Petit Poucet di Perrault acquistano un sapore critico e politico assente nel testo originario (Martial Poirson, Le conte merveilleux, ouvroir de littérature dramatique potentielle: transpositions théâtrales du “Petit Poucet”, pp. 133-174).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Paola Martinuzzi, « Les scènes de l’enchantement. Arts du spectacle, théâtralité et conte merveilleux (xviie-xixe siècles), sous la direction de Martial Poirson et Jean-François Perrin », Studi Francesi, 167 (LVI | II) | 2012, 320-321.

Notizia bibliografica digitale

Paola Martinuzzi, « Les scènes de l’enchantement. Arts du spectacle, théâtralité et conte merveilleux (xviie-xixe siècles), sous la direction de Martial Poirson et Jean-François Perrin », Studi Francesi [Online], 167 (LVI | II) | 2012, online dal 30 novembre 2015, consultato il 06 décembre 2019. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/4066

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals