Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Ottocento a) dal 1800 al 1850

Valeria Ramacciotti, «L’esilio dell’androgino»

Marco Stupazzoni
p. 328-329
Notizia bibliografica:

Valeria Ramacciotti, «L’esilio dell’androgino», in Identità nascoste. Saggi di letteratura francese dell’Ottocento, Alessandria, Edizioni dell’Orso, «Studi e Ricerche», 2009, pp. 1-18.

Testo integrale

1In questo studio (risalente al 1990), l’autrice riflette sul mito dell’androgino e, in particolare, su di una sua peculiare caratteristica: quella dell’esclusione e dell’esilio, che vede accomunare tra loro quattro testi narrativi dell’Ottocento francese: Fragoletta di H. de Latouche; Sarrasine e Séraphîta di Balzac e Mademoiselle de Maupin di Gautier, pubblicati tra il 1829 e il 1835.

2In pieno contesto romantico, la rappresentazione della duplicità insita nella figura dell’androgino costituisce una componente essenziale del mito se considerata come elemento di irresolubile contrasto, di isolamento e di esclusione nei confronti della società civile. Soltanto in una dimensione di assoluta autonomia e di autoreferenzialità estetica, l’androgino sembra rivelare la propria condizione di perfezione. Dato il loro “non-essere“, l’esilio e la maledizione sono il marchio indelebile di queste esistenze fatali: in Sarrasine, Zambinella è «condannata all’esilio del teatro» (p. 13), mentre l’unico essere che, almeno in apparenza, realizza un ideale di idealità assoluta, lontano da qualsiasi rapporto o legame con la dimensione terrena, è Séraphîta, la cui spiritualità disincarnata fa, di questo personaggio, quello che M. Eliade chiamava «la suprema e irripetibile realizzazione del mito». Il tratto che accomuna tutte queste creature è dunque il non-essere: è il tentativo disperato di conciliare gli estremi di una contraddizione esistenziale e sociale in un ideale mitico che necessariamente deve sottrarsi alle logiche del mondo reale per elevarsi, come Séraphîta appunto, verso una dimensione mistica che, depurata da ogni scoria terrena, si completa e si realizza soltanto nella sfera estetica.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Marco Stupazzoni,
« Valeria Ramacciotti, «L’esilio dell’androgino» »
Studi Francesi,
167 (LVI | II) | 2012,  328-329.

Notizia bibliografica digitale

Marco Stupazzoni, « Valeria Ramacciotti, «L’esilio dell’androgino» »
Studi Francesi [Online], 167 (LVI | II) | 2012,
online dal 30 novembre 2015,
consultato il 25 février 2020.
URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/4088

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals