Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Ottocento a) dal 1800 al 1850

Ivanna Rosi, Le maschere di Chateaubriand. Libertà e vincoli dell’autorappresentazione

Fabio Vasarri
p. 329-330
Notizia bibliografica:

Ivanna Rosi, Le maschere di Chateaubriand. Libertà e vincoli dell’autorappresentazione, Firenze, Le Lettere, 2010, pp. 391.

Testo integrale

1Il volume testimonia di una lunga e appassionata frequentazione dell’oggetto di studio, segnata da una profonda comprensione dei testi che si traduce in analisi illuminanti e coese. Una dozzina di contributi pubblicati nel corso di un ventennio sono qui rimodellati e ridisposti in modo da comporre un percorso unitario e convincente. L’ambizione di tracciare un ritratto esaustivo è giustamente scartata, perché è proprio quello che risulta assente e forse impossibile. In altri termini, l’autore rispetta la pluralità delle “maschere” e la mancanza di un io vero e autentico, che appare inafferrabile. I lettori di Chateaubriand conoscono bene la sensazione diffusa e paradossale che li coglie procedendo nella conoscenza della sua produzione: la sensazione di trovarsi di fronte a un io ingombrante e onnipresente e tuttavia, in larga misura, refrattario alle formule e ai modi dell’introspezione. Un io di volta in volta storicizzato, idealizzato o addirittura investito di tratti mitologici e allegorici, ma mai presentato nella sua verità psicologica, o meglio, nella forma letteraria di tale verità che il genere autobiografico ha elaborato almeno a partire da Rousseau. Partendo da queste premesse, l’autore si dedica a uno scavo paziente nel non detto di Chateaubriand, mettendo in luce corrispondenze testuali anche remote che illuminano il senso di dichiarazioni oblique o criptiche. Ad esempio, la lettera di René a Céluta nei Natchez è sfruttata per comprendere meglio il racconto del tenebroso eroe protoromantico. Oppure, sequenze apparentemente chiuse nel loro significato letterale, come l’astioso ritratto del cardinale di Retz nella Vie de Rancé, rivelano stretti legami con la fisionomia dell’autore, il che rilancia un’interpretazione che sembrava conclusa.

2La qualità particolare della scrittura di sé in Chateaubriand permette all’autore di superare i confini tra i generi consacrati, e di equiparare senza rischi di ambiguità i personaggi di finzione e l’io memorialistico. Così, una vasta sezione del libro è dedicata alla controfigura di René, quale emerge non solo dal racconto omonimo, ma anche dai Natchez. Un’attenzione particolare è riservata alla dimensione affettiva ed erotica del personaggio. Esaminando queste tematiche, e tenendo conto della complessa gestazione dei testi e dell’evoluzione ideologica del giovane Chateaubriand, l’autore procede a disseppellire gli indizi di una concezione iniziale positiva dell’amore adelfico, dimostrando il coinvolgimento del protagonista e approdando a una nuova lettura del famoso motivo incestuoso (pp. 69-80). Il risultato è suggestivo e meritevole di dibattito tra gli specialisti. Molto suggestiva e proficua è anche la dimostrazione della strategia allusiva applicata al probabile suicidio della sorella Lucile (pp. 179-182), dimostrazione fondata saldamente sull’accostamento di porzioni testuali distinte.

3Altrove, l’autore esamina le proiezioni esterne di questo soggetto perennemente sfuggente scegliendo tre casi macroscopici di investimenti personali: Napoleone, Rancé e la categoria dei sovrani (in particolare, gli ultimi Borboni). Di nuovo, si tratta di superare le manifestazioni più vistose e superficiali di adesione o di avversione, per far emergere le sfumature e le ambivalenze di questi ritratti-autoritratti. Il capitolo inedito sulla Vie de Rancé (pp. 257-273) offre un complemento prezioso alla galleria degli alter ego. L’impianto negativo e, come direbbe l’autore, “sospettoso” della lettura, tutta basata sul contrasto e sull’insofferenza di Chateaubriand per l’austero trappista, non convince del tutto, perché rende questa lettura un po’ sbilanciata rispetto alle altre; ma anche qui abbondano intuizioni sottili e implicazioni stimolanti, tra le quali l’invito a considerare il testo non più come un’appendice ai Mémoires, ma come il prodotto di una fase creativa distinta.

4Una porzione consistente del libro esamina la scissione del soggetto e il confronto che si instaura tra le diverse tappe della sua esistenza. Le note del 1826 in occasione della ristampa dell’opera prima, l’Essai sur les révolutions, sono il caso più vistoso di un dialogo tra l’uomo maturo o anziano e il giovane, che ricorre anche, com’è evidente, nei Mémoires. Questa sezione del volume (pp. 99-154) trova un’eco nel capitolo sull’autoderisione (pp. 291-314), che l’A. colloca per ultimo, quasi a sottolineare la rilevanza di un aspetto spesso ignorato, se non a conferirgli un valore conclusivo. Si tratti dell’una o dell’altra opera, Chateaubriand ride di sé secondo modalità diverse. L’autoindulgenza e il compiacimento aleggiano spesso sulle sue apparenti sconfessioni, finendo col rinsaldare le ragioni del soggetto. Ma a questa autoironia valorizzante viene a contrapporsi un distacco di natura umoristica, rilevabile nell’ultima parte dei Mémoires e in Rancé, che appare più temerario e distruttivo. È forse in questa noncuranza senile, in cui torna con forza la tentazione nichilista, che l’io mascherato trova un tono congeniale e una sua paradossale verità.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Fabio Vasarri, « Ivanna Rosi, Le maschere di Chateaubriand. Libertà e vincoli dell’autorappresentazione », Studi Francesi, 167 (LVI | II) | 2012, 329-330.

Notizia bibliografica digitale

Fabio Vasarri, « Ivanna Rosi, Le maschere di Chateaubriand. Libertà e vincoli dell’autorappresentazione », Studi Francesi [Online], 167 (LVI | II) | 2012, online dal 30 novembre 2015, consultato il 07 décembre 2019. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/4090

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals