Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri167 (LVI | II)Rassegna bibliograficaOttocento a) dal 1800 al 1850Aa. Vv., «Le Courrier balzacien», 16

Rassegna bibliografica
Ottocento a) dal 1800 al 1850

Aa. Vv., «Le Courrier balzacien», 16

Marco Stupazzoni
p. 337
Notizia bibliografica:

«Le Courrier balzacien», nouvelle série, 16, 3e trimestre 2011, pp. 59.

Testo integrale

1Nella prima parte di questo terzo fascicolo dell’annata 2011, è posto al centro dell’attenzione il quartiere di Montparnasse, vero e proprio “quartier balzacien” che ha nella residenza di rue Cassini, dimora dello scrittore dal 1829 al 1838, il suo nucleo di interesse peculiare. La storia crono-topo-fotografica di Montparnasse è ricostruita con competenza documentaria da Maurice Laurent (Balzac à Montparnasse (1829-1838). Errances & divagations diachroniques, pp. 5-21) ed è contestualizzata nei suoi riflessi sulle vicende biografiche e letterarie del romanziere. Jacqueline Rousseau-Dujardin (Avec Balzac, à Montparnasse, pp. 23-29) pone al centro del suo intervento L’Envers de l’histoire contemporaine e i “passages” riguardanti Montaparnasse presenti in questo romanzo. Hervé Yon (Henry Reeve rend visite à Balzac. Un jugement sévère en 1835, pp. 30-37) traccia un accurato profilo di Henry Reeve, intellettuale e giornalista inglese che intrattenne stretti rapporti di amicizia con molti letterati francesi della prima metà dell’Ottocento, che rese visita a Balzac alla fine del mese di gennaio del 1835. I documenti di interesse balzachiano che l’autore presenta in questo contributo riguardano due lettere scritte dal Reeve nei giorni immediatamente seguenti l’incontro con Balzac, la prima alla madre, la seconda a E. H. Handley.

2La sezione centrale del fascicolo è intitolata «Balzac et Gautier». Patrick Berthier (Balzac-Gautier, ou l’échange littéraire, pp. 38-49) analizza, a partire dal 1835, «les principales circonstances littéraires dans lesquelles chacun des deux écrivains a influencé ou inspiré l’autre» (p. 39) Riferendosi ad opere quali La Peau de chagrin, Le Chef-d’œuvre inconnu, Une Fille d’Ève, Béatrix, l’autore mette in luce l’importanza di queste testimonianze di “générosité fraternelle” grazie alle quali è possibile cogliere «la part qu’a prise la préfacier de Mademoiselle de Maupin à l’élaboration de la cathédrale inachevée» (p. 49). Ancora sui rapporti tra Balzac e Gautier e sulla questione della «lecture / correction faite par Gautier» in relazione a Une Fille d’Ève riflette Hervé Yon (Gautier corrige Balzac, pp. 50-52).

3Nella parte conclusiva della rivista intitolata «L’Été balzacien», sono presenti i seguenti interventi: Balzac à Avignon (p. 53); Les mois de juillet et d’août à la Maison de Balzac (pp. 54-55); L’été au Musée Balzac à Saché (pp. 56-58); Balzac sous la Coupole (p. 59).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Marco Stupazzoni, «Aa. Vv., «Le Courrier balzacien», 16»Studi Francesi, 167 (LVI | II) | 2012, 337.

Notizia bibliografica digitale

Marco Stupazzoni, «Aa. Vv., «Le Courrier balzacien», 16»Studi Francesi [Online], 167 (LVI | II) | 2012, online dal 30 novembre 2015, consultato il 14 mai 2021. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/4108; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.4108

Torna su

Autore

Marco Stupazzoni

Articoli dello stesso autore

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search