Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Novecento

Maria Dario, «Les Soirées de Paris», laboratorio creativo dell’avanguardia

Tania Collani
p. 354
Notizia bibliografica:

Maria Dario, «Les Soirées de Paris», laboratorio creativo dell’avanguardia, Padova, Unipress, 2009, pp. 248.

Testo integrale

1Le riviste letterarie pongono lo studioso davanti alla necessità di un approccio metodologico specifico: è quello che appare chiaro alla lettura della «Premessa» di Mario Richter e del primo capitolo del volume che Maria Dario dedica alla rivista parigina «Les Soirées de Paris» (1912-1914). Rivista di avanguardia, «Les Soirées de Paris» è una di quelle petites revues di cui Rémy de Gourmont parlava già nel 1900, per indicare quei fenomeni editoriali più o meno effimeri, a circolazione limitata, che erano tuttavia in grado di fotografare i diversi tratti del mondo letterario e artistico in un preciso momento storico; una fucina collettiva di idee e di scambi, che si plasma sulla base delle tendenze più moderne, ma che riesce, quando ha una linea editoriale forte, a dare il passo alle mode culturali dell’epoca contemporanea.

2«Les Soirées de Paris», il cui nome è ispirato, secondo Maria Dario, a modelli narrativi come Les Soirées de Saint-Petersbourg di Joseph de Maistre (1821), Les Soirées de Neuilly e Les Soirées de Médan (1880), tradisce l’influenza della “grande rivista” «NRF», che aveva saputo riconciliare il pubblico colto con il genere romanzesco. Nonostante questo legame, «Les Soirées» si collocano decisamente nel contesto dell’avanguardia e delle altre “piccole riviste” francesi ed europee («Poème et drame», «Montjoie!», «Lacerba», «Der Sturm», ad esempio), marcando a livello poetico e artistico la transizione tra il simbolismo e le nuove forme di contemporaneità.

3Maria Dario vede nella figura di Apollinaire l’unico filo conduttore e il vero federatore delle due serie della rivista. Nella prima serie (nn. 1-17), definita nel secondo capitolo come «une gazette à l’ancienne mode», la linea dell’autore di Alcools risulta mitigata dal progetto di André Billy, che favorisce un approccio eterogeneo e ambiguo rispetto alla formulazione dei numeri successivi. Inoltre, il nucleo centrale della rivista, formato da Apollinaire e André Salmon, non ha più la verve e l’entusiasmo che avevano guidato la loro collaborazione per il «Festin d’Esope» (1903-04) e André Salmon esce dal progetto fin dal secondo numero. Nella seconda serie delle «Soirées de Paris» (nn. 18-26/27), che nel terzo capitolo Maria Dario definisce come «une revue moderne à excès», Apollinaire riesce invece a imporre il suo ritmo alla rivista, avvalendosi della collaborazione degli autori e pittori più in voga all’epoca – tutti i migliori del Bateau Lavoir, aprendo la pubblicazione anche agli stranieri: Max Jacob, Cendrars, Savinio, Picasso, Braque, Derain, Léger, Picabia, Matisse, Archipenko e molto altri.

4L’autrice sottolinea a più riprese il ruolo fondamentale svolto dalla rivista per la maturazione letteraria di Apollinaire. La sua produzione pubblicata nelle «Soirées» sarà raccolta in «Ondes», la prima sezione di Calligrammes, e risente di tutte le ricerche e scoperte che Apollinaire metterà a punto proprio in quegli anni: il “simultaneismo concettuale”, il poème-conversation, il lyrisme ambiant, la poetica del ready-made che preannuncia già le creazioni dadaiste.

5Le sessanta pagine conclusive della monografia costituiscono un’appendice che riproduce immagini e testi (mantenuti in francese) tratti da vari numeri delle «Soirées de Paris», e che anticipano un’ampia bibliografia in gran parte dedicata alla figura e all’opera di Apollinaire.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Tania Collani, « Maria Dario, «Les Soirées de Paris», laboratorio creativo dell’avanguardia »Studi Francesi, 167 (LVI | II) | 2012,  354.

Notizia bibliografica digitale

Tania Collani, « Maria Dario, «Les Soirées de Paris», laboratorio creativo dell’avanguardia »Studi Francesi [Online], 167 (LVI | II) | 2012, online dal 30 novembre 2015, consultato il 26 février 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/4159

Torna su
  • OpenEdition Journals