Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Novecento

Serge Perrault, Céline de mes souvenirs

Giulia Boggio Marzet
p. 360
Notizia bibliografica:

Serge Perrault, Céline de mes souvenirs, Tusson, Du Lérot, 1992, réimpression 2010, pp 109.

Testo integrale

1La casa editrice Du Lérot ristampa dopo nove anni dalla prima pubblicazione duecento esemplari di questo esile ma toccante omaggio a Céline. In quella che l’autore stesso definisce una “testimonianza tardiva”, Serge Perrault, ballerino dal tocco leggero nella vita e sulla carta, rievoca i ricordi più affettuosi e quotidiani dei quarant’anni di amicizia che lo legarono a Ferdinand.

2Il libro, diviso in tre sezioni, attraverso una collazione di istantanee fulminanti, tratteggia un uomo inedito: dapprima il Céline dei tempi de la Butte, indomito e pieno d’ironia, poi quello afflitto, solo e malato degli anni di Meudon; infine, una sezione di reminiscenze coniugali, rubate alla memoria della moglie Lucette, restituiscono l’immagine di un amico fedele, fiero e affettuoso al contempo, «une grande âme souffrante et en colère» (p. 104).

3Nella prima sezione, dal titolo «Montmartre (1940-1944)», Perrault ripercorre gli anni dell’Occupazione attraverso la memoria dei cenacoli, delle scorribande e degli incontri per lo più gioiosi della casa di rue Girardon. In un eterno presente, Perrault saltella tra gli aneddoti: dal primo incontro con l’autore del Voyage, nel marzo del ’41, nella scuola di danza frequentata dalla sua Lucette, ove Céline è solito assistere ad estenuanti lezioni, alle giornate oziose della Guignol’s band (p. 48) con Marc Aymé, Le Vignal presso l’atelier di Gen Paul, luogo in cui Céline fa capolino di tanto in tanto per pronunciare qualche frase fulminante e poi sparire. Céline è medico e amico solidale che intercede per Perrault e convince con i suoi modi ruvidi il padre di Mireille a darla in sposa all’amico ballerino. Nei ricordi di Perrault la Parigi occupata resta una pallida scenografia, ove collaborazionismo e resistenza non sono che le ombre di una innocente guerra dei bottoni.

4I ricordi dei tempi di «Meudon (1951-1961)» si fanno plumbei: Céline ora è «une âme ébranlée dans un corps souffrant» (p. 53). Anche se progressivamente abbandonato da quasi tutti gli amici, lo scrittore riaffiora nella penna di Perrault attraverso i gesti di grande umanità, rispetto e generosità che egli riserva ai pochi pazienti, agli animali e ai pochi compagni rimastigli accanto. Alcuni bagliori luminosi ritraggono un Céline scherzoso e melanconico al contempo, mentre telefona la sera a Perrault intonando Règlement. L’ultimo episodio di questa sezione racconta dell’umida e piovosa giornata di luglio in cui, mentre Perrault è in visita dagli amici a Meudon, Céline, al piano di sopra, si spegne nel proprio letto.

5I frammenti dell’ultima sezione sono quelli affidati all’intima memoria di Lucette Destouches: Céline che sbeffeggia l’ipocrisia mondana dei ricchi proprietari che lo ospitano a Neuilly, il marito anticonformista che cronometra gli allenamenti alla corda della moglie e si spazientisce nel vederla con una scopa in mano, il medico preoccupato per l’etilismo di un amico, l’uomo dilaniato dal dolore delle emicranie.

6Perrault, che in chiusura restituisce la parola allo scrittore, di cui pubblica qualche aforisma folgorante, solo nell’ultima pagina affronta a viso aperto le ombre che gravano sulla biografia di Céline. Dell’uomo e dello scrittore – un tout – rivendica incessantemente la complessità esistenziale che sola ha potuto dar vita ad opere insuperabili e che nasconde, nelle pieghe degli attacchi di rabbia verso il mondo, «de la compassion, et de délicates tendresses...» (p. 104).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Giulia Boggio Marzet, « Serge Perrault, Céline de mes souvenirs »Studi Francesi, 167 (LVI | II) | 2012,  360.

Notizia bibliografica digitale

Giulia Boggio Marzet, « Serge Perrault, Céline de mes souvenirs »Studi Francesi [Online], 167 (LVI | II) | 2012, online dal 30 novembre 2015, consultato il 27 février 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/4179

Torna su
  • OpenEdition Journals