Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Novecento

Olivier Belin, René Char et le surréalisme

Tania Collani
p. 363
Notizia bibliografica:

Olivier Belin, René Char et le surréalisme, Paris, Classiques Garnier, 2011 («Études de littérature des XXe et XXIe siècles», 13), pp. 626.

Testo integrale

1Il presente volume pubblica la tesi di dottorato che Olivier Belin ha discusso alla Sorbona nell’ottobre 2008, sotto la direzione di Michel Jarrety. Le oltre seicento pagine del suo René Char et le surréalisme sono organizzate in dieci capitoli, che si susseguono secondo un’alternanza di momenti descrittivi e compilativi, e momenti di analisi e storia letteraria. Il lavoro è incorniciato da un’introduzione, una conclusione, una bibliografia, un indice dei nomi e un’appendice con la trascrizione di quattro poesie dattiloscritte conservate alla Biblioteca Jacques Doucet. Si può senz’altro affermare che nel loro complesso, le ricerche svolte da Belin hanno il merito di colmare un vuoto della storia letteraria francese, in particolare per gli anni compresi tra il 1929 e il 1935, cruciali per cogliere in dettaglio le tappe e i modi dell’adesione di René Char al surrealismo.

2L’ipotesi che l’autore espone chiaramente fin dalle prime pagine è che il surrealismo non costituisca soltanto un momento di transizione nella poesia di Char, ma che sia una vena profondamente radicata e palesemente apprezzabile anche nelle opere successive del poeta. Infatti, oltre ai sei anni di adesione totale al surrealismo, durante i quali pubblica la raccolta di poesie Le Marteau sans maître (1934), René Char continuerà a respirare “l’aria surrealista” con i vecchi esponenti e gli ex del gruppo (tra i quali Éluard o Picasso), che Char incontra regolarmente a casa di Christian Zervos e della moglie negli anni dell’Occupazione di Parigi. Questo periodo è testimoniato anche dalla biografia di Yvette Szczupak-Thomas, figlia adottiva della coppia, non sempre positiva nei confronti del circolo di intellettuali riuniti intorno agli Zervos (cfr. Un diamant brut. Vezelay-Paris 1938-1950, Paris, Métailié, 2008; tradotto in italiano presso Ponte alle Grazie nel 2009).

3Olivier Belin prende dunque le distanze dai precedenti approcci della critica tematica (Jean-Pierre Richard, Georges Poulet o Georges Blin), che tendevano a mettere tra parentesi gli anni dell’“incubazione surrealista” di René Char. Preferendo rifarsi al lavoro precoce intrapreso da Georges Mounin (Avez-vous lu Char?, 1947), agli approcci storici e critici di Jean-Claude Mathieu e di Patrick Née, e ai lavori biografici di Laurent Greilsamer e Danièle Leclair, l’A. mostra l’intricato sistema di influenze di cui è fatto il rapporto tra Char e il surrealismo.

4Per arrivare alla sua lettura surrealista dell’opera di Char, Belin ha dovuto sciogliere alcuni nodi. Innanzitutto, un nodo filologico, perché i testi pubblicati prima della Seconda Guerra mondiale, quando sono accessibili, lo sono spesso unicamente nelle versioni rimaneggiate delle edizioni successive, che ne modificano pesantemente la fisionomia, alla luce dell’immagine di Char come poeta della Resistenza. In secondo luogo, un nodo teorico, perché Belin si interroga sul senso e sui limiti dell’essere surrealista. Egli arriva alla conclusione, ampiamente condivisibile, che si possa aderire alla poetica surrealista anche quando l’interazione si limita all’utilizzo degli stessi canali e delle stesse piattaforme di pubblicazione e diffusione (riviste, case editrici, mostre, ecc.).

5Si tratta di una situazione analoga a quella di scrittori come Michel Leiris o Robert Desnos che, pur essendosi allontanati dal gruppo e dall’ortodossia di André Breton, faranno evolvere la loro poetica, senza però rinnegare il lavoro creativo fatto negli anni del surrealismo. Perché, riprendendo la bella frase di René Crevel che Olivier Belin sceglie per chiudere il suo libro, «Le surréalisme: pas une école, un mouvement. Donc ne parle pas ex catedra mais va y voir, va à la connaissance, à la connaissance appliquée, à la Révolution. (Par un chemin poétique)».

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Tania Collani, « Olivier Belin, René Char et le surréalisme », Studi Francesi, 167 (LVI | II) | 2012, 363.

Notizia bibliografica digitale

Tania Collani, « Olivier Belin, René Char et le surréalisme », Studi Francesi [Online], 167 (LVI | II) | 2012, online dal 30 novembre 2015, consultato il 21 janvier 2020. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/4192

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals