Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Novecento

François Harvey, Alain Robbe-Grillet: le nouveau roman composite. Intergénéricité et intermédialité

Francesca Forcolin
p. 366-367
Notizia bibliografica:

François Harvey, Alain Robbe-Grillet: le nouveau roman composite. Intergénéricité et intermédialité, Paris, L’Harmattan, 2011, pp. 284.

Testo integrale

1Secondo Robbe-Grillet, cinema e letteratura sarebbero due attività indipendenti l’una dall’altra. F. Harvey, in questo volume, intende dimostrare esattamente il contrario: cioè come le opere robbe-grillettiane rispondano di un’ibridità dei generi, di una mescolanza, una combinazione tra diverse forme d’arte, dando vita a creazioni eterogenee e meticcie. Questo décloisonnement – termine che ritorna più volte nel ragionamento dell’A., a indicare una contaminazione dei registri e dei materiali utilizzati, tipicamente postmoderna (Guy Scarpetta) – è lontano dalla visione ermetica e stagna delle arti data dal nouveau romancier, nella cui dichiarazione, direi, non è da escludere una buona dose di provocazione, d’altronde frequente nell’opera dello scrittore – ricordiamo l’incipit della trilogia Romanesques, connubio di autoreferenzialità e finzione, che rovesciò, negli anni ’80, l’intera lettura critica delle sue opere, aprendo la via alla cosiddetta Nouvelle Autobiographie: «Je n’ai jamais parlé d’autre chose que de moi».

2Per dimostrare quest’idea di romanzo essenzialmente eteroclito, come luogo d’imitazione, combinazione e trasformazione, l’A. analizza, partendo dalle teorie di intergénéricité e intermédialité, l’apporto di tecniche artistiche estranee alla letteratura come la fotografia, il cinema, la musica, la pittura. La prima parte del volume è dedicata all’influenza della settima arte nella scrittura, che darebbe vita a cine-romanzi quali L’Année dernière a Marienbad o Glissements progressifs du plaisir, per passare poi alla costante presenza di topoi polizieschi (enigmi, interrogatori, indizi, uccisioni, ne Les Gommes, per esempio) il cui intento parodico si rivela attraverso il sovvertimento delle regole del genere stesso. Nella seconda parte, si nota come la stessa dinamica caratterizzi i récits-photos quali Rêves de jeunes filles o Temple aux miroirs, o il celebre La Belle captive, dove nel racconto si inseriscono quadri di Magritte: esempi di quell’impurità soggiacente all’opera robbe-grillettiana, come la definisce l’A., sintomatica dell’aspetto ludico della post-modernità letteraria.

3Il volume, dopo una breve «Introduction» (pp. 11-16), è strutturato in due sezioni, ognuna comprendente due capitoli. La prima parte, «Intergénéricité», affronta dunque lo studio della combinatoria generica e delle ibridazioni tra romanzo e sceneggiatura e tra scrittura e cinema o fotografia. La seconda, «Intermédialité», approfondisce i temi della creazione multimediale, della sceneggiatura come struttura dinamica e dell’interazione fra testo e immagine. Chiude il volume una breve «Conclusion» (pp. 273-274) e la «Bibliographie» (pp. 275-282).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Francesca Forcolin, « François Harvey, Alain Robbe-Grillet: le nouveau roman composite. Intergénéricité et intermédialité », Studi Francesi, 167 (LVI | II) | 2012, 366-367.

Notizia bibliografica digitale

Francesca Forcolin, « François Harvey, Alain Robbe-Grillet: le nouveau roman composite. Intergénéricité et intermédialité », Studi Francesi [Online], 167 (LVI | II) | 2012, online dal 30 novembre 2015, consultato il 21 février 2020. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/4200

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals