Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Novecento

Poésie et politique au XXe siècle, sous la direction d’Henri Béhar et de Pierre Taminiaux

Rachele Calisti
p. 367
Notizia bibliografica:

Poésie et politique au XXe siècle, sous la direction d’Henri Béhar et de Pierre Taminiaux, Paris, Hermann, 2011, pp. 390.

Testo integrale

1Si è spesso creduto che ci sia una totale incompatibilità tra l’azione, territorio principalmente politico, e l’ideale, il sogno, momenti d’espressione privilegiati dalla poesia. Ma la poesia, così come la vuole una certa tradizione, non è solo un’arte disincarnata e distaccata dal reale. Essere poeta spesso significa compromettersi. Scopo di molti poeti, già a partire da Hugo e Lamartine, è proprio quello di incidere in modo concreto sul mondo e sulla storia non esclusivamente attraverso una praxis, ma soprattutto con una parola in grado, oltre che di rappresentare il mondo, anche di contribuire a cambiarlo.

2Poésie et politique au xxe siècle nasce a seguito del convegno internazionale tenutosi a Cerisy-la-Salle nel luglio 2011 e mira a gettare uno sguardo d’insieme sul legame che unisce la poesia del xx secolo ai tragici avvenimenti che ne hanno segnato la storia, dal comunismo al fascismo fino al colonialismo. In tal senso, l’intento dei vari interventi è proprio quello di mettere in luce la stretta connessione tra realtà e parola, quest’ultima degna di valore “costruttivo” tanto quanto la realtà stessa. Occuparsi della relazione tra poesia e politica significa dunque ritrovare le connessioni tra la parola poetica, l’ideologia e l’impegno civile, ovvero tra un discorso soprattutto evocativo, simbolico, che spesso tenta solo di suggerire un senso e, viceversa, un discorso rigido, specifico, oggettivo, eminentemente pratico e tutto rivolto alla realizzazione di uno scopo.

3Dopo una riflessione di Pierre Taminiaux sulle singolari qualità del linguaggio poetico dei Manifesti dadaisti, da non sottovalutarsi, al di là del loro evidente valore di provocazione politica e letteraria, la raccolta si divide in due parti. Nella prima, dedicata ai movimenti letterari e artistici d’avanguardia e post-surrealisti, ci si preoccupa di storicizzare il loro percorso politico, mettendone in luce ambivalenze e peculiarità e analizzando le riflessioni dei loro principali artefici (Tristan Tzara, André Breton, Paul Éluard, Benjamin Péret, Robert Desnos, Louis Aragon). Nella seconda parte, intitolata «Résistances, révolutions, subversions», vengono esaminate le realizzazioni poetiche e politiche durante momenti di grande fermento storico, quando la parola circola tra le barricate nelle strade o nei gruppi rivoluzionari alla ricerca di libertà come all’epoca dei moti giovanili del 1968, nel corso della rivoluzione a Cuba o in alcune comunità francofone (Québec o Haïti). Attraverso lo studio di movimenti che vanno da Dada fino all’Oulipo, la raccolta sottolinea anche l’importanza di alcuni poeti che maggiormente hanno legato i loro versi alla comunità, stringendo legami di solidarietà o facendo opera di denuncia o resistenza. Così, nella seconda parte della raccolta, dai movimenti si passa all’analisi di singole personalità come Christian Prigent, Francis Ponge, Gaston Miron o Aimé Césaire che si sono avvicinati in modo concreto con le loro parole alla vita politica del loro paese.

4Il poeta, in questo senso, va in primo luogo considerato come un uomo completamente coinvolto nella realtà in cui vive, che non può non relazionarsi con il mondo esteriore, ovvero con la società e con l’altro. Scopo dell’opera diviene allora quello di sottolineare e chiarire i complessi rapporti tra politica e poesia, intendendo però quest’ultima sia come poesia rivoluzionaria, sia come poesia riformista o di resistenza ma pur sempre poesia e, dunque, al di sopra delle leggi dello scambio e del profitto capitalistico poiché spinta principalmente da un «engagement lié au sentiment d’une urgence qui concerne et touche profondément la communauté des hommes» (p. 18).

5In tal senso, i vari interventi non si limitano semplicemente ad analizzare quanto di politico si può rintracciare «dans la poésie», ovvero in una poesia dai contenuti strettamente politici ma in tutte le forme di rivolta o resistenza che il linguaggio poetico riesce a suscitare, mettendo così la politica al servizio dell’arte poetica: «du politique pour la poésie» (p. 13). Infatti, la poesia nel xx secolo, secondo Henri Béhar e Pierre Taminiaux, non solo non può tenersi a distanza, separata dalla società ma anzi ne diviene testimone privilegiata. Tuttavia, grazie alla parola poetica, l’impegno di un poeta assume contorni ben diversi rispetto a quelli di un uomo politico. Non è determinato in primo luogo da obblighi strategici o dal bisogno di risultati concreti ma si basa essenzialmente sulle proprietà espressive del linguaggio, inscindibili dalla sue caratteristiche liriche e maggiormente legate all’espressione dell’individualità. Proprio come afferma Baudelaire, attraverso i suoi versi l’artista riesce così a cogliere l’eterno anche nell’effimero, scoprendo una misteriosa attrattiva persino in un banale evento quotidiano, ritrovando la bellezza del moderno e poeticizzando il politico grazie alla sua «parole nue qui adhère au présent et à la puissance infinie du moment» (p. 34).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Rachele Calisti, « Poésie et politique au XXe siècle, sous la direction d’Henri Béhar et de Pierre Taminiaux », Studi Francesi, 167 (LVI | II) | 2012, 367.

Notizia bibliografica digitale

Rachele Calisti, « Poésie et politique au XXe siècle, sous la direction d’Henri Béhar et de Pierre Taminiaux », Studi Francesi [Online], 167 (LVI | II) | 2012, online dal 30 novembre 2015, consultato il 25 janvier 2020. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/4202

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals