Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri192 (LXIV | III)Rassegna bibligraficaCinquecentoPlutarchi Chaeronensis, De tranqu...

Rassegna bibligrafica
Cinquecento

Plutarchi Chaeronensis, De tranquillitate et securitate animi Guillielmo Budaeo interprete

Gianmario Cattaneo
p. 651-652
Notizia bibliografica:

Plutarchi Chaeronensis, De tranquillitate et securitate animi Guillielmo Budaeo interprete, a cura di S. Martinelli Tempesta, Firenze, Sismel-Edizioni del Galluzzo, 2019, «Edizione nazionale delle traduzioni dei testi greci in età umanistica e rinascimentale» 10, 184 pp.

Testo integrale

1Come ha dimostrato L.-A. Sanchi nel suo saggio Budé et Plutarque: des traductions de 1505 aux “Commentaires de la langue grecque”, in Moralia et Œuvres morales à la Renaissance, textes réunis et présentés par O. Guerrier, Paris, Honoré Champion, 2008, pp. 91-108 (rec. D. Cecchetti, “Studi Francesi” 158, 2009, pp. 384-385), il ruolo di Guillaume Budé nella ricezione e diffusione delle opere di Plutarco in Francia è stato fondamentale, e l’edizione critica della traduzione latina del De tranquillitate animi, curata da S. Martinelli Tempesta, conferma questo giudizio. Budé tradusse, oltre al De tranquillitate, il De placitis philosophorum, il De fortuna Romanorum, il De Alexandri fortuna aut virtute, e, con queste traduzioni, egli aprì la strada «alla fortuna transalpina ed europea di Plutarco, ancor prima che, nel 1509, Aldo Manuzio […] desse alle stampe l’editio princeps del testo greco dei Moralia» (p. 3). La prima parte dell’introduzione è dedicata alla storia del testo (pp. 3-21): la traduzione del De tranquillitate animi fu realizzata da Budé entro l’aprile del 1505 con dedica a papa Giulio II e fu pubblicata nello stesso anno presso Josse Bade. Il manoscritto greco utilizzato per la traduzione è l’attuale Leiden, Bibliotheek der Rijksuniversiteit, Voss. gr. Q.2I-II, in parte copiato da Giorgio Ermonimo, primo maestro di greco di Budé. In esso Budé annotò alcune varianti tratte dal manoscritto Par. gr. 1671, nonché sue congetture, che trovano riscontro nella traduzione latina del De tranquillitate.

2Segue un capitolo su Budé teorico della traduzione (pp. 21-34). Analizzando la lettera dedicatoria del De placitis philosophorum a Germain de Ganay, Martinelli Tempesta mostra come, secondo Budé, «la traduzione migliore è quella che coglie appieno il sensus dell’originale e lo traspone nella lingua di arrivo nel modo più completo cercando di renderne nella massima misura possibile non soltanto il significato, ma anche le valenze stilistiche» (p. 24). L’opera di Budé non solo promosse la conoscenza dell’opuscolo plutarcheo, ma fu apprezzata anche per le scelte testuali, come testimonia l’uso che ne fecero Wilhelm Xylander nelle Adnotationes a Plutarco e Marc-Antoine Muret nelle note autografe al suo esemplare aldino dei Moralia. Lodi per la sua traduzione provennero da Juan Luis Vives e Louis Le Roy, mentre più critici furono i giudizi di Petrus Nannius e Pierre-Daniel Huet. L’ultimo capitolo (pp. 34-45) è dedicato al valore della traduzione dal greco al latino nel progetto culturale di Guillaume Budé. Martinelli Tempesta si concentra soprattutto sulla formazione di Budé e sulla nascita degli studi greci in Francia: con le traduzioni plutarchee, Guillaume cercò di dare la prima dimostrazione delle sue capacità di grecista e, nonostante una formazione sostanzialmente da autodidatta e l’assenza di adeguati strumenti di consultazione, queste versioni mostrano notevole conoscenza della lingua greca e capacità di cogliere il significato del testo plutarcheo.

3Dopo l’introduzione si trova la nota al testo, che contiene innanzitutto la descrizione dei tre testimoni manoscritti e di quelli a stampa (pp. 49-77). Il principale codice è il Genève, Bibliothèque de Genève, lat. 124, che contiene annotazioni di mano di Budé ed è solitamente ritenuto la copia di dedica per papa Giulio II. Martinelli Tempesta riscostruisce lo stemma codicum della traduzione (pp. 77-95): dall’autografo di Budé discendono il codice di Ginevra e la copia che fu utilizzata per la pubblicazione dell’editio princeps. Da questa stampa discendono sia i due restanti codici, sia le numerose edizioni pubblicate nel corso del Cinquecento, i cui complessi rapporti vengono con cura esaminati e ricostruiti. Chiudono questa sezione i criteri di edizione (pp. 95-98). Il cuore della pubblicazione è costituito dall’edizione critica della traduzione del De tranquillitate animi, preceduta dalla lettera dedicatoria al papa (pp. 109-142). L’apparato è articolato in quattro fasce: apparato delle fonti, apparato critico del testo latino, apparato di confronto con i testimoni greci del De tranquillitate, commento discorsivo dei principali luoghi critici. Le due appendici contengono una tavola di confronto contenente le varianti tra l’editio princeps e il codice di Ginevra (p. 145) e la trascrizione delle postille autografe di Budé sul codice leidense di Plutarco (pp. 146-152). Il libro si conclude con bibliografia e indici.

4Qualche breve nota. A p. 52 (con tavola a p. 105) credo che il copista del codice di Londra non sia Judocus Panwels, ma Judocus Pauwels, cognome ampiamente diffuso nelle Fiandre, e soprattutto a Lovanio, già nel Quattrocento. Oltre a quelle segnalate a p. 56, due copie dell’editio princeps sono conservate anche a Oxford, Bodleian Library, Byw. R 5.10 e a Grenoble, Bibliothèque d’Étude et du Patrimoine, F.9042 Rés. In 466D la traduzione di τρίβωνα «mantello logoro» come sordidum palliolum potrebbe essere stata influenzata da Cic. Tusc. 3, 56: saepe est etiam sub palliolo sordido sapientia. In 469C πρὸς τὸ ἄριστον «per il pranzo» non è reso da Budé come in vappam (vappa «vino inacetito»); piuttosto, la pericope sembra non essere stata tradotta in latino, forse perché Guillaume ignorava il significato della rara parola ἄριστον «pranzo», che in questo contesto non poteva essere da lui interpretata come l’accusativo neutro di ἄριστος «ottimo». Invece acidum in vappamque depravatum pare una dittologia per il greco ὀξίνην, da ὀξίνης «vino acido». In 470D compressis, ut inquiunt, manibus sedet traduce κάθηται καὶ ταπεινούμενος «siede abbattuto»; la versione è qui certamente modellata su Liv. 13, 7: cur veteranus dux, fortissimus bello, compressis, quod aiunt, manibus sedeas?

5In conclusione, oltre al merito di fornire la prima edizione critica di un’opera di uno dei principali umanisti francesi, l’ottimo lavoro di Martinelli Tempesta spicca per il rigore metodologico riposto in tutte le sezioni del volume, in particolare nella definizione dei rapporti tra i testimoni e nella costituzione del testo. La ricca introduzione sarà inoltre un utile strumento per tutti coloro che si occupano della ricezione dei Moralia nel primo Cinquecento francese.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Gianmario Cattaneo, «Plutarchi Chaeronensis, De tranquillitate et securitate animi Guillielmo Budaeo interprete»Studi Francesi, 192 (LXIV | III) | 2020, 651-652.

Notizia bibliografica digitale

Gianmario Cattaneo, «Plutarchi Chaeronensis, De tranquillitate et securitate animi Guillielmo Budaeo interprete»Studi Francesi [Online], 192 (LXIV | III) | 2020, online dal 01 mars 2021, consultato il 03 décembre 2021. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/42339; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.42339

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search