Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri192 (LXIV | III)Rassegna bibligraficaCinquecentoCéline Fournial, Imitation et ému...

Rassegna bibligrafica
Cinquecento

Céline Fournial, Imitation et émulation, ou comment Garnier «paye les espices»

Filippo Fassina
p. 654
Notizia bibliografica:

Céline Fournial, Imitation et émulation, ou comment Garnier «paye les espices», “Le verger”, bouquet XVII (décembre 2019), en ligne (http://cornucopia16.com/blog/2019/12/03/celine-fournial-imitation-ou-emulation-ou-comment-garnier-paye-les-espices/), 18 pp.

Testo integrale

1All’interno del fenomeno cinquecentesco che vede la riscoperta e la rilettura dei classici latini e greci, l’imitatio diventa l’elemento centrale sia della poetica sia della drammaturgia degli autori che si confrontano con le fonti antiche. L’originalità stessa di un’opera letteraria assume un significato particolare, profondamente legato al rapporto con il modello. Partendo da queste considerazioni generali, l’A. identifica due tipologie di imitazione: la riscrittura e l’adattamento, pratiche con caratteristiche ben distinte e peculiari. Robert Garnier sceglie per le sue pièces la pratica della riscrittura. A titolo esemplificativo, in questo lavoro vengono prese in considerazione le tragedie Hippolyte e La Troade: la prima ha come modello principale la Fedra di Seneca, alla quale aggiunge elementi ripresi dall’Ippolito incoronato di Euripide, mentre la seconda nasce dalla fusione delle Troiane e dell’Ecuba di Euripide con le Troiane di Seneca. Vengono dunque analizzate queste opere, per mettere in luce come Garnier riesca ad affermare la propria autonomia di autore, pur rispettando i modelli di riferimento. In primo luogo, egli opera una riorganizzazione della materia: sia nell’Hippolyte, sia nella Troade alcune scene vengono spostate o modificate rispetto al modello, al fine di ottenere effetti patetici oppure per garantire una maggior coerenza interna. Inoltre, sono frequenti le addizioni, dovute alla contaminazione tra fonti diverse: Garnier utilizza questo procedimento, mutuato dal genere comico e della commedia italiana, per creare un effetto di accumulazione di eventi tragici. Lo si nota, in particolare, all’interno delle parti corali dell’Hippolyte, in cui è evidente il debito nei confronti dell’Edipo re di Sofocle e della Medea di Seneca. In secondo luogo, Garnier fa ampio uso della figura retorica dell’amplificatio, tanto che il numero complessivo di versi delle tragedie francesi, comparato con quello dei modelli classici, è decisamente superiore. Per dare vita all’amplificazione, vengono impiegati procedimenti quali la metafora, l’iperbole e la ripetizione, di cui l’A. fornisce esempi dettagliati. Il giudizio dei contemporanei su Garnier risulta decisamente positivo, tanto che è possibile riconoscergli un ruolo di «imitateur modèle»: in questo lavoro vengono riportati i giudizi di Scévole de Sainte-Marthe, secondo il quale «Garnier a dépassé ses plus illustres prédécesseurs français», di Laudun d’Aigaliers, che parla del tragediografo in termini altrettanto entusiastici («si docte et excellent personnage, qui a excellé en ce genre de poëme comme chacun sçait») e di Ronsard, che arriva ad ammettere che Garnier ha addirittura superato gli Anciens. Il presente studio offre dunque una ricostruzione precisa dell’ars che Garnier dimostra di possedere nell’imitatio dei modelli, degli strumenti retorico-stilistici impiegati nella riscrittura delle tragedie classiche e del successo che la sua produzione ha ottenuto fin dagli anni immediatamente successivi alla pubblicazione delle sue pièces.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Filippo Fassina, «Céline Fournial, Imitation et émulation, ou comment Garnier «paye les espices»»Studi Francesi, 192 (LXIV | III) | 2020, 654.

Notizia bibliografica digitale

Filippo Fassina, «Céline Fournial, Imitation et émulation, ou comment Garnier «paye les espices»»Studi Francesi [Online], 192 (LXIV | III) | 2020, online dal 01 mars 2021, consultato il 30 juillet 2021. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/42374; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.42374

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search