Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri192 (LXIV | III)Rassegna bibligraficaCinquecentoMariangela Miotti, Passion et pol...

Rassegna bibligrafica
Cinquecento

Mariangela Miotti, Passion et politique dans les recits de séduction, de la Bible à la poésie d’André de Rivaudeau, au théâtre de Robert Garnier

Filippo Fassina
p. 655
Notizia bibliografica:

Mariangela Miotti, Passion et politique dans les recits de séduction, de la Bible à la poésie d’André de Rivaudeau, au théâtre de Robert Garnier, “Le verger”, bouquet XVII (décembre 2019), en ligne (http://cornucopia16.com/blog/2019/12/03/mariangela-miotti-passion-et-politique-dans-les-recits-de-seduction-de-la-bible-a-la-poesie-dandre-de-rivaudeau-au-theatre-de-robert-de-garnier/), 18 pp.

Testo integrale

1Il tema centrale dell’Hippolyte di Garnier è la passione colpevole di Fedra, che assume una portata tragica distruttiva e si consuma all’interno di un contesto privato e famigliare. Tuttavia il tragediografo tocca spesso anche tematiche relative al dominio della politica. L’A. per chiarire meglio questo aspetto ‘pubblico’ del dramma di Fedra, legge il mito tragico in parallelo con un’altra storia, presente nella Bibbia, quella di Giuseppe e della moglie di Potifar (Gen., 37-50). In entrambi i casi, si tratta di un rifiuto amoroso, che scatena l’ira di una donna. Inoltre, anche l’episodio biblico è stato oggetto di numerosi adattamenti tragici del xv e del xvi secolo, che hanno non pochi elementi in comune con il dramma passionale di Fedra e Ippolito. L’A. analizza il racconto presente nel libro della Genesi, mettendone in evidenza i temi centrali: la seduzione, i rapporti sociali che regolano il mondo egizio e le implicazioni politiche legate alla possibilità da parte di Giuseppe di riscattare la sua posizione subalterna per diventare un uomo libero. Per quanto concerne le rappresentazioni drammatiche di questa storia, viene riconosciuto ai Gesuiti un ruolo fondamentale: nel teatro pedagogico messo in atto dalla Compagnia di Gesù, il rapporto fra Giuseppe e la moglie di Potifar assume un ruolo centrale, soprattutto per quanto concerne la letteratura a difesa del matrimonio. A partire da questo modello, vengono citati numerosi testi che riscrivono e adattano il racconto, prima in latino e successivamente anche in francese. In particolare, l’A. si sofferma su una complainte pubblicata da André de Rivaudeau insieme alla sua tragedia Aman nel 1566. In questo componimento, viene descritto il dramma della moglie di Potifar, i suoi tentativi di resistere alla passione, i dubbi e la sofferenza, che culminano nella sconfitta finale della donna. Si tratta di un vero e proprio monologo che ripercorre le tappe della passione vissute dal punto di vista femminile. Rivaudeau fa ampio uso delle tecniche retoriche, generando un effetto patetico di grande efficacia. L’interesse che il Rinascimento manifesta per la storia di Giuseppe è dunque all’origine della tragedia di Garnier, che, fra le numerose fonti rielaborate per la mise en scène del suo Hippolyte, utilizza senza dubbio anche i testi teatrali e i componimenti che riscrivono la storia della moglie di Potifar. Il parallelismo fra le due storie di rifiuto amoroso è infatti particolarmente interessante se si considera il trattamento del personaggio femminile, vittima di una passione incontenibile, il cui punto di vista è analizzato in maniera approfondita e dettagliata e i cui risvolti esulano dall’ambito esclusivamente famigliare per assumere una connotazione più ampia, di natura politica.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Filippo Fassina, «Mariangela Miotti, Passion et politique dans les recits de séduction, de la Bible à la poésie d’André de Rivaudeau, au théâtre de Robert Garnier»Studi Francesi, 192 (LXIV | III) | 2020, 655.

Notizia bibliografica digitale

Filippo Fassina, «Mariangela Miotti, Passion et politique dans les recits de séduction, de la Bible à la poésie d’André de Rivaudeau, au théâtre de Robert Garnier»Studi Francesi [Online], 192 (LXIV | III) | 2020, online dal 01 mars 2021, consultato il 28 juillet 2021. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/42389; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.42389

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search