Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri192 (LXIV | III)Rassegna bibligraficaCinquecentoJean-Claude Ternaux, Le chœur dan...

Rassegna bibligrafica
Cinquecento

Jean-Claude Ternaux, Le chœur dans “La Troade” de Robert Garnier

Filippo Fassina
p. 655
Notizia bibliografica:

Jean-Claude Ternaux, Le chœur dans “La Troade” de Robert Garnier, “Le verger”, bouquet XVII (décembre 2019), en ligne (http://cornucopia16.com/blog/2019/12/03/jean-claude-ternaux-le-choeur-dans-la-troade-de-robert-garnier/), 13 pp.

Testo integrale

1Nell’analisi della tragedia La Troade di Garnier, l’A. si concentra in primo luogo sul titolo. La scelta fatta dal tragediografo, oltre a essere un omaggio a Ronsard, fa senza dubbio riferimento alla Galliade di Guy Le Fèvre de La Boderie e riprende il genere epico, richiamando, grazie al suffisso -ade, anche l’Iliade. Tuttavia, in Garnier non sono presenti intenti celebrativi di una nazione o di un popolo, come accadrà invece per La Franciade di Godard. Piuttosto, l’A. vede nella Troade una ripresa delle Pharsalia di Lucano, opera vista come «épopée de vaincus» che dipinge la distruzione, anziché celebrare la rinascita. Nella tragedia di Garnier il termine Troade indica piuttosto le schiave troiane, divenendo dunque sinonimo di Troyenne, forse in riferimento a Ecuba, il personaggio che rappresenta tutte le donne di Troia e garantisce l’unità e la coerenza dell’opera. Motore dell’azione tragica è infatti il dialogo di Ecuba con il coro, costituito da donne troiane: sono proprio queste Troades a essere le vere e proprie protagoniste della tragedia, mentre gli uomini sono un numero esiguo e sono relegati a un ruolo di secondo piano. L’A. si concentra dunque sul coro e sulla sua centralità nell’opera di Garnier, centralità mutuata direttamente dal coro classico. Vengono quindi elencate, grazie a numerosi esempi testuali, le varie funzioni che esso assume nella Troade. Uno dei ruoli principali affidati alle Troiane è quello di commentare la situazione presente del dramma, inserendo anche considerazioni di carattere politico, che spesso diventano una vera e propria satira del mondo di corte, dipinto come pervaso dall’incostanza e dall’arrivismo. Il coro inoltre è demandato a narrare l’antefatto, in modo che gli eventi rappresentati siano di più facile comprensione: in questo caso è evidente la ripresa del genere epico, in particolare dell’Eneide, nella sua celebrazione della virtù degli uomini del passato. Il coro può contenere anche commenti di ordine morale (in particolare sulla condizione umana e sull’infelicità), oppure religioso (sul destino dell’anima e sulla colpa), considerazioni che spesso si allontanano dal modello classico al quale Garnier fa riferimento. Dal punto di vista stilistico, l’A. sottolinea come il tragediografo faccia ampio uso del lirismo e del patetismo, soprattutto nei passi in cui si avvicina maggiormente al modello senechiano. In particolare, è nelle déplorations funèbres che Garnier ottiene gli effetti stilistici più interessanti, rielaborando anche modelli contemporanei sia tragici, sia poetici. Il coro dunque nella Troade di Garnier assume un ruolo di fondamentale importanza e ne riprende la funzione attiva che aveva nella tragedia classica, arricchendosi anche di elementi nuovi, mutuati da altri generi letterari cinquecenteschi, e di effetti retorici che ne accrescono gli elementi patetici e drammatici.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Filippo Fassina, «Jean-Claude Ternaux, Le chœur dans “La Troade” de Robert Garnier»Studi Francesi, 192 (LXIV | III) | 2020, 655.

Notizia bibliografica digitale

Filippo Fassina, «Jean-Claude Ternaux, Le chœur dans “La Troade” de Robert Garnier»Studi Francesi [Online], 192 (LXIV | III) | 2020, online dal 01 mars 2021, consultato il 23 septembre 2021. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/42394; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.42394

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search