Skip to navigation – Site map

HomeIssues192 (LXIV | III)Rassegna bibligraficaCinquecentoMarie Saint-Martin, «Qu’il nous t...

Rassegna bibligrafica
Cinquecento

Marie Saint-Martin, «Qu’il nous traine par terre, et face despiteux | de nos calamitez un spectacle honteux»: construction et mise en spectacle dans la “Troade” de Robert Garnier

Filippo Fassina
p. 656
Bibliographical reference

Marie Saint-Martin, «Qu’il nous traine par terre, et face despiteux | de nos calamitez un spectacle honteux»: construction et mise en spectacle dans la “Troade” de Robert Garnier, “Le verger”, bouquet XVII (décembre 2019), en ligne (http://cornucopia16.com/blog/2019/12/03/marie-saint-martin-construction-et-mise-en-spectacle-dans-la-troade-de-robert-garnier/), 22 pp.

Full text

1Garnier pubblica La Troade in un periodo in cui il modello dell’Ecuba è ampiamente diffuso in Francia: è infatti possibile contare una ventina di traduzioni/adattamenti, tanto che l’A. definisce questo testo una «tragédie type». Garnier riprende dunque senza dubbio il modello dell’Ecuba, fondendolo con le altre fonti classiche e dando così vita a un’opera del tutto originale. In particolare, viene evidenziato come di questa tragedia venga ripresa la struttura ‘a due climax’ e come l’elemento che garantisce l’unità e la coerenza interna alla pièce sia proprio la figura di Ecuba. L’A. ricostruisce dunque tutte le operazioni effettuate da Garnier per riunire le sue fonti e per ricondurle a un’estetica umanista. In primo luogo, vengono repertoriati numerosi passi che dimostrano come il tragediografo abbia riscritto i propri modelli per dar vita a una tragedia moderna, che ha come punto cardine non tanto la catastrofe in sé, quanto piuttosto «l’état de malheur prolongé indéfiniment». In secondo luogo, vengono analizzati gli interventi di Garnier finalizzati ad accentuare gli elementi spettacolari legati a un’estetica del patetico e dell’orrorifico. Il gusto senecano per la violenza assume in Garnier un tono ancora più spettacolare, soprattutto per quanto concerne la morte di Astianatte, che preannuncia già il gusto del teatro barocco. Un ulteriore elemento di innovazione introdotto nella Troade è l’immissione di una retorica dell’emozione, di stampo elegiaco, che trasforma la tragedia in un vero e proprio «chant de deuil». Infine, l’A. identifica una serie di trasformazioni macrotestuali operate sui modelli nel processo di «couture» dei testi: in particolare vengono presi in esame i punti di contatto fra la figura di Pirro e quella di Ulisse, così considerevoli che l’A. parla di «confusion». La mescolanza delle fonti e gli interventi originali di Garnier permettono dunque di mettere in scena una tragedia di stampo classico, ma anche profondamente moderna, soprattutto nella resa del dolore e delle passioni, che contribuiscono a trasformare la scena teatrale nello specchio del mondo contemporaneo, segnato dall’ossessione per il sangue e dall’orrore della guerra.

Top of page

References

Bibliographical reference

Filippo Fassina, Marie Saint-Martin, «Qu’il nous traine par terre, et face despiteux | de nos calamitez un spectacle honteux»: construction et mise en spectacle dans la “Troade” de Robert GarnierStudi Francesi, 192 (LXIV | III) | 2020, 656.

Electronic reference

Filippo Fassina, Marie Saint-Martin, «Qu’il nous traine par terre, et face despiteux | de nos calamitez un spectacle honteux»: construction et mise en spectacle dans la “Troade” de Robert GarnierStudi Francesi [Online], 192 (LXIV | III) | 2020, Online since 01 March 2021, connection on 17 September 2021. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/42399; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.42399

Top of page
Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search