Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri192 (LXIV | III)Rassegna bibligraficaSeicentoFrançoise Graziani, Variété du co...

Rassegna bibligrafica
Seicento

Françoise Graziani, Variété du conceptisme

Laura Rescia
p. 657
Notizia bibliografica:

Françoise Graziani, Variété du conceptisme, Paris, Classiques Garnier, 2019, «Lire le xviie siècle» 54, 586 pp.

Testo integrale

1Grande seicentista, i cui studi sono stati indirizzati verso le poetiche, le influenze tra le arti, la storia delle idee e la poesia italo-francese nel periodo barocco, Graziani presenta con questo volume una raccolta dei saggi pubblicati nel periodo compreso tra il 1986 e il 2016: un lungo e raffinato percorso ermeneutico, che le ha consentito di osservare volti divergenti e talvolta antitetici dell’“esprit baroque”.

2Tratto unificante, il lemma italiano concetto, per il quale gli spagnoli adottano un traducente omofono, ma che la lingua francese non assimila invece al significante concept. L’armoniosa dissonanza del concetto, come sottolinea l’A. nell’introduzione, si ottiene individuando, con un atto che proviene dall’intelletto ma altresì dal genio, delle corrispondenze tra elementi molto diversi: la visione di Graciàn e di Vico sono consonanti in tal senso. Graziani fa tuttavia rilevare che se molti hanno inteso il barocco come precipuo della Spagna e dell’Italia e opposto al genio francese, non si è tenuto conto che intorno al 1935, quando Eugenio d’Ors discuteva tale categoria, Valéry e Focillon sottolineavano la presenza, nello spirito vitale, di un principio di varietà, universale e dinamico, che è alla base della capacità di concepire delle “corrélations harmoniques”. La concordia discors non era dunque assente dalla riflessione estetica di tradizione francese (benchè ex-post rispetto all’emergere del fenomeno). Ripercorrendo le idee crociane, le riflessioni di Mario Praz sull’importanza degli emblemi, attraversando le sfumature semantiche tra acutezza e argutezza, l’A. giunge a connettere l’eredità aristotelica allo spirito barocco, che considera immaginazione e memoria imprescindibili per la conoscenza. Intelligere significa cogliere l’insieme di una cosa attraverso tutti i rapporti che questa ha con le altre cose dell’universo, per quanto differenti e lontane: così Vico classifica l’ingegno e fa della varietà l’ineludibile tappa di un percorso verso la conoscenza. Ben oltre il semplice problema estetico, dunque, la capacità del concettismo di praticare una varietas a valenza euristica era già chiara in età barocca, e malgrado le opposizioni del pensiero classicista più intransigente, anticipando a nostro avviso alcuni aspetti del pensiero filosofico moderno – pensiamo in particolare alla metaforologia di Hans Blumenberg.

3Gli articoli raccolti in questo volume vengono raggruppati in quatto diverse parti, dedicate rispettivamente ad Aristotele e al concettismo, al Marino, alla fortuna del Tasso, alle poetiche di Ovidio, Petrarca, Tristan l’Hermite e Cervantes. Si chiude con due appendici e numerosi indici, che rendono agevole la consultazione di un testo ad alta densità semantica. La vocazione comparatista degli studi dell’A., unita a una precisa e solida conoscenza delle culture classiche e dell’Umanesimo, conferisce ai suoi lavori un respiro e una profondità che ne confermano la sicura permanenza nel tempo come punto di riferimento per i futuri seicentisti.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Laura Rescia, «Françoise Graziani, Variété du conceptisme»Studi Francesi, 192 (LXIV | III) | 2020, 657.

Notizia bibliografica digitale

Laura Rescia, «Françoise Graziani, Variété du conceptisme»Studi Francesi [Online], 192 (LXIV | III) | 2020, online dal 01 mars 2021, consultato il 15 avril 2021. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/42429; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.42429

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search