Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Opere generali e comparatistica

Je & Moi, sous la direction de Philippe Forest

Orlando Bonserio
p. 382-383
Notizia bibliografica:

Aa. Vv., Je & Moi, sous la direction de Philippe Forest, «La Nouvelle Revue Française» 598 – octobre 2011, Paris, Gallimard, 2011, pp. 208.

Testo integrale

1Sono passati ormai trentacinque anni da quando Serge Doubrovsky, nella quarta di copertina del suo romanzo Fils, ha utilizzato per la prima volta il termine autofiction: «fiction, d’événements et de faits strictement réels; si l’on veut, autofiction, d’avoir confié le langage d’une aventure à l’aventure du langage, hors sagesse et hors syntaxe du roman, traditionnel ou nouveau». Da allora, il termine ha incontrato un successo – soprattutto mediatico ed accademico – straordinario, a cui però corrisponde un altrettanto straordinario disaccordo su cosa sia, in effetti, l’autofiction. Neanche il colloquio del 2008 a Cerisy-La-Salle è riuscito a dissipare questa confusione, anzi:«[il] a ruiné tout espoir de consensus», scrive Jean-Louis Jeannelle nella sua panoramica sull’autofiction (D’une gêne persistante à l’égard de l’autofiction, pp. 53-67; anche Claude Burgelin ci presenta la sua panoramica in Architectures du singulier, pp. 41-52).

2Nonostante tutto, è proprio all’autofiction (e, di conseguenza, alle sue componenti principali, ossia alla questione dell’identità ed al rapporto tra verità e fiction) che è sostanzialmente dedicato questo numero della «Nouvelle Revue Française» diretto da Philippe Forest (il quale contribuisce con l’introduzione Je & Moi: avant-propos, pp. 7-20, e con Vrai témoin de la vérité, pp. 80-98). Il tentativo è, in questa raccolta di saggi, di riflettere non su quell’autofiction che è ormai diventata una moda dilagante in Francia (e che per Forest è una sorta di neo-naturalismo), ma su una scrittura di sé sempre più problematica, perché problematico è il rapporto tra Je e Moi. La sfida è, come Forest spiega nell’introduzione, «de reprendre aujourd’hui la question en ne se limitant pas aux œuvres les plus souvent citées et en l’approchant de manières plus diverses, plus larges, plus ouvertes» (p. 11).

3La verità necessita della prima persona per essere detta; ma in cosa consiste la verità? E la prima persona? La messa in discussione del soggetto, alla quale hanno contribuito buona parte della filosofia, della psicologia/psicanalisi e della letteratura del Novecento, richiede che Je e Moi non vengano confusi, ma ne venga preservato lo spazio che permette loro di comunicare: come spiega lo psicanalista Jean-Bertrand Pontalis (L’autographe, pp. 178-187), la & tra Je e Moi presente nel titolo di questo numero della «Nouvelle Revue Française» ne indica la distinzione ma anche la complicità – che l’opera letteraria riflette.

4Ad aprire e chiudere il volume sono posti – in risalto – due entretiens con i due più innovativi autori di letteratura in prima persona. Intervistato da Isabelle Grell in C’est fini (pp. 21-30), Serge Doubrovsky propone una nuova definizione di autofiction, ossia un «récit dont la matière est entièrement autobiographique, la manière entièrement fictionnelle» (p. 24). Philippe Sollers, invece, a colloquio con Forest (La mutation du Sujet, pp. 188-201), riflette sulla propria opera che, lungi dall’espellere l’io come si è sempre pensato, non ha fatto altro che ripensarlo, ri-situarlo in quelle che egli chiama «Identités Rapprochées Multiples»: non a caso, ritiene che «tous [ses] romans devraient s’appeler: Le Sujet» (p. 189).

5Numerosi sono gli scrittori che partecipano a questo volume, chi in veste di critici (spesso anche di se stessi), chi in veste di “creativi”. Tra i primi possiamo annoverare, ad esempio, Christine Angot (Acte biographique, pp. 31-40), Stéphane Audeguy (La bouteille à l’encre, pp. 68-79), René de Ceccatty (La scène, la vibration, la peur, pp. 146-158), Jacques Henric (Celle qui nous a vus venir, pp. 159-166) e Catherine Millet (What do you represent?, pp. 173-177). A riflettere sull’autofiction in maniera – se vogliamo – autofictionnelle sono invece Jean Rouaud con Jean selon moi (pp. 99-106), Patrick Autréaux con Se survivre (pp. 107-115), Brigitte Giraud con Et si tu m’oublies? (116-126), Fabrice Gabriel in Moi, Jean (pp. 127-133), Camille Laurens (il cui Dialogue entre nous – pp. 134-142 – ricorda molto il dialogo tra Nathalie Sarraute e la propria coscienza in Enfance), e Alain Jouffroy con il suo breve Allegro molto (pp. 143-145).

6Per finire, oltre al già citato Pontalis, anche Catherine Millot (Poubellication, pp. 167-172) offre un punto di vista psicanalitico sulla questione del soggetto.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Orlando Bonserio, « Je & Moi, sous la direction de Philippe Forest »Studi Francesi, 167 (LVI | II) | 2012,  382-383.

Notizia bibliografica digitale

Orlando Bonserio, « Je & Moi, sous la direction de Philippe Forest »Studi Francesi [Online], 167 (LVI | II) | 2012, online dal 30 novembre 2015, consultato il 28 février 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/4245

Torna su
  • OpenEdition Journals