Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Opere generali e comparatistica

Nom propre et écritures de soi, sous la direction de Yves Baudelle e Élisabeth Nardout-Lafarge

Francesca Forcolin
p. 383
Notizia bibliografica:

Aa. Vv., Nom propre et écritures de soi, sous la direction de Yves Baudelle e Élisabeth Nardout-Lafarge, Les Presses de l’Université de Montréal, Montréal 2011, pp. 304.

Testo integrale

1Dinanzi alla scrittura dell’io e alle diverse forme che questa può assumere – principalmente l’autobiografia e la sua espressione postmoderna, l’autofiction, generi su cui si è discusso tanto, fin troppo negli ultimi anni –, i dodici contributi raccolti in questo volume s’interrogano intorno alla questione del nome. Il punto di partenza sono le considerazioni di Philippe Lejeune ne Il Patto autobiografico, in cui egli considera l’omonimia della triade identitaria – autore, narratore e personaggio – come il criterio decisivo affinché un’autobiografia possa essere considerata tale: lo stesso vale, ci dice Serge Doubrovsky, per l’autofiction, di cui è il padre fondatore. Ma il nome, come il soggetto, è lontano dall’essere una categoria stabile, perché incline al dubbio e alle manipolazioni. È così che, spesso, l’autore, parlando in prima persona, delega nello spazio fittizio del testo un personaggio il cui nome, invece di coincidere con quello riportato sulla copertina del libro, rinvia a pseudonimi dell’autore, iniziali, o è addirittura anonimo, rendendo in tal modo esplicito il paradosso di un discorso autodiegetico in cui il nome proprio è, di fatto, assente. Se il nome era la garanzia di un discorso autenticamente autobiografico, ora viene dimostrata la fragilità di una poetica contrattuale che pretenderebbe reggersi su criteri onomastici.

2Se il sintagma nominale ci identifica inequivocabilmente, al punto da essere, ci dice Jacques Lecarme, la più forte «contrainte sociale», implicarlo nel testo significa suggerire una scrittura della responsabilità e dell’impegno, ma anche un modo per l’autore di esporsi alle accuse più ingiuriose: è una trasgressione, una rivelazione intima che spesso si traduce in narcisismo e mancanza di pudore. Ma soprattutto quando il nome è quello degli altri, quello di persone realmente esistenti, viene aperta la strada a questioni giuridiche ed etiche: che diritto ha il testo letterario di esporre irrimediabilmente persone coinvolte a loro insaputa?

3La prima parte del volume, preceduta dall’«Avant-propos» (pp.7-15), con il titolo di «Poétiques du nom propre», è strettamente teorica. Si compone di quattro contributi: Le texte onomaturge di Eugène Nicole (pp. 19-30); Hétéronymat, homonymat, anonymat di Jacques Lecarme (pp. 31-42); Du critère onomastique dans la taxinomie des genres di Yves Baudelle (pp. 43-68); e Périphéries du nom. De l’anonymat dans la biographie (Mertens, Macé, Louis-Combet) di Robert Dion e Frances Fortier (pp. 69-84).

4La seconda parte, invece, fa dialogare delle «Pratiques contemporaines» del nome proprio illustrando le questioni teoriche finora sollevate. Il primo contributo è di Florence de Chalogne, dal titolo Marguerite Duras: les noms de Yann, (pp. 87-102), ed è lo studio delle diverse modalità attraverso le quali Duras integra e trasforma nei suoi testi il nome del compagno Yann Andréa; seguono Tout, ‘sauf le nom’. Poétique et plastique des noms propres: Claude Simon et Christian Boltanski, di Dominique Viart (pp. 103-120); Procédés toponymiques chez Michon, Millet et Bergounioux di Elisabeth Nardout-Lafarge (pp. 121-134); e Autofiction: en mon nom propre di Serge Doubrovsky (pp. 135-144).

5La terza sezione, intitolata «Autobiographies», comprende quattro interventi: in Nom propre et écriture autobiographique chez Raymond Queneau (pp. 145-158), Alessandra Ferraro analizza il ruolo che gioca il nome nell’“autobiografia impossibile” di Queneau: una tensione continua tra il desiderio di raccontarsi e la convinzione che solo un discorso oggettivo ha reale valore. Seguono Nathalie Sarraute et le retour du nom propre dans “Enfance” di Monique Gosselin-Noat (pp. 159-180); Des clés pour pénétrer dans le Milieu. “Pauvre de Gaulle!” de Stéphane Zagdanski di Paul Renard (pp.181-190); J.D., en toutes lettres. Hétéronimie et ‘autobiographie’ selon Jacques Derrida di Ginette Michaud (pp. 191-232).

6Conclude la sezione «Identités», che riprende i rapporti che si instaurano tra nome e identità. Per un’analisi linguistica, troviamo Le nom propre comme ‘nom du discours’ di Marie-Noëlle Gary-Prieur (pp. 233-248); e Entre identités et identification. Comment avoir un nom qui soit ‘assez sien’? di Gisèle Mathieu-Castellani (pp. 249-268), la quale illustra, in diverse epoche, le modalità di costruzione del sé in scritti autobiografici cui fanno seguito Se faire un nom. Le cas de Georges Perros di Isabelle Décarie (pp. 269-282); e Nom propre, corps maigre ou les configurations du sujet anorexique dans “Petite” de Geneviève Brisac di Barbara Havercroft (pp. 283-298). Chiudono il volume le «Notices bibliographiques».

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Francesca Forcolin, « Nom propre et écritures de soi, sous la direction de Yves Baudelle e Élisabeth Nardout-Lafarge »Studi Francesi, 167 (LVI | II) | 2012,  383.

Notizia bibliografica digitale

Francesca Forcolin, « Nom propre et écritures de soi, sous la direction de Yves Baudelle e Élisabeth Nardout-Lafarge »Studi Francesi [Online], 167 (LVI | II) | 2012, online dal 30 novembre 2015, consultato il 27 février 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/4247

Torna su
  • OpenEdition Journals