Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Opere generali e comparatistica

Annie Ernaux, Écrire la vie

Francesca Forcolin
p. 383-384
Notizia bibliografica:

Annie Ernaux, Écrire la vie, Quarto Gallimard, Paris, 2011, pp. 1084.

Testo integrale

1È interessante questa raccolta di opere di Annie Ernaux, edita da «Quarto» e curata da Françoise Cibiel. Interessante fin dal titolo: “écrire la vie”, e non “une vie”, “ma vie” (quella dell’autore), o “sa vie”. Ma la vita, quella collettiva, universale – vi partecipa il corpo, l’educazione, l’appartenenza sociale, la malattia, la morte –, diretta da un “io” che è volta a volta dentro e fuori se stesso. Come se il je autobiografico (o meglio, «autosociobiografico» come Ernaux stessa definisce il suo progetto) che circola nei romanzi, diari, racconti, non fosse assegnabile a un’entità fissa, individuale, bensì maschile e femminile al contempo, attraversata da una molteplicità di voci: le voci degli altri, parenti o sconosciuti, le voci della società. Ernaux non cerca dunque di descriversi, di fare della propria vita un’opera, bensì di servirsi della vita stessa, degli avvenimenti – ordinari – che la attraversano, situazioni e sentimenti vissuti, come di una materia viva da esplorare per coglierne una verità.

2È interessante questo volume di più di mille pagine, interamente gestito e orchestrato dall’autrice, in cui le opere pubblicate non seguono un ordine cronologico, bensì quello “della vita”. È così che a Les Armoires vides (pp. 103-210) – primo testo della raccolta nonché primo per pubblicazione (1974) – segue La Honte (pp. 211-268) del 1996, poiché il periodo trattato è lo stesso, i dodici anni dell’A. La lettura prosegue, e troviamo L’Événement (pp. 269-322) del 2000, sull’esperienza dell’aborto; La Femme gelée (pp. 323-434) del 1981; La Place (pp. 435-480) del 1983 cui seguono quattro articoli: Hotel Casanova (pp. 481-484), Histoires (pp. 485-489), Retours (pp. 490-493) e Visite (pp. 494-496). Troviamo poi Journal du dehors del 1993, o la vita quotidiana a Parigi (pp. 497-548, e l’articolo del 1989 Littérature et politique, pp. 549-552). Une Femme del 1987 (pp. 553-597) – seguito dai due articoli Cesare Pavese (pp. 598-599) e Images, questions d’URSS (pp. 600-604) – è il ritratto della madre dell’A., malata di Alzeheimer, i cui ultimi anni di vita, dal 1983 all’aprile del 1986, sono descritti nel diario «Je ne suis pas sortie de ma nuit» del 1997 (pp. 605-656), ovvero «le résidu d’une douleur». Uno stesso rapporto di scrittura – un racconto seguito dal diario che ha la funzione di esprimere una “verità altra” – è instaurato tra i due testi successivi: Passion Simple del 1991 (pp. 657-688, seguito dai brevi articoli Leipzig, passage, pp. 689-692, e De l’autre côté du siècle, pp. 693-696) è la descrizione di una passione amorosa, estrema, disperata, totale, vissuta nei primi anni Ottanta, colta nell’urgenza del momento nel diario Se Perdre (pp. 697-876) pubblicato soltanto nel 2001. Abbiamo poi L’Occupation (pp. 877-911) cui seguono gli articoli Le chagrin (pp. 912-914), L’homme de la poste, à C. (pp. 915-918) e La fête (pp. 919-924). Chiude il volume Les Années del 2008 (pp. 925-1085).

3Una totalità, una summa, delle œuvres complètes? Più che altro, ci dice l’A., «des objets tombés, égrenés au long des années», una scelta di testi tra cui manca quello che Ernaux considera il suo unico romanzo, Ce qu’ils disent ou rien; manca La Vie extérieure, sèguito del Journal du dehors; e le due opere scritte a quattro mani – la prima, riflessione teorica con Frédéric-Yvec Jeannet, L’Écriture comme un couteau, e la seconda, L’Usage de la photo, con Marc Marie.

4Interessante è, ancora, l’introduzione scelta per queste dodici opere: un Photojournal (pp. 7-102), in cui vengono messe in relazione fotografie dell’album di famiglia dell’A., disposte in ordine cronologico dal 1913 a oggi, e frammenti del suo “Journal secret”. Un montaggio dunque, un dialogo, tra due diversi tipi di documenti personali, un modo per aprire uno spazio autobiografico nuovo, associando la realtà materiale delle fotografie – la cui successione, ci dice Ernaux nelle tre pagine di apertura al volume (pp. 7-9), “fa storia”, disegnando una traiettoria sociale – con la realtà soggettiva del diario, da cui trapelano sogni, ossessioni. Le frasi scelte e associate alle immagini, non hanno una funzione didascalica: rivelano piuttosto il movimento della memoria nel corso del tempo, gettando una luce nuova su spazi e attimi. Le fotografie privilegiate sono quelle dell’infanzia e dell’adolescenza dell’A., scorci di strade, abitazioni del paese di nascita, rendendo così visibile il milieu sociale e familiare in cui si è radicato il suo progetto di scrittura. E quasi come un moderno Prospero che abbandona la scena, Ernaux guarda alla fotografia della copertina che la ritrae a 22 anni con un sentimento di distanza e irrealtà, nel tentativo di «sauver quelque chose du temps où l’on ne sera plus jamais», come chiude Les Années e l’intero volume, a chiarificazione delle ragioni dell’intero percorso scritturale.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Francesca Forcolin, « Annie Ernaux, Écrire la vie », Studi Francesi, 167 (LVI | II) | 2012, 383-384.

Notizia bibliografica digitale

Francesca Forcolin, « Annie Ernaux, Écrire la vie », Studi Francesi [Online], 167 (LVI | II) | 2012, online dal 30 novembre 2015, consultato il 14 décembre 2018. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/4250

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals