Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri192 (LXIV | III)Rassegna bibligraficaOttocento b) dal 1850 al 1900Alessandra Marangoni, Le trésor e...

Rassegna bibligrafica
Ottocento b) dal 1850 al 1900

Alessandra Marangoni, Le trésor enfoui. Thomas Gray, Baudelaire, Mallarmé

Maria Emanuela Raffi
p. 686
Notizia bibliografica:

Alessandra Marangoni, Le trésor enfoui. Thomas Gray, Baudelaire, Mallarmé, in Un trésor de textes. Images, présences et métaphores du trésor dans la langue et la littérature françaises, Firenze, Olschki, 2020, pp. 14-28.

Testo integrale

1«Le joyau enseveli» di «Le Guignon» è il punto di partenza anche nella riflessione di Alessandra Marangoni, ma in questo caso la prospettiva critica è allargata e approfondita dalla ricchezza trasversale e specifica dell’immagine, che, come scrive l’A., lavora «en surface et en profondeur» nella produzione dei tre poeti considerati: Thomas Gray, Baudelaire e Mallarmé. Dopo aver chiarito le modalità e il percorso attraverso cui i versi della quattordicesima quartina di Elegy written in a Country Churchyard di Gray risuonano nelle terzine del sonetto baudelairiano incrociandosi con una quartina di Longfellow, l’A. mostra come Baudelaire sposti nettamente l’immagine in ambito artistico, cosa d’altra parte suggerita dal precedente titolo di «Le Guignon»: «L’Artiste inconnu». Per Mallarmé, terzo elemento dello studio, «la métaphore du trésor enfoui peut se lire dans la partie traditionnellement appelée le monologue ou soliloque d’Hérodiade», testo attraversato per intero «de l’isotopie minérale et de l’isotopie floréale», elementi fondamentali della poesia di Gray e di quella di Baudelaire. Con Mallarmé si completa dunque l’immagine di una bellezza autosufficiente e autoreferenziale, quella di Hérodiade, ma certamente anche quella della poesia.

2In questo percorso da Gray, che mostra un tesoro nascosto come frutto dell’incomprensione e dell’oblio, a Mallarmé, per il quale l’essere nascosto e non comprensibile a molti è la condizione stessa della preziosità e della poesia, Alessandra Marangoni indica l’importate funzione del sonetto baudelairiano nella sua strutturale ambiguità. Non solo «Le Guignon» introduce fortemente l’elemento artistico, sospendendo però il senso fra la persona dell’artista e l’opera d’arte – «le joyau et la fleur peuvent désigner, chez lui, soit des artistes soit des œuvres [...], voire des artistes et des œuvres à la fois» –, ma la forma stessa del testo subisce una mutazione, offrendo il primo sonetto baudelairiano in octosyllabes, verso usato dalla canzone popolare ma anche dalla raccolta Émaux et Camées, quintessenza dell’art pour l’art.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Maria Emanuela Raffi, «Alessandra Marangoni, Le trésor enfoui. Thomas Gray, Baudelaire, Mallarmé»Studi Francesi, 192 (LXIV | III) | 2020, 686.

Notizia bibliografica digitale

Maria Emanuela Raffi, «Alessandra Marangoni, Le trésor enfoui. Thomas Gray, Baudelaire, Mallarmé»Studi Francesi [Online], 192 (LXIV | III) | 2020, online dal 01 mars 2021, consultato il 28 novembre 2021. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/42774; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.42774

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search