Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri192 (LXIV | III)Rassegna bibligraficaNovecento e XXI secoloJohan Faerber, Proust à la plage....

Rassegna bibligrafica
Novecento e XXI secolo

Johan Faerber, Proust à la plage. La “Recherche du temps perdu” dans un transat

Francesca Forcolin
p. 690
Notizia bibliografica:

Johan Faerber, Proust à la plage. La “Recherche du temps perdu” dans un transat, Malakoff, Dunod, 2018, 224 pp.

Testo integrale

1La collana “À la plage” della casa editrice Dunod, conta ad oggi quattordici biografie di «grands esprits et grandes idées» nel campo della letteratura, della politica e della filosofia. Un’espressione deviante, quella di “lettura da spiaggia”, che in questo caso non è sinonimo di superficialità ma di piacevole diletto e di riscoperta di vite talvolta talmente note da perderne di vista i dettagli. Nel giugno 2020 la collana si è arricchita di sei titoli, tra cui De Gaulle, Churchill e Turing. Tra le biografie letterarie due sono di nostro interesse, Proust, «le grand asthmatique», creatore di quella cattedrale della memoria che è la Recherche, e Colette, una «femme libre» a lungo sottostimata, per la quale si rimanda alla relativa scheda. Entrambi i volumi invitano il lettore a sedersi comodamente «dans un transat»: lo scopo è infatti quello di riscoprire i classici in modo fresco grazie a una lettura agile adatta ai débutants come agli specialisti.

2Il Proust à la plage di J. Faerber, docente di Lettere, è dedicato a coloro che hanno interesse a «savourer comme une madeleine» un “romanzo critico”, come indicato nell’«Introduction». Il volumetto non ha alcuna pretesa di esaustività, pur scandagliando con dovizia di particolari la vita di Proust, di cui si celebrerà, nel 2022, il centenario della morte. Faerber attraversa gli episodi chiave di un’esistenza divenuta leggendaria, dalla malattia alla reclusione in boulevard Haussmann 102, dove si è operata quella rivoluzione interiore che ha condotto un uomo mondano, habitué di ristoranti di lusso, a vivere in una torre d’avorio imbottita di sughero per edificare pazientemente il suo capolavoro, trasmutando la propria esistenza in un romanzo capace di mostrare come la scrittura sappia ricreare in ogni istante la vera vita. I nove capitoli che compongono il volume (Ch. 1, «Illiers-Combray: une enfance sous le signe de la mère». Ch. 2, «Notre éternel jeune homme: Proust mondain». Ch. 3: «De Jean Santeuil au Contre Sainte-Beuve: une vie sans œuvre». Ch. 4: «1908 ou la vraie vie: la littérature». Ch. 5: «À la Recherche du temps perdu ou un roman de la mémoire». Ch. 6: «De Gilberte à Albertine ou les intermittences du cœur». Ch. 7: «Un roman cathédrale. Les anneaux nécessaires d’un beau style: la phrase de Proust». Ch. 8: «Les paperolles de l’homme du 102, boulevard Haussmann». Ch. 9: «Les grandes frivolités d’un mourant») intendono rendere giustizia alla vita di un uomo nella cui esistenza, come diceva Benjamin, nulla è perfetto, ma tutto è esemplare.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Francesca Forcolin, «Johan Faerber, Proust à la plage. La “Recherche du temps perdu” dans un transat»Studi Francesi, 192 (LXIV | III) | 2020, 690.

Notizia bibliografica digitale

Francesca Forcolin, «Johan Faerber, Proust à la plage. La “Recherche du temps perdu” dans un transat»Studi Francesi [Online], 192 (LXIV | III) | 2020, online dal 01 mars 2021, consultato il 15 avril 2021. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/42839; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.42839

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search