Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri192 (LXIV | III)Rassegna bibligraficaOpere generali e comparatisticaInterartes. Diegesi migranti, a c...

Rassegna bibligrafica
Opere generali e comparatistica

Interartes. Diegesi migranti, a cura di L. Brignoli

Luana Doni
p. 712-714
Notizia bibliografica:

Interartes. Diegesi migranti, a cura di L. Brignoli, Milano, Mimesis, 2019, 409 pp.

Testo integrale

1Attraverso l’eterogeneità dei contributi raccolti, il volume a cura di Laura Brignoli mette in luce tutti i numerosi fenomeni ascrivibili ai processi di riscrittura, continuazione, plagio e intertestualità.

2Il primo studio, proposto da Donata Meneghelli (Ancora! La continuazione: una pratica onnipresente e inafferrabile, pp. 45-58) in apertura della prima sezione, «Riscritture letterarie», riflette sul concetto di continuazione: riscritture, adattamenti, remake, spin-off sono diventati una pratica abituale della letteratura contemporanea e dei nuovi media. L’autrice entra nello specifico del fenomeno attraverso l’illustrazione delle forme della continuazione: quella prolettica o sequel, orientata verso il proseguimento della storia a partire dalla fine; quella definita analettica o prequel, ossia la narrazione di quanto accaduto prima dell’inizio della storia; infine, la continuazione parallela divisa a sua volta in ellettica, quella volta a colmare le lacune di un’ellissi centrale alla storia, e paralettica, continuazione volta ad eliminare eventuali ellissi laterali.

3Un processo simile a quello espresso nel significato di continuazione parallela è quello utilizzato da Christianne Baroche nel romanzo L’hiver de beauté (Marisa Ferrarini, De la Marquise de Merteuil à Isabelle Cappel, pp. 59-69). Il testo del 1987 ripercorre le vicende della celebre protagonista delle Liaisons dangereuses di Laclos, a partire dalla fuga in Olanda. La volontà di Baroche era quella di far luce sul rapporto tra la donna e la bellezza, nel caso specifico, tra la Marquise de Merteuil e il suo volto sfigurato dal vaiolo. Nota di rilievo, la storia viene narrata attraverso la lettura di una seconda protagonista, Queria, discendente di Merteuil.

4La riflessione di Victoria Nguyen (Histoire d’Eurydice pendant la remontée de Michèle Sarde: plasticité de la réécriture mythologique, pp. 71-80) si concentra sul romanzo di Michèle Sarde Histoire d’Eurydice pendant la remontée che, basandosi sul tragico epilogo del mito greco, narra la storia di Sophie e Éric. L’appropriazione del mito è sviluppata dall’autrice secondo tre momenti: la demoltiplicazione, la disseminazione e lo spostamento.

5L’Eurydice di Sarde rimane al centro del contributo di Rémy Poignault (Histoire d’Eurydice pendant la remontée de Michèle Sarde: une alchimie yourcenarienne?, pp. 81-95) che riflette sulle possibili interferenze tra il testo e La nouvelle Eurydice di Marguerite Yourcenar.

6Il Meursault, contre-enquête di Kamel Daoud non è soltanto la riscrittura del celebre romanzo di Albert Camus, ma un crocevia di scambi testuali che, nell’indagine di Maria Chiara Gnocchi (Daoud entre Camus et Rushdie: intentions et implications de Meursault, contre-enquête, pp. 97-116), arrivano fino alla contaminazione intertestuale di Haroun and the sea of stories di Salman Rushdie.

7Il contributo di Alessandro Fambrini (Stelle marine e conformazioni radiali. La ‘saiens-ficscion’ di Franz Fühmann come modello di transtestualità, pp. 117-129) si concentra sulla saiens-ficscion di Franz Fühman, raccolta narrativa di intento parodico che prende le mosse dal famoso genere del quale viene storpiato il nome. I racconti di Fühman adattano i canoni della fantascienza anglosassone al contesto socioculturale del loro tempo, al fine di metterne in luce le contraddizioni.

8È grazie allo scrittore argentino Jorge Luis Borges che si è venuti a conoscenza degli studi di Gershom Scholem sul Golem, la creatura artificiale. Ada Neiger (Il ritorno del Golem, pp. 131-141) affronta l’indagine sulla misteriosa creatura e il suo significato attraverso Il Golem di Gustav Meyrink e quelli che risultano essere i suoi ipertesti: Il Golem di Isaac Bashevis Singer e Il Golem di Elie Wiesel.

9Elisa Martínez Garrido (La reescritura del “Re Lear”: de la tragedia de William Shakespeare al cuento de Melania Mazzucco, pp. 143-152) riflette sulla riscrittura della tragedia shakespeariana Re Lear nel racconto La storia del Re Lear di Melania G. Mazzucco. L’autrice ha il merito di aver saputo convertire la celebre tragedia in un racconto per l’infanzia attraverso un’importante rielaborazione linguistica. Lo scopo di Mazzucco è quello di semplificare e disambiguare il testo di partenza, dando maggiore peso a tutto ciò che concerne l’immaginario favoloso.

10Un altro Re, un altro grande classico del mito e della letteratura, è presente nell’analisi di Maddalena Mazzocut-Mis dal titolo “Giocasta”: genesi di una riscrittura (pp. 153-165). Il mito di Edipo è riproposto attraverso il punto di vista della madre/moglie Giocasta nella tragedia lirica omonima di Azio Corghi. Mazzocut-Mis ne traccia la traiettoria genetica.

11Il racconto di Reinaldo Arenas, El cometa Halley, è il prolungamento del dramma di Federico García Lorca La casa de Bernarda Alba. Nicolas Balutet (“El cometa de Halley” de Reinaldo Arenas: ¿Transficcionalidad o hipertextualidad?, pp. 167-177) riflette sulle modalità con le quali i due testi entrano in un rapporto di parentela, mettendo in luce gli effetti della trasformazione apportata al testo di partenza.

12Dal mondo del teatro a quello della musica: l’articolo di Stefano Lombardi Villari (La cover della canzone come riscrittura della persona, pp. 179-192) affronta il discorso sulla cover musicale attraverso l’estetica, la teoria della letteratura, la musicologia, la psicologia della musica, l’ontologia filosofica e la narratologia. Il discorso di Lombardi Villari si concentra sul rifacimento digitale della canzone popolare.

13La seconda sezione della raccolta, «Trasposizioni intersemiotiche», è inaugurata dall’articolo di Matteo Bittanti Riscritture intermediali: dal cinema (“Koyaanisquatsi”) al machinima (“Koyaanisgtav”) (pp. 195-215). L’autore affronta la riflessione sul passaggio dal lungometraggio di Godfrey Reggio, Koyaanisqatsi, al machinima di Alam Butler, Koyaanisgtav, approfondendo lo studio del caso attraverso il confronto tra i due testi.

14Anche l’indagine di Laurence Riu-Comut (Du western au roman: transfictionnalité et variations intersémiotiques dans “Pas le bon pas le truand” de Patrick Chatelier, pp. 217-227) si muove intorno alla relazione tra letteratura e cinema, in particolare al legame che unisce Pas le bon pas le truand di Patrick Chatelier et Il buono, il brutto e il cattivo di Sergio Leone.

15Il cinema e la televisione restano al centro dei contributi di Ilaria Vitali (Riscrivere “Le Mille e una notte” oggi: la serie ciné-si di Michel Ocelot, pp. 229-244) e Andrea Bellavita (Ucronia meta-finzionale: “Penny Dreadful” e “Once upon a time”, pp. 245-261). Vitali propone una riflessione in merito ai cortometraggi animati ispirati a Le Mille e una notte e appartenenti alla serie ciné-si del regista francese Michel Ocelot, mentre Bellavita si concentra sul fenomeno della serie televisiva, ponendo l’accento sull’intertestualità di quelle che vengono definite crossover fiction come la serie Penny Dreadful e Once upon a time.

16Con il termine fanfiction si intende quella pratica di scrittura intrapresa da autori non professionisti, promossa per lo più in rete, con l’intento di prolungare o trasformare opere già esistenti. Francesco Laurenti (Elementi preesistenti in combinazioni nuove. Su alcuni aspetti della fanfiction, pp. 263-276) approfondisce gli aspetti più innovativi di questa nuova pratica letteraria.

17Daniela Bombara (La letteratura in gioco. Tra Inferni danteschi, feuilleton, Boiardo, Ariosto, Pitrè, pp. 277-287) sposta l’attenzione sulle realizzazioni videoludiche dell’Orlando Furioso di Ludovico Ariosto e dell’Inferno di Dante, mentre la riflessione “a guisa di bilancio” di Alessandro Scarsella (Trasposizioni del canone letterario nei linguaggi del fumetto. Considerazioni ed esempi, pp. 289-299) approda nel mondo del graphic novel e dei rapporti che intrattiene con la letteratura più canonica.

18Anche gli articoli proposti da Alberto Sebastiani (Il volto per Eymerich. Iconografia, ricezione e prospettive tra adattamenti e riscritture, pp. 301-310) e Davide Vago (Les vestiges de Flaubert. “Gemma Bovery”, récriture de “Madame Bovary”, pp. 311-323) analizzano il fenomeno del fumetto e del graphic novel dal punto di vista dei rapporti ipertestuali: il primo, attraverso la trasposizione in fumetto dell’inquisitore Eymerich nell’opera di Valerio Evangelisti; il secondo, nella rielaborazione grafica della celebre eroina di Flaubert nel lavoro di Posy Simmonds, Gemma Bovery.

19Dalle Sirene di Laura Pugno nell’analisi di Silvia Zangrandi (“Aneris”. Laura Pugno, i manga e la riscrittura di un mito (rovesciato), pp. 325-338) sulla figura del mito, la minaccia ecologica e la ricerca dell’eterna giovinezza, si passa poi ai rapporti tra letteratura e pittura.

20Paola Proietti affronta il discorso attraverso il pensiero di Maryline Desbiolles (Le parole possono rivelare un dipinto?, pp. 339-352) espresso nel volume Écrits pour voir, nel quale l’autrice instaura un meccanismo di scambio continuo tra sé e l’opera d’arte, tra parola e dipinto.

21È proprio a partire dal dipinto di Russel Drysdale The Drover’s wife (1945) che Silvia Albertazzi (Tre mogli nel bush (per tacer del cane), pp. 353-368) sviluppa la sua riflessione in merito al classico per antonomasia della letteratura australiana: The Dorver’s Wife di Hanry Lawson.

22Chiudono il volume gli articoli di Laura Brignoli (La réécriture comme désintégration: “La Frontière” de Pascal Quignard, pp. 369-385), sulla concezione dello scrittore e della pratica di riscrittura attraverso l’analisi di La Frontière di Pascal Quignard, e di Maria Cristina Asumma (Tra pittura e poesia, scritture e riscritture del tango in Italia, pp. 387-401) sulla pratica di riscrittura all’interno del movimento della neoavanguardia e, nel caso specifico, della poesia di Dino Campana e dei suoi ipotesti artistici di riferimento.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Luana Doni, «Interartes. Diegesi migranti, a cura di L. Brignoli»Studi Francesi, 192 (LXIV | III) | 2020, 712-714.

Notizia bibliografica digitale

Luana Doni, «Interartes. Diegesi migranti, a cura di L. Brignoli»Studi Francesi [Online], 192 (LXIV | III) | 2020, online dal 01 mars 2021, consultato il 26 janvier 2022. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/43153; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.43153

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search