Navigation – Plan du site

AccueilNuméros193 (LXV | I)Rassegna bibliograficaOttocento b) dal 1850 al 1900Kristin Ross, Rimbaud, la Commune...

Rassegna bibliografica
Ottocento b) dal 1850 al 1900

Kristin Ross, Rimbaud, la Commune de Paris et l’invention de l’histoire spatiale

Ida Merello
p. 235
Référence(s) :

Kristin Ross, Rimbaud, la Commune de Paris et l’invention de l’histoire spatiale, Paris, Les prairies ordinaires, 2020, 302 pp.

Texte intégral

1Studio originale, scritto alla metà degli anni Ottanta e uscito a New York nel 2012, potrebbe collocarsi tra i cultural studies per la volontà di affrontare l’opera di Rimbaud dall’esterno, in rapporto allo spazio geografico, culturale e storico. In realtà quello che l’A. propone è uno sguardo inedito, che dal confronto fra avvenimenti storici e opera poetica ricava la possibilità di cogliere gli aspetti di originalità del poeta. Emerge il rapporto tra l’estetico e il politico, caro nel xx secolo all’internazionale situazionista, e che l’A. vede affrontato nell’opera di Rimbaud, in primis nella Lettre du Voyant. L’A. sottolinea la qualità di pratica attiva che Rimbaud attribuisce alla poesia, la cui utilità dev’essere superiore a quella di qualsiasi altro lavoratore, nel rifiuto di subordinarsi a qualsiasi istituzione. L’A. suggerisce che i testi politici di Rimbaud siano accostabili ai suoi testi erotici, in quanto sfruttano lo stesso potenziale di carica trasferito dal pubblico al privato. In maniera analoga e inversa, la Comune sposta la dimensione politica sui problemi apparentemente periferici della vita quotidiana. Anche le tattiche di guerra sono invertite, dallo spazio pubblico al privato: la barricata non serve per un corpo a corpo, ma per arrestare il nemico e gettargli addosso oggetti di guerra impropri e casalinghi dalla finestra. L’A. continua con i suoi parallelismi, vedendo in questo un’analogia con l’uso di Rimbaud del lessico parnassiano forzato grottescamente allo spirito utilitario: “Trouve des fleurs qui soient des chaises”. Anche il termine canon, in francese insieme cannone e canone, mostra la doppia valenza, proponendo un cannoneggiamento, un ribaltamento del canone da parte di Rimbaud. Da ultimo l’A. propone una lettura di Une saison en enfer, di cui mette da parte il carattere intimo, per sottolineare l’esistenza di un “pensiero problema”, legato a forze esterne. Rimbaud propone l’impossibile: essere energia trasformatrice, senza subire l’accettazione di un lavoro che gli sottrarrebbe quell’energia. Identifica la sua azione con quella dei Comunardi, anche se fisicamente era lontano.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Ida Merello, « Kristin Ross, Rimbaud, la Commune de Paris et l’invention de l’histoire spatiale »Studi Francesi, 193 (LXV | I) | 2021, 235.

Référence électronique

Ida Merello, « Kristin Ross, Rimbaud, la Commune de Paris et l’invention de l’histoire spatiale »Studi Francesi [En ligne], 193 (LXV | I) | 2021, mis en ligne le 01 juillet 2021, consulté le 26 octobre 2021. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/44113 ; DOI : https://doi.org/10.4000/studifrancesi.44113

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search