Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri193 (LXV | I)Rassegna bibliograficaNovecetno e XXI secoloJean-Yves Tadié, Marcel Proust: c...

Rassegna bibliografica
Novecetno e XXI secolo

Jean-Yves Tadié, Marcel Proust: croquis d’une épopée

Ludovico Monaci
p. 240
Notizia bibliografica:

Jean-Yves Tadié, Marcel Proust: croquis d’une épopée, Paris, Gallimard, 2019, «NRF», 384 pp.

Testo integrale

1Jean-Yves Tadié, curatore dell’edizione della Recherche per Gallimard («Bibliothèque de la Pléiade» 1987-1989), ripercorre l’epopea biografica e letteraria dello scrittore francese attraverso la raccolta e la revisione di alcune prefazioni e di alcuni discorsi tenuti in occasione di convegni e di conferenze sul tema («Note sur l’édition», p. 11).

2Calate nella sua esperienza di lettore e di studioso, la «Préface» (pp. 13-26) e la «Conclusion: la gloire de Proust» (pp. 359-372) aprono e chiudono la pubblicazione. La prima giustifica e spiega il titolo della raccolta: da bambino, Tadié era appassionato al ciclo curato da Lenotre, «La Petite Histoire», il cui primo volume era intitolato Napoléon: croquis de l’épopée. La seconda compendia le ragioni del successo internazionale di Proust, capace di raccogliere le sfide lasciate dai suoi predecessori e, allo stesso tempo, di lanciarne di nuove alla letteratura a venire. I trenta contributi di cui la pubblicazione consta sono ripartiti in tre macro-sezioni: «Thèmes variés» (pp. 27-148), «Les autres» (pp. 149-276) e «L’art du roman» (pp. 277-358).

3Alla prima sezione afferiscono dieci contributi: l’estrema varietà dei contenuti rende conto sia delle numerose chiavi di lettura dell’opera e della biografia di Proust, sia della versatilità di Tadié, capace di affrontare le tematiche più disparate. Le indagini si concentrano sull’intimità e sulla mondanità dello scrittore («L’amitié de Proust», pp. 29-41; «La mythologie de Versailles», pp. 42-48), sull’importanza che gli elementi naturali si ritagliano all’interno della sua opera («La mer», pp. 49-70; «Les jardins», pp. 71-90; «La serre», pp. 91-93) e sul rapporto serrato che la scrittura intrattiene con le altre arti («Proust et ses musiciens», pp. 105-111; «La peinture», pp. 112-123) e con la scienza («Proust cardiologue», pp. 145-148). La rilettura di un evento storico in chiave romanzesca («Pompéi», pp. 94-104) e l’attività giornalistica dell’autore («La presse», pp. 124-144) completano un quadro di per sé già ricco e variegato.

4I contenuti dei diciassette contributi della seconda sezione vertono su alcuni personaggi che, più o meno direttamente, sono legati alla biografia di Marcel Proust. La mondanità, concepita da un punto di vista tematico nella sezione precedente, è personificata qui da «La princesse Mathilde» (pp. 246-252), mentre René Peter è il testimone della “trasformazione” di Versailles da centro salottiero a luogo di ritiro e di lutto («Une saison à Versailles», pp. 195-201). Alla luce della sterminata corrispondenza di Proust, non sorprende che i protagonisti di questa sezione siano alcuni destinatari delle sue lettere («Bergson», pp. 161-164; «Lucien Daudet», pp. 165-169; «Lionel Hauser», pp. 187-191; «Pierre de Polignac, duc de Valentinois», pp. 202-205; «Une mystérieuse voisine», pp. 215-222) e, per contiguità, alcuni documenti, ivi compresi un esemplare dédicacé del primo volume, alcune fotografie e le risposte di Proust al famoso Questionnaire («Le questionnaire Proust du 25 juin 1887», pp. 206-214; «Sur une photographie», pp. 223-227; «Une grande collection proustienne», pp. 228-231; «Une autre grande collection», pp. 232-237; «Le Swann de Louis Brun», pp. 238-245). Passando dalle corrispondenze epistolari alle affinità elettive con altri artisti, trovano spazio in questa sezione anche «Baudelaire» (pp. 151-160), «Debussy» (pp. 170-173 e «Debussy, Proust et la Grèce», pp. 174-186), «Montaigne» (pp. 192-194) e «Romain Rolland» (pp. 253-276).

5Nella terza e ultima sezione figurano uno studio sul romanzo giovanile incompiuto di Marcel Proust («Jean Santeuil», pp. 279-323), una prefazione a Un amour de Swann (pp. 324-353) e il breve ma suggestivo inedito «Poétique du détail» (pp. 354-358).

6L’eterogeneità tematica dei contenuti e il rigore della trattazione, proficuamente combinati con uno stile che non rinuncia all’esposizione ironica e aneddotica, assolvono all’obiettivo programmatico di immortalare Marcel Proust, la sua opera, la sua epoca storica e il suo contesto mondano. Fatti salvi i casi di «Bergson», «Une saison à Versailles» e «Jean Santeuil» (le cui versioni originali risalgono ai primi anni del 2000), tutti gli scritti appartengono al decennio 2010-2019: la raccolta si offre quindi anche come la summa dei più recenti lavori di Jean-Yves Tadié.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Ludovico Monaci, «Jean-Yves Tadié, Marcel Proust: croquis d’une épopée»Studi Francesi, 193 (LXV | I) | 2021, 240.

Notizia bibliografica digitale

Ludovico Monaci, «Jean-Yves Tadié, Marcel Proust: croquis d’une épopée»Studi Francesi [Online], 193 (LXV | I) | 2021, online dal 01 juillet 2021, consultato il 29 janvier 2022. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/44173; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.44173

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search