Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri193 (LXV | I)Rassegna bibliograficaNovecetno e XXI secoloGerald Prince, Guide du roman de ...

Rassegna bibliografica
Novecetno e XXI secolo

Gerald Prince, Guide du roman de langue française (1951-2000)

Stefano Genetti
p. 248-249
Notizia bibliografica:

Gerald Prince, Guide du roman de langue française (1951-2000), Paris, Vérone éditions, 2019, 489 pp.

Testo integrale

1È allo stesso tempo una cronologia ragionata e un sistematico, personalissimo diario di lettura che il narratologo americano Gerald Prince dedica al romanzo di espressione francese del secondo Novecento, “romanzo” opportunamente inteso in senso estensivo: non solo perché accanto a racconti di finzione, bio- e autofinzioni ecc., figurano testimonianze come quella sull’anoressia di Valérie Valère, pseudonimo di Valérie Samama (1961-1982), in Le pavillon des enfants fous (1978, due stelle), ma anche perché ai nomi consacrati e ai capolavori della narrativa francese e francofona, si affiancano titoli rappresentativi del panorama editoriale anche in ambito paraletterario, da Angélique, Marquise des Anges (1956, due stelle), con cui Anne Golon inaugura una fortunata serie, a Fantômes endormis, avventurosa storia d’amore di Valérie Lafargue, collaboratrice delle edizioni Harlequin (1981, una stella e «loin d’être le pire du troupeau», p. 291). Oltre a Nathalie Sarraute, dunque, sua figlia Claude, attrice e giornalista (Allô Lolotte, c’est Coco, 1987).

2In ordine alfabetico per titolo – il volume è corredato di indice sia degli autori che dei titoli – vengono passati in rassegna oltre cinquecento libri di quasi altrettanti scrittori: una decina, ma il numero è variabile, per ognuna delle cinquanta annate. Affine a una voce di dizionario letterario, dati i rimandi in grassetto ad altri romanzi, ogni scheda è così strutturata: il titolo, accompagnato dal nome e dagli estremi biografici di chi lo ha scritto e dalla menzione di qualche altra sua pubblicazione, è seguito da un succinto commento che fornisce un’idea dell’intreccio e delle dominanti tematiche e stilistiche, da indicazioni relative alla ricezione – riconoscimenti ottenuti, traduzioni, trasposizioni filmiche, teatrali o a fumetti – e da considerazioni tese a situare il testo nell’insieme dell’attività dell’autore. Tra parentesi quadre, infine, si elencano sotto forma di inventive parole chiave alcuni motivi salienti e tratti formali dell’opera in questione. Nel caso di Le ravissement de Lol V. Stein di Marguerite Duras (1964, due stelle): «scène primitive, être à trois, extase et déraison; fragmentations, ellipses, béances» (p. 148).

3Da Bande à part del partigiano tradizionalista Jacques Perret (1951, una stella) alla requisitoria contro il consumismo e la pubblicità di Frédéric Beigbeder in 99 francs (2000, una stella), si delinea una cartografia diversificata e movimentata, attenta all’apporto delle scritture di donne, da Louise de Vilmorin (Madame de, 1951, due stelle) a Leslie Kaplan (Depuis maintenant. Miss Nobody Knows, 1996, una stella) e Christine Angot (L’inceste, 1999, una stella), o di argomento omosessuale, da L’apprenti sorcier di François Augiéras (1964, due stelle) a L’amour nomade di Patrick Drevet (1991, una stella). Molte delle sintesi proposte dall’A. si rivelano esemplari per densità di contenuti e leggerezza di tono. È così che, a proposito di L’opoponax di Monique Wittig (1964, due stelle), in poche righe G. Prince accenna alla posizione teorico-politica dell’autrice, materialista e lesbica, in seno ai movimenti femministi, al suo rigetto del concetto di écriture féminine, delle reazioni ammirate di Claude Simon e Marguerite Duras, della criptica centralità del titolo, dove il ripetersi della lettera “o” simboleggia «un principe merveilleux, surpuissant, lié à l’amour, au désir, à la transgression» (p. 146), nonché della ricca dimensione intertestuale del romanzo, segnalata, in calce alla scheda, dalla menzione di Scève e di Baudelaire.

4Come dichiarato nella breve prefazione, la scelta dei titoli non si basa su criteri di valore, né di rappresentatività: essa riflette gli interessi e i gusti di G. Prince. Abbondano così i riferimenti alla letteratura erotica e l’A. esprime il proprio giudizio di lettore per mezzo delle stelline che attribuisce ai vari libri: da una a cinque, talora nessuna, mentre il voto più alto è riservato, fra gli altri, a Molloy di Beckett (1951), La route des Flandres di Simon (1960), Le Roi des aulnes di Tournier (1970), La vie mode d’emploi di Perec (1978). A rendere la consultazione godibile concorrono i discreti tocchi di umorismo con i quali vengono manifestati apprezzamenti o riserve. Se la ricerca stilistica che soggiace all’«écriture plate» di Annie Ernaux ne fa piuttosto una scrittura «bosselée» (La Place, 1983, due stelle, p. 309), in merito a L’Adversaire di Emmanuel Carrère (2000, una stella), romanzo-verità basato su un atroce fatto di cronaca, si legge: «l’histoire exceptionnelle du protagoniste est peut-être un peu la nôtre. Peut-être. Un peu» (p. 442). Ogni scheda si chiude inoltre su sorridenti annotazioni culinarie e tabagiste che vanno dalle sardine in scatola di Beckett al «thé ou cherry et cigarettes» (p. 148) di Duras.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Stefano Genetti, «Gerald Prince, Guide du roman de langue française (1951-2000)»Studi Francesi, 193 (LXV | I) | 2021, 248-249.

Notizia bibliografica digitale

Stefano Genetti, «Gerald Prince, Guide du roman de langue française (1951-2000)»Studi Francesi [Online], 193 (LXV | I) | 2021, online dal 01 juillet 2021, consultato il 20 septembre 2021. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/44273; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.44273

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search