Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri194 (LXV | II)Rassegna bibliograficaCinquecentoOlivier Pédeflous, La dernière bi...

Rassegna bibliografica
Cinquecento

Olivier Pédeflous, La dernière bibliothèque de Nicolas Bérauld. Livres et sociabilités lettrées dans les années 1530

Filippo Fassina
p. 360-361
Notizia bibliografica:

Olivier Pédeflous, La dernière bibliothèque de Nicolas Bérauld. Livres et sociabilités lettrées dans les années 1530, “Bibliothèque d’Humanisme et Renaissance” 2, LXXXI (2020), pp. 301-322.

Testo integrale

1Il presente studio intende ricostruire l’ultima biblioteca posseduta da Nicolas Bérauld negli anni successivi al 1530, al fine di sottolineare i rapporti di collaborazione e di amicizia con gli intellettuali contemporanei, in un periodo in cui Bérauld conduce una vita fondamentalmente nomade. È proprio seguendo i suoi viaggi che l’A. descrive i più importanti testi a lui appartenuti. In particolare, ci si sofferma su un volume di Aulo Gellio, ora conservato a Uppsala, che Bérauld avrebbe ottenuto da Jehan Lunel e che avrebbe utilizzato frequentemente per redigere il suo commento al Rusticus di Poliziano. Viene analizzato anche il periodo 1533-1534, nel quale Bérauld ha svolto un’intensa attività editoriale presso Sébastien Gryphe: vengono ricordate numerose opere redatte in questi anni, fra le quali spiccano l’Oratio de jurisprudentia e il Dialogue sur l’improvisation, in cui si trova una riflessione sulla scrittura improvvisata, sul modello di Quintiliano. Nel 1534 Bérauld torna a Orléans e acquista le Castigationes di Plinio: nell’ex libris di questo volume si trova per la prima e unica volta la formula «Et amicorum», che testimonia un importante sodalizio letterario nato attorno alla figura di Bérauld stesso. Vengono infine citati altri testi: un’edizione del De partu Virginis di Jacopo Sannazzaro, posseduta probabilmente anche da Dolet, poiché ne porta il timbro, e donata successivamente a Salmon Macrin e le opere complete di Ippocrate, che, secondo l’A., potrebbero essere state acquistate da Bérauld per cercare risposte ai suoi problemi di salute. La ricostruzione di questa biblioteca permette dunque di far luce sulle «sociabilités humaines» e sull’importante rete di rapporti fra intellettuali nell’area di Lione e Marsiglia negli anni trenta del Cinquecento.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Filippo Fassina, «Olivier Pédeflous, La dernière bibliothèque de Nicolas Bérauld. Livres et sociabilités lettrées dans les années 1530»Studi Francesi, 194 (LXV | II) | 2021, 360-361.

Notizia bibliografica digitale

Filippo Fassina, «Olivier Pédeflous, La dernière bibliothèque de Nicolas Bérauld. Livres et sociabilités lettrées dans les années 1530»Studi Francesi [Online], 194 (LXV | II) | 2021, online dal 01 septembre 2021, consultato il 18 octobre 2021. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/44888; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.44888

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search