Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri194 (LXV | II)Rassegna bibliograficaCinquecentoChiara Lastraioli, De nouvelles é...

Rassegna bibliografica
Cinquecento

Chiara Lastraioli, De nouvelles épitaphes infamantes contre Gaspard de Coligny par Bolsec et d’autres

Filippo Fassina
p. 362
Notizia bibliografica:

Chiara Lastraioli, De nouvelles épitaphes infamantes contre Gaspard de Coligny par Bolsec et d’autres, “Bibliothèque d’Humanisme et Renaissance” 2, LXXXI (2020), pp. 331-343.

Testo integrale

1Viene analizzato in questo lavoro un placard che contiene una serie di epitaffi infamanti e satirici, pressoché sconosciuti, scritti contro l’ammiraglio de Coligny, ucciso durante la notte della Saint-Barthélemy. L’unico esemplare conosciuto di questa raccolta è conservato in una miscellanea di testi, per lo più francesi, ora posseduta dalla Biblioteca Nazionale di Torino. Mentre i primi due componimenti sono seguiti dalle iniziali dei nomi degli autori (P.T.P.V.E. e P.T.), il secondo è firmato da Jérôme Bolsec, letterato che passò dal Protestantesimo al Cattolicesimo militante di Lione. Secondo l’A., sarebbe possibile collocare i primi due testi all’interno dell’entourage di Pierre de Saint-Priest d’Épinac, uno dei principali protettori di Bolsec. In ogni caso, sembra certa la provenienza lionese di tutta questa produzione, ipotesi che sembra confermata dal fatto che negli anni 1572-1573 la città di Lione diventa uno dei centri principali della propaganda cattolica. Per quanto riguarda il contenuto di questi epitaffi, viene sottolineato come quello siglato P.T.P.V.E sia scritto in latino e si ispiri all’epigrafia parodica classica: secondo un modello piuttosto diffuso, il defunto (Coligny) parla in prima persona, evocando dall’Inferno tutte le sue malefatte. A questo testo segue un distico in francese, siglato P.T., nel quale viene invocato il giorno in cui la Francia potrà annoverare più membri dell’ultra-cattolicesimo rispetto ai Protestanti. Infine, si trova un epitaffio latino, tradotto in francese da Bolsec, nel quale Coligny è criticato soprattutto per gli episodi di violenza da lui provocati e per aver sobillato i nobili protestanti contro la Corona. La raccolta si conclude con una quartina, scritta in latino e in francese probabilmente sempre da Bolsec, nella quale viene elogiato Carlo IX per la saggezza delle sue decisioni. L’analisi di questi componimenti permette dunque di portare alla luce materiale quasi del tutto sconosciuto e di contribuire allo studio storico-letterario di uno dei periodi più complessi e sanguinosi della storia di Francia. In appendice viene fornito l’elenco completo di tutti i testi presenti nella raccolta citata, conservata nella Biblioteca Nazionale di Torino.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Filippo Fassina, «Chiara Lastraioli, De nouvelles épitaphes infamantes contre Gaspard de Coligny par Bolsec et d’autres»Studi Francesi, 194 (LXV | II) | 2021, 362.

Notizia bibliografica digitale

Filippo Fassina, «Chiara Lastraioli, De nouvelles épitaphes infamantes contre Gaspard de Coligny par Bolsec et d’autres»Studi Francesi [Online], 194 (LXV | II) | 2021, online dal 01 septembre 2021, consultato il 08 décembre 2021. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/44918; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.44918

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search