Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri194 (LXV | II)Rassegna bibliograficaSeicentoYann Rodier, Les raisons de la ha...

Rassegna bibliografica
Seicento

Yann Rodier, Les raisons de la haine: histoire d’une passion dans la France du premier xviie siècle (1610-1659)

Monica Pavesio
p. 367
Notizia bibliografica:

Yann Rodier, Les raisons de la haine: histoire d’une passion dans la France du premier xviie siècle (1610-1659), Préface de D. Crouzet, Ceyzérieu, Champ-Vallon, 2020, «Epoques», 496 pp.

Testo integrale

1Come illustra Denis Crouzet nell’introduzione, il volume di Yann Rodier, vincitore del Prix de la Société d’Étude du xviie siècle 2020, si presenta come un ricco lavoro di storicizzazione filologica sugli sforzi che fece la monarchia francese nella prima metà del Seicento, per frenare e controllare le forti correnti d’odio alla base delle guerre interne, che devastarono la Francia per gran parte del xvi secolo. Il libro invita a rileggere il xvii secolo sotto l’ottica delle passioni e delle emozioni, la cui teorizzazione, espressione, linguaggio, uso e controllo costituiscono un’altra faccia della modernità politica del Seicento.

2Il periodo successivo all’uccisione di Enrico IV può essere considerato un “dopoguerra”: la Francia stanca delle violenze scatenate dalle guerre di religione cerca la pace ma, nel periodo cha va dal 1610 al 1659, data della firma della Pace dei Pirenei e della presa di potere personale di Luigi XIV, è comunque pervasa da un forte sentimento di odio che il potere regio prova a controllare e neutralizzare. L’odio è, infatti, l’attore stesso, depersonalizzato e anonimo, di una storia a più voci che Rodier ripercorre secondo un piano cronologico partendo dal periodo della Reggenza di Maria de Medici, La régence ou la conjuration des passions fratricides (1610-1617), momento in cui, il potere organizza una politica interna ed estera di pacificazione, che trova voce negli scritti dei letterati dell’epoca, per esempio in quelli di Agrippa d’Aubigné.

3Le passioni fratricide, non del tutto sopite, vengono incanalate ed indirizzate verso alcune categorie di persone, e per raggiungere l’unità nazionale si stimmatizza lo straniero, l’italiano Concino Concini – favorito della reggente, assassinato nel 1617 con un colpo di stato che permetterà a Luigi XIII di prendere il potere – contro il quale vengono scritti libelli carichi d’odio.

4Inizia poi il secondo periodo, descritto nel successivo capitolo del libro, intitolato L’odieux politique et réligieux en question (1617-1622), in cui il nuovo re si presenta come il principe della ragione che controlla le sue passioni e quelle dei sudditi. Nasce una forte xenofobia di Stato, alla cui base si delinea un risentimento nazionale contro gli spagnoli, gli italiani, i turchi, gli inglesi, i gesuiti, che Rodier descrive analizzando i libelli, la corrispondenza, le opere teatrali, le canzoni, i giornali, i sermoni.

5Con Richelieu e Mazarino, e siamo al terzo e quarto capitolo, Les hommes de l’entre-deux et la domestication des passions (1620-1650), La monarchie ministérielle et la raison des passions (1624-1659), i trattati sulle passioni diventano teorizzazioni di una nuova ars gobernandi fondata sulla maîtrise delle passioni e sul rinforzamento del sentimento nazionale che si costituisce con una politica di odio contro coloro che sono ritenuti nemici dello Stato. E primo fra tutti, ne farà le spese lo stesso Mazarino, contro il quale si scaglieranno fiumi d’odio (più di duemila Mazarinades solo nel 1649, quasi una decina al giorno).

6Il volume si chiude con un Atelier de l’historien; con tavole sugli avvenimenti storici, politici, religiosi, letterari e con una ricca bibliografia.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Monica Pavesio, «Yann Rodier, Les raisons de la haine: histoire d’une passion dans la France du premier xviie siècle (1610-1659)»Studi Francesi, 194 (LXV | II) | 2021, 367.

Notizia bibliografica digitale

Monica Pavesio, «Yann Rodier, Les raisons de la haine: histoire d’une passion dans la France du premier xviie siècle (1610-1659)»Studi Francesi [Online], 194 (LXV | II) | 2021, online dal 01 septembre 2021, consultato il 04 décembre 2021. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/44978; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.44978

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search