Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri194 (LXV | II)Rassegna bibliograficaSeicentoL’honnêteté au Grand Siècle: bell...

Rassegna bibliografica
Seicento

L’honnêteté au Grand Siècle: belles manières et Belles Lettres

Laura Rescia
p. 369
Notizia bibliografica:

L’honnêteté au Grand Siècle: belles manières et Belles Lettres, éd. M. Leopizzi, Tübingen, Narr /Franck/Attempto Verlag, 2020, 476 pp.

Testo integrale

1I trenta contributi qui pubblicati sono stati presentati al 48esimo convegno della North American Society for Seventeenth Century French Literature, svoltosi presso l’Università del Salento di Lecce dal 27 al 30 giugno 2018. Come ricorda la curatrice nell’introduzione, lo studio del concetto di honnêteté attraverso un corpus testuale non solo letterario e filosofico, ma anche nelle opere scientifiche e nei trattati di morale, pedagogici e artistici, permette di illuminare un’idea centrale del Grand Siècle. Elaborato nel xvii secolo francese in relazione a quelli di civilité, bienséance, courtoisie, galanterie, il concetto passa attraverso i trattatisti italiani del xvi secolo, primo fra tutti Castiglione. Pur esistendo già una ricca bibliografia a riguardo (si vedano in particolare i lavori di Emmanuel Bury), alcuni risvolti meno noti restavano da indagare. Il convegno ne ha scrutato ogni traccia: a partire dalle testimonianze lessicografiche (contributi di A. Rey e G. Dotoli), fino ai trattati di matematica e di geometria del xvii secolo – su cui è centrato il contributo di D. Des-cotes – che si preoccupano di elaborare una rhétorique honnête, articolando le argomentazioni scientifiche attraverso stilemi letterari, volti ad interessare un pubblico mondano. Non meno importante il lascito dell’Antichità, a cui guarda il contributo di J. Bardot, che ne analizza i riflessi nell’opera di La Fontaine, e le testimonianze sugli oggetti in uso del nobile secentesco, aspetto della cultura materiale su cui si concentra lo studio di K.A. Hoffmann. L’utilizzo del sottinteso e dell’equivoco nella comunicazione dell’honnête homme a corte è studiato da M. Neklyudova, mentre A. Stogova mette in luce, utilizzando lo stesso concetto, consonanze e dissonanze tra la postura del moralista e quella del cortigiano. E se sull’honnête homme molto era già stato scritto, meno attenzione era stata posta sul versante femminile dell’honnêteté su cui si soffermano numerose comunicazioni: R. Longuet a proposito La Bruyère, N. Grande rispetto alla visione di Grenaille e Madeleine de Scudéry, C. Nédélec occupandosi della dimensione licenziosa della poesia per le dame, ostentata dalla galanterie honnête. Nuove prospettive vengono individuate studiando il concetto nel suo rapporto con la grazia, in senso teologico ed estetico, di cui si occupa H. Michon; con la bienséance, in particolare nei romans comiques, di cui tratta l’articolo di J. Vos-Camy; con il genere delle Mémoires, a cui si dedica P. Thouvenin, e con la figura del savant, su cui si concentra F. Wild. L’antitesi dell’honnêteté, e dunque il ridicolo, si manifesta nella percezione e autopercezione degli autori gascons, di cui si occupa C. Biard, ma altresì nei ritratti di Sorel e Furetière, definiti déshonnêtes in funzione delle polemiche che hanno segnato la loro carriera, ma anche delle caratteristiche assegnate alla loro opera, all’interno di quel campo letterario dominato dalla galanterie, come analizzato M. Bombart e M. Rosellini. La trasgressione della norma viene poi considerata nell’articolazione tra malhonnêteté e honnêteté: M. Cro si occupa delle infrazioni alla bienséance di D’Urfé lettore di Castiglione; N. Freidel della corrispondenza di Bussy-Rabutin e della rivendicazione di una conversazione libera dai limiti della bienséance; M. Mougen del rapporto tra honnêteté e libertinage nel Journal de Voyage di R. Challe (1721). Un nutrito gruppo di contributi è dedicato al teatro e alle rappresentazioni artistiche: il concetto è indagato nel divenire delle opere e della teorizzazione corneliana da T. Chikawa; nell’immagine della donna onesta nell’opera molieriana da T. Varney Kennedy; nella relazione tra piacere e tragedia in Racine da E. Van Dyke. Chiudono questa sezione i contributi di G. D’Andrea, dedicato ai trattati musicali, e di M. Leone, centrato sull’educazione del principe e del nobile in una tragicommedia italiana di G.A. Ridolfi del 1641. A completamento di questo già ricco panorama, non poteva mancare un’ultima sezione dedicata all’arte della conversazione e dell’amicizia. C. McCall Probes esamina la corrispondenza tardo secentesca tra due aristocratiche, rintracciando i contorni dell’estime, amitié e reconnaissance di cui fanno prova; F. Poulet si sofferma sulla declinazione onesta della raillerie; V. Arnauld sul rapporto con il pettegolezzo; e M. Leopizzi rintraccia nella Maison des Jeux di Charles Sorel – di cui ha curato recentemente l’edizione critica pubblicata da Champion – l’inatteso legame tra honnêteté, denuncia e trasgressione.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Laura Rescia, «L’honnêteté au Grand Siècle: belles manières et Belles Lettres»Studi Francesi, 194 (LXV | II) | 2021, 369.

Notizia bibliografica digitale

Laura Rescia, «L’honnêteté au Grand Siècle: belles manières et Belles Lettres»Studi Francesi [Online], 194 (LXV | II) | 2021, online dal 01 septembre 2021, consultato il 04 décembre 2021. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/45008; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.45008

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search