Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri179 (LX | II)Rassegna BibliograficaOpere generali e comparatisticaGuillaume Artous-Bouvet, L’hermét...

Rassegna Bibliografica
Opere generali e comparatistica

Guillaume Artous-Bouvet, L’hermétique du sujet. Sartre, Proust, Rimbaud

Roberta Sapino
p. 385-386
Notizia bibliografica:

Guillaume Artous-Bouvet, L’hermétique du sujet. Sartre, Proust, Rimbaud, Paris, Hermann, 2015, 196 pp.

Testo integrale

1Come pensare lo statuto del soggetto nella letteratura, dopo i colpi infertigli dallo strutturalismo? È da questa domanda che si sviluppa la riflessione di Guillaume Artous-Bouvet («Introduction», pp. 5-34). Muovendo da una meticolosa rassegna delle principali posture critiche contemporanee (Compagnon innanzitutto, ma anche Nussbaum, Descombes, Macé, Clément, Rabaté), l’autore fonda il suo lavoro su un’osservazione che è anche una dichiarazione di metodo: in letteratura non esiste soggetto che non sia soggetto di un discorso. Da questo deriva una tesi più generale: un soggetto può costituirsi come tale – e come ethos morale – solo attraverso un uso specifico della lingua: il discorso diventa allora strumento primario di soggettivazione, al punto che, afferma Artous-Bouvet, il soggetto stesso potrebbe essere considerato come un «événement poétique». La “moralité” deriverebbe, a sua volta, non dall’adesione a una regola preesistente, ma dall’esercizio stesso del discorso letterario.

2Il sé al centro dell’indagine di questo volume è allora un soggetto enigmatico, che richiede di essere cercato tra le molteplici stratificazioni testuali osservabili nell’opera di ciascuno dei tre autori studiati: a cominciare da Sartre, a cui è dedicata la prima sezione («Sartre: l’exception du sujet», pp. 35-83). Con le sue «biografie esistenziali», osserva Artous-Bouvet, Sartre si fa inventore di un genere nuovo, nel cui spazio emerge l’ambivalenza di ogni tentativo di inscrizione letteraria del soggetto: la scrittura de L’idiot de famille, continua l’autore rifacendosi a Bruno Clément, sarebbe da considerare come la risposta all’impossibilità dell’impresa autobiografica. Il dovere di verità impone la rinuncia all’autobiografia e la conversione a un genere diverso: l’immersione nel testo e nella vita altrui richiesta dalla biografia esistenziale consente a Sartre di dare origine a un’«identité énarrative», capace di farsi carico della porzione di alterità insita nel rapporto del soggetto a sé. La successione dei testi sartriani è interpretata da Artous-Bouvet come un movimento dialettico dall’alienazione baudelairiana all’ironia liberatoria di Flaubert, passando per la scelta di Genet di aderire al significato alienante impostogli dalla società. Solo l’ironia di Flaubert, però, permetterebbe di testimoniare di quel non-detto in cui si cela l’Io e che è insito in ogni discorso.

3La seconda sezione («Proust: poétique et vérité», pp. 85-134) è concepita come una lettura della Recherche alla luce dei testi che Genette le dedicò nei primi tre volumi di Figures. Testi pubblicati all’apogeo dello strutturalismo, che Artous-Bouvet affronta con particolare attenzione alla portata metodologica per mostrare come, forse contro la stessa volontà di Genette, il passaggio dalle «figures du discours» al «discours du récit» permetta di cogliere la presenza di un «hors-texte» temporale. Nella Recherche l’anacronia è inseparabile da quella che Artous-Bouvet chiama «l’exception du sujet»: un’analogia funzionale si stabilisce tra l’Io e il tempo. Tuttavia, prosegue l’autore, essendo sia il soggetto sia il tempo vincolati alla legge d’esteriorità delle strutture, essi sono condannati all’impossibilità di contenere il tempo e la vita. È però proprio a partire da quest’impossibilità, e forse contro di essa, conclude Artous-Bouvet riprendendo una frase di Dominique Rabaté, che la scrittura del romanzo si origina e si colloca nell’orizzonte della vocazione.

4Intitolata «Rimbaud: prose de soi» (pp. 135-174), la terza sezione si apre su un’ipotesi: se una vera e propria leggenda ha preso forma intorno alla figura di Rimbaud, ciò non è dovuto tanto al fatto che egli scrisse, quanto al fatto che smise di scrivere. L’evento radicale della rinuncia alla poesia avrebbe dato vita a alla «re-génération infinie du légendaire» o – citando Pierre Michon – alla «Vulgate rimbaldienne». Da qui, Artous-Bouvet si dedica ad analizzare Une saison en enfer, allo scopo di mettere in luce come il testo (anch’esso racconto di una vocazione letteraria, ma con sguardo esclusivamente retrospettivo) da un lato si serva delle modalità dell’autofiction per trasformare la vita in leggenda, e dall’altro includa al suo interno la possibilità della rinuncia alla poesia. Nell’opera di Rimbaud, sostiene quindi l’autore, il soggetto non deve essere cercato nella costruzione temporale del récit né nelle figure della poesia, ma nell’ibrido del prosimetro, dove l’Io può situarsi nella ripetizione di un movimento inseparabilmente narrativo e citazionale.

5Il volume si chiude («Conclusions», pp. 175-187) con la ripresa delle principali domande sollevate nel corso dell’argomentazione, alla luce anche del particolare ruolo che opere come quelle di Sartre, Proust e Rimbaud attribuiscono al loro lettore. Fil rouge tra le varie sezioni, e scopo ultimo del volume, è la proposta di un cambiamento di prospettiva critica: dall’ermeneutica del soggetto, nozione che si presta all’analisi di uno spettro di enunciati troppo ampio, a un’«hermétique du sujet» adatta a operare esclusivamente, e più a fondo, nel testo letterario.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Roberta Sapino, «Guillaume Artous-Bouvet, L’hermétique du sujet. Sartre, Proust, Rimbaud»Studi Francesi, 179 (LX | II) | 2016, 385-386.

Notizia bibliografica digitale

Roberta Sapino, «Guillaume Artous-Bouvet, L’hermétique du sujet. Sartre, Proust, Rimbaud»Studi Francesi [Online], 179 (LX | II) | 2016, online dal 01 septembre 2016, consultato il 04 décembre 2021. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/4519; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.4519

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search