Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri194 (LXV | II)Rassegna bibliograficaNovecento e XXI secoloTeppei Asama, Proust et les amateurs

Rassegna bibliografica
Novecento e XXI secolo

Teppei Asama, Proust et les amateurs

Ludovico Monaci
p. 398
Notizia bibliografica:

Teppei Asama, Proust et les amateurs, Paris, Classiques Garnier, 2020, «Bibliothèque proustienne» 30, 400 pp.

Testo integrale

1Proust et les amateurs aggiunge un tassello importante alla riflessione sul ruolo dell’arte nella Recherche: la pubblicazione si interroga sull’amateur, figura di convergenza tra l’artista che rimette in discussione la propria marginalità e il borghese che ridefinisce la propria identità. Teppei Asama considera l’esperienza del narratore proustiano come il risultato dell’evoluzione estetica dal dilettantismo al professionismo. I tre nuclei centrali del volume sono scanditi metaforicamente dai fratelli Goncourt, da Robert de Montesquiou, nonché dalla coppia formata da Swann e da Charlus. La scelta programmatica di utilizzare i nomi propri come «modèles épistémologiques pour atteindre la notion d’amateur» (p. 36) si rivela oltremodo efficace e produttiva: essa mette in luce quanto il processo di formazione e di costruzione dei tratti di alcuni personaggi (Swann e Charlus nella fattispecie) sia dettato dagli esteti che hanno influenzato la produzione giovanile dell’autore francese.

2A questo proposito, nella «Première Partie: les Goncourt» (pp. 37-96) vengono presentati tutti gli scritti in cui Proust adotta, più o meno dichiaratamente, l’approccio estetico dei fratelli Goncourt. «Chardin et Rembrandt» e «Watteau» si concentrano sulla debolezza fisica e sociale dell’artista; «Rembrandt», redatto in occasione dell’esposizione delle opere del pittore fiammingo ad Amsterdam, chiama in causa anche la personalità di Ruskin. Il pastiche del Journal Goncourt in Le temps retrouvé condensa i temi presenti nei testi precedenti: evocando alcune scene conviviali della Recherche, l’autore dimostra lo statuto ambivalente della posizione del narratore, sospeso tra l’idealismo di Brichot e il materialismo dei Goncourt.

3Il primo fulcro della «Deuxième Partie: Robert de Montesquiou» (pp. 97-212) è rappresentato da La simplicité de Monsieur de Montesquiou e da Contre l’obscurité, due articoli che indagano le modalità di comunicazione tra artisti e pubblico. È attraverso «Un professeur de beauté» che Proust si inserisce nella diatriba tra Arsène Alexandre e Montesquiou, senza mancare di mettere alla berlina l’idolatria di quest’ultimo. Anticipando la postura critica della terza parte, «Journées de lecture» e «Les Éblouissements par la comtesse de Noailles» legittimano l’accostamento della memorialista Adèle de Boigne e della poetessa Anna de Noailles a Mme de Villeparisis (che “insegna” al narratore come intraprendere la carriera di scrittore) e alla nonna (che ne incoraggia la vocazione).

4La «Troisième Partie: Swann et le Baron de Charlus» (pp. 213-328) si sofferma infine sui due amateurs della Recherche. Desiderio mondano e pulsione erotica plasmano l’attitudine idolatrica di Swann che, appassionato d’arte rinascimentale, attribuisce ai soggetti dipinti i nomi di persone a lui contemporanee. Charlus invece, tanto invaghito dall’esotismo quanto devoto all’arte classica, tratta l’oggetto del desiderio alla stregua di un pezzo da collezione. Per quel che riguarda invece il suo rapporto con la femminilità, il barone associa Albertine alla protagonista de Les secrets de la princesse Cadignan di Balzac: coadiuvato dalla spinta estetica di Elstir, Charlus funge da vettore memoriale del mantello di Fortuny, e quindi da intermediario dell’amore che il protagonista nutre per la jeune fille.

5La «Bibliographie» (pp. 337-372) testimonia dell’eccellenza dell’impianto critico di Proust et les amateurs. Tuttavia, il valore aggiunto dello studio in questione risiede nella novità dell’approccio, rivendicata in primis dall’autore: anziché rintracciare il compimento della vocazione del narratore nelle pagine del Temps retrouvé, Teppei Asama prende in considerazione lo statuto dell’arte nella Recherche partendo dai dettagli strettamente connessi ai «célibataires de l’art» (TR, IV, p. 470).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Ludovico Monaci, «Teppei Asama, Proust et les amateurs»Studi Francesi, 194 (LXV | II) | 2021, 398.

Notizia bibliografica digitale

Ludovico Monaci, «Teppei Asama, Proust et les amateurs»Studi Francesi [Online], 194 (LXV | II) | 2021, online dal 01 septembre 2021, consultato il 04 décembre 2021. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/45398; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.45398

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search