Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri194 (LXV | II)Rassegna bibliograficaOpere generali e comparatisticaLibéral, libéralité, libéralisme:...

Rassegna bibliografica
Opere generali e comparatistica

Libéral, libéralité, libéralisme: histoire et enjeux philosophiques, culturels et littéraires, essais réunis par É. Le Jallé et F. McIntosh-Varjabédian

Paola Cattani
p. 422-423
Notizia bibliografica:

Libéral, libéralité, libéralisme: histoire et enjeux philosophiques, culturels et littéraires, essais réunis par É. Le Jallé et F. McIntosh-Varjabédian, Paris, Champion, 2018, 252 pp.

Testo integrale

1Esiste un legame, ed eventualmente quale, tra la liberalitas classica, celebrata tra gli altri da Aristotele e Cicerone, e il liberalismo filosofico ed economico moderno? Questa la domanda, provocatoria e densa di implicazioni, all’origine del volume Libéral, libéralité, libéralisme: histoire et enjeux philosophiques, culturels et littéraires, curato da Éléonore Le Jallé e Fiona McIntosh-Varjabédian e nel quale si trovano riuniti gli atti di un convegno tenutosi all’università di Lille nel novembre 2015.

2Liberalità classica e liberalismo moderno hanno anzitutto in comune l’aggettivo da cui discendono: “liberale” (ovvero “degno di un uomo libero”, nel primo significato greco che permane ad esempio nell’espressione “arti liberali”). A partire dalla pista linguistico-semantica, il volume dipana un ricco percorso di storia delle idee, attraverso le numerose e successive accezioni di “liberale” e “liberalità” in testi filosofici e letterari europei. Un primo gruppo di contributi riguarda il mondo classico: Juliette Lemaire analizza la liberalità secondo Aristotele, un “saper spendere” virtuoso perché a metà strada tra la parsimonia e la prodigalità, mentre Sandrine Alexandre, per il versante romano, mette in relazione la generosità liberale encomiata da Cicerone e da Seneca con la pratica sociale e culturale dell’evergetismo. Un secondo gruppo di contributi si concentra poi su Medioevo e Rinascimento, indagando da un lato l’ideale di generosità e “largesse” delineato nei testi letterari medievali ad uso del cavaliere cortese (Marie-Madeleine Castellani), e dall’altro lato la netta condanna della pratica principesca dell’elargizione liberale, espressa da Machiavelli nel capitolo sedicesimo del Principe (Jérémie Barthas). Sono poi presi in esame diversi autori che a vario titolo potremmo includere tra i teorici del liberalismo moderno: David Hume, del quale la stessa curatrice Éléonore Le Jallé indaga la valorizzazione delle arti liberali; Adam Smith, di cui Brecht de Groote e Spiros Tegos valutano rispettivamente le contraddizioni dell’ideale liberale e il ripensamento della liberalità in relazione all’ascensione sociale della classe media; Adam Ferguson, di cui Sonia Boussange-Andrei studia il tentativo di conciliazione di virtù classiche ed economia moderna; e Malthus, che Patrice Bouche mostra essere a torto considerato un autore “illiberale”. Infine, i due contributi che chiudono il volume hanno un taglio tematico: il primo analizza il ruolo della liberalità nelle trasformazioni sociologiche del mestiere e dell’autonomia dell’artista, dal mecenatismo del xv secolo alla legislazione attuale sugli “intermittenti dello spettacolo” (Federico Tarragoni); il secondo problematizza la connessione che l’Ottocento francese e inglese, con i lavori in particolare di Guizot e Mill, opera tra i concetti di “civilisation” e di “liberale”, fino ad un’identificazione che fatica a concepire una civilisation non liberale (Fiona McIntosh-Varjabédian).

3L’originalità e importanza del volume non consistono solo nell’offrire, grazie al concorso di specialisti di autori ed epoche varie, una ricca ricognizione delle varie accezioni di “liberale” attraverso i secoli. I contributi disvelano anche alcune delle maggiori controversie suscitate da un concetto che al suo interno comprende componenti molto diverse tra loro. Nel corso della lettura si scopre infatti che la liberalità è suscettibile di essere considerata tanto una virtù, quando con Aristotele viene apparentata alla generosità e al disinteresse o quando identifica (in un senso politico attestato a partire dai primi decenni del xix secolo) una generale apertura di spirito, quanto un’attitudine profondamente nefasta: perché capace di farsi strumento di conservazione dell’ordine sociale esistente da parte della classe dominante, come hanno sottolineato gli studi di Veyne sull’evergetismo romano, e perché capace di separarsi dalla giustizia, come mostrano le critiche indirizzate da Machiavelli per primo ad una pratica tipica dei monarchi e coincidente con la depredazione del popolo; del resto anche pensatori come Mandeville e La Rochefoucauld hanno analogamente potuto considerare la liberalità come un altro volto dell’egoismo.

4Ma il volume riesce soprattutto nella sfida, decisiva, di far dialogare tra loro la prospettiva filosofico-morale e quella economica. Sia perché mostra bene come nel termine “liberale” sia insita un’ambiguità costitutiva, legata al duplice uso che fin dai tempi di Aristotele ne viene fatto in contesto morale e al tempo stesso economico, individuale e pubblico. Sia perché alcuni contributi attirano l’attenzione su come tale duplicità giochi un ruolo chiave nell’elaborazione di alcune specifiche concezioni della società: per Aristotele la virtù morale della liberalità ha una funzione sociale imprescindibile, nella misura in cui il suo contrario, l’illiberalità, coincide con la fine della polis; per Adam Ferguson, la liberalità come virtù morale del singolo è un importante antidoto alle derive meccanicistiche della società commerciale moderna, quali la divisione del lavoro e la burocratizzazione, nonché elemento indispensabile per costruire quella “fiducia” su cui si fonda lo stato di diritto. Il quesito di fondo del volume, e i contributi riuniti, si rivelano così preziosi per esplorare i confini tra politica ed etica, economia ed etica, in una riflessione cruciale per molta filosofia contemporanea, e che ritroviamo in autori come Martha Nussbaum e Amartya Sen. All’interno della sua vasta rassegna, il volume può aprire così al lettore percorsi inediti per ripensare l’“homo liberalis”, nei suoi legami ma anche nella sua possibile alterità con l’homo economicus.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Paola Cattani, «Libéral, libéralité, libéralisme: histoire et enjeux philosophiques, culturels et littéraires, essais réunis par É. Le Jallé et F. McIntosh-Varjabédian»Studi Francesi, 194 (LXV | II) | 2021, 422-423.

Notizia bibliografica digitale

Paola Cattani, «Libéral, libéralité, libéralisme: histoire et enjeux philosophiques, culturels et littéraires, essais réunis par É. Le Jallé et F. McIntosh-Varjabédian»Studi Francesi [Online], 194 (LXV | II) | 2021, online dal 01 septembre 2021, consultato il 04 décembre 2021. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/45635; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.45635

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search