Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Cinquecento

Tom Conley, An Errant Eye. Poetry and Topography in Early Modern France

Martina Airoldi
p. 133
Notizia bibliografica:

Tom Conley, An Errant Eye. Poetry and Topography in Early Modern France, Minneapolis, University of Minnesota Press, 2011, pp. 248.

Testo integrale

1Il volume di Tom Conley presenta uno studio sulla topografia, intesa come rappresentazione di spazio e di luoghi all’interno della letteratura francese nel Rinascimento. Secondo l’A., infatti, parola scritta e immagini si uniscono creando new poetics of space in cui la facoltà visiva e quella tattile si intrecciano. Conley spiega come l’impulso dato alla cartografia nel xvi secolo abbia originato una nuova sensibilità topografica, questione dimostrata dal volume Cosmographia di Peter Apian, edito per la prima volta nel 1524. Volume a cui Conley dedica il secondo capitolo del suo libro, dal titolo The Apian Way (pp. 53-79). Successivamente l’A. spiega come l’orientamento topografico dell’epoca sia strettamente connesso alla contemporanea diffusione dei libri di emblemi, che per definizione uniscono linguaggio e rappresentazione. È questa infatti la problematica affrontata nel terzo capitolo A Landscape of Emblems: Corrozet and Holbein (pp. 81-116). Capitolo in cui l’A. si propone di studiare come gli spazi e i paesaggi siano rappresentati all’interno di questi particolari testi. Altri capitoli indagano invece la componente topografica e geografica all’interno dell’opera di importanti autori francesi. Si tratta di sezioni quali Rabelais: Worlds Introjected (pp. 27-51), in cui si studiano la dimensione geografica negli scritti dell’autore e l’incontro con l’alterità, e A Poet in Relief: Maurice Scève (pp. 117-147) in cui Délie e l’ecloga Saulsaye sono studiati secondo il punto di vista di quella spazialità in cui poesia e immagini coesistono. Gli ultimi due capitoli sono invece dedicati a Ronsard e Montaigne: Ronsard in Conflict: A writer out of Place (pp. 149-175) e Montaigne and His Swallows (pp. 177-199).

2Il volume Poetry and Topography in Early Modern France. An Errant Eye si propone quindi di indagare come, durante il Rinascimento francese, le nuove scoperte geografiche favoriscano un nuovo interesse per la topografia. Interesse che arriva a influenzare anche la poesia. In questo senso, il poeta è come un cartografo che ha il compito di descrivere il mondo attraverso immagini e disegni, ma anche attraverso componenti sonore e visive del linguaggio. Poeta e topografo sono accomunati così da un sentimento di meraviglia e di contemplazione.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Martina Airoldi, « Tom Conley, An Errant Eye. Poetry and Topography in Early Modern France »Studi Francesi, 166 (I | LVI) | 2012, 133.

Notizia bibliografica digitale

Martina Airoldi, « Tom Conley, An Errant Eye. Poetry and Topography in Early Modern France »Studi Francesi [Online], 166 (I | LVI) | 2012, online dal 30 novembre 2015, consultato il 08 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/4635

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals